Covid, il danno d’organo è persistente

Presente a distanza di un anno nei pazienti che lo subiscono

Varie_8545.jpg

Nei pazienti che subiscono un danno d’organo a causa di Covid-19, il fenomeno è persistente a un anno dalla diagnosi in oltre un caso su due (59%). Inoltre, il meccanismo è evidente anche in chi non ha contratto Covid-19 in forma grave.
A dirlo è un nuovo studio dell’Università di Los Angeles pubblicato sul Journal of the Royal Society of Medicine che si è concentrato su quei pazienti che accusavano difficoltà di respirazione, disfunzioni cognitive e scarsa qualità della vita.
Allo studio hanno preso parte 536 pazienti con Long Covid, il 13% dei quali è stato ricoverato in ospedale al momento della diagnosi. Nel 32% dei casi si trattava di operatori sanitari. 331 (62%) dei 536 pazienti hanno manifestato una compromissione degli organi 6 mesi dopo la diagnosi iniziale. I pazienti sono stati seguiti per ulteriori 6 mesi e sottoposti a risonanza magnetica multiorgano di 40 minuti.
È ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | Covid, organo, danno,

Notizie correlate













































































Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it
ADD BOOKMARK

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicit su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 237212 volte