Covid, la deprivazione androgenica ne riduce il rischio

Confermati i risultati di uno studio italiano

Varie_8886.jpg

Era il maggio 2020, nel pieno della pandemia da Covid-19, quando l’Istituto Veneto di Medicina Molecolare (VIMM) di Padova conduceva uno studio - pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica Annals of Oncology - che metteva in evidenza come i pazienti in cura per il cancro alla prostata avessero una probabilità sensibilmente inferiore di essere infettati dal virus Sars-CoV-2.
Lo studio, partito dall’intuizione del professor Andrea Alimonti, Principal Investigator dell’Istituto Veneto di Medicina Molecolare (VIMM) di Padova e professore ordinario di Farmacologia del Dipartimento di Medicina dell’Università di Padova, e del professor Francesco Pagano, presidente della Fondazione per la Ricerca Biomedica Avanzata Onlus (di cui il VIMM è braccio operativo), era stato condotto su un campione di 4532 uomini residenti nella Regione Veneto e dimostrava come gli uomini sottoposti alla terapia ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | Covid, deprivazione, androgenica,

Notizie correlate













































































Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it
ADD BOOKMARK

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 1047 volte