La cannabis per il dolore aumenta il rischio di aritmie

Studio danese avanza dubbi sui suoi effetti a lungo termine

Varie_8290.jpg

L’utilizzo di cannabis per combattere il dolore cronico potrebbe avere effetti avversi non considerati finora. A segnalarli è uno studio del Gentofte University Hospital di Hellerup, in Danimarca, presentato durante il Congresso della Società Europea di Cardiologia di Barcellona.
Lo studio, coordinato da Nina Nouhravesh, ha analizzato gli effetti della cannabis medica, approvata nel 2018 per il trattamento del dolore cronico quando tutte le altre misure si sono rivelate insufficienti.
L’analisi di oltre 1,6 milioni di pazienti dal 2018 al 2021 ha individuato 4.931 soggetti cui è stata prescritta almeno una volta la cannabis. I pazienti, con età media di 60 anni, sono stati seguiti per un anno e mezzo per valutare i rischi di insorgenza di problemi cardiovascolari.
Circa il 17,8% aveva il cancro, il 17,1% artrite, il 14,9% mal di schiena, il 9,8% malattie neurologiche, il 4,4% mal di ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | cannabis, dolore, aritmie,

Notizie correlate













































































Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it
ADD BOOKMARK

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 184381 volte