(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) cosiddetta ritardata, che prevedeva la somministrazione di relugolix 40 mg in monoterapia seguita dall'associazione, ciascuna per 12 settimane.
Le donne sottoposte a trattamento con relugolix nei due bracci dello studio hanno mostrato un tasso di risposta medio del 72% contro il 17% delle donne che hanno assunto placebo.
Inoltre, le donne trattate con l’associazione hanno mostrato miglioramenti significativi in vari parametri: dolore, anemia, sanguinamenti e volume uterino. Non c’è stato invece alcun effetto sulla riduzione del volume dei fibromi.
«Il prossimo passo sarà valutare l'efficacia di un basso dosaggio di estrogeni senza
rinunciare ai benefici di relugolix, mantenendo la salute ossea e mitigando gli effetti collaterali da basso dosaggio estrogenico», conclude Al-Hendy.

Fonte: New England Journal of Medicine

09/04/2021 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante