L’apparecchio acustico ritarda la demenza

Nei soggetti a rischio riduce il rischio di declino cognitivo

Varie_8284.jpg

Le persone che mostrano declino cognitivo e che sono a rischio di demenza possono beneficiare dell’uso di un apparecchio acustico, che ha l’effetto di ritardare l’esordio della malattia.
A dirlo è uno studio pubblicato su The Lancet da un team della Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora diretto da Frank Lin. È molto comune la perdita dell’udito legata all’età, tanto che il fenomeno colpisce due terzi degli over 60 nel mondo. Tuttavia, meno di un soggetto su 10 con perdita dell’udito nei paesi a basso e medio reddito e meno di 3 su 10 nei paesi ricchi utilizzano un apparecchio acustico.
Già in passato alcuni studi avevano evidenziato un minor rischio di demenza per chi usa apparecchi acustici, ma questo è il primo trial specifico sul tema. Allo studio hanno partecipato due diverse popolazioni, la prima ad alto rischio di declino cognitivo e la seconda costituita da ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

NOTIZIE SPECIFICHE SU | demenza, ipoacusia, udito,




Del 18/07/2023 10:30:00

Notizie correlate













































































Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it
ADD BOOKMARK

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicit su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 245207 volte