Il vaccino anti-Covid non aumenta il rischio di ipoacusia

Nessuna correlazione fra il disturbo e la vaccinazione

Non esiste correlazione fra il rischio di ipoacusia neurosensoriale improvvisa e la vaccinazione anti-Covid. A dirlo è uno studio pubblicato su Jama Otolaryngology-Head & Neck Surgery da un team del Finnish Institute for Health and Welfare di Helsinki guidato da Tuomo Nieminen, che spiega: «In seguito alla vaccinazione con il vaccino a mRNA BNT162b2 (Pfizer- BioNTech) sono state inviate segnalazioni di reazioni avverse spontanee di ipoacusia improvvisa, e uno studio di coorte basato sulla popolazione condotto in Israele ha mostrato un aumento dell'incidenza di ipoacusia neurosensoriale improvvisa. Tuttavia, la situazione rimaneva abbastanza confusa».
I ricercatori hanno analizzato i dati di 5,5 milioni di residenti finlandesi grazie a un registro nazionale. L'incidenza della malattia è stata confrontata con quella del periodo precedente alla pandemia. Per i 5,5 milioni di residenti ...  (Continua) leggi la 2° pagina

Notizie su: ipoacusia, Covid, vaccino,

Notizie correlate


Acufene pericoloso quando persistente Bisogna intervenire subito per non aggravare il problema





Le apnee notturne causano declino cognitivo L'effetto è visibile anche in soggetti sani





Disfonia, 10 regole salva voce 1 italiano su 5 colpito da disfonia almeno una volta nella vita





Rigenerare le corde vocali grazie all'idratazione Bere acqua influisce positivamente sulla salute vocale





Come mantenere la voce in salute La passione del canto può comprometterne la funzionalità





Un'app per curare l'acufene Nuovo approccio basato sulla tecnologia degli smartphone





Il vaccino anti-Covid non aumenta il rischio di ipoacusia Nessuna correlazione fra il disturbo e la vaccinazione





Le apnee ostruttive nei bambini Patologia sociale per la popolazione pediatrica





Il colore del muco Ogni differenza cromatica corrisponde a un significato





Apnee ostruttive, a volte non basta neanche il Cpap In alcuni casi il ventilatore a flusso d'aria continuo non risolve la situazione





Omalizumab per la rinosinusite cronica con poliposi nasale Efficace nel migliorare l'ostruzione, la congestione nasale e l'olfatto





La chemioterapia mette a rischio l'udito Studio valuta la prevalenza dei problemi alle orecchie





Come liberarsi delle afte I suggerimenti per contrastare una condizione molto fastidiosa





Perché singhiozziamo? Condizione comune che coinvolge il diaframma





I danni all'olfatto come segno di cattiva salute Associati a mortalitĂ  per ogni causa





Nuovo farmaco per le apnee ostruttive Utile in caso di eccessiva sonnolenza diurna





Il naso e le sue rinopatie Diagnosi e trattamento delle varie tipologie





Primi freddi, attenzione agli spray nasali Si rischia di trascurare l'ipertrofia dei turbinati





Sindrome del naso vuoto, ricostruzione dei turbinati La tecnica con tessuto autologo consente un recupero veloce