I farmaci per l’emicrania non sono rischiosi in gravidanza

Non sembrano aumentare il rischio di ADHD

Mal di testa_9070.jpg

Si possono utilizzare i farmaci per l’emicrania in gravidanza. Non ci sarebbe infatti il rischio di aumentare le probabilità di ADHD nel futuro bambino, secondo uno studio dell’Università di Oslo pubblicato su Jama Network Open.
Lo studio ha coinvolto un campione di migliaia di bambini e ragazzi con diagnosi di ADHD, con sintomi compatibili con il disturbo o senza sintomi.
In passato, l’esposizione ai triptani è stata associata a problemi del neurosviluppo fetale, ma le informazioni sulla sicurezza a lungo termine dei farmaci sono limitate ed è difficile trarre conclusioni certe.
Nel presente studio, gli scienziati hanno esaminato l’associazione fra uso materno di triptani durante la gravidanza e diagnosi e presenza dei sintomi del Disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) nei bambini. I bambini esposti ai triptani nella vita intrauterina sono stati messi a confronto ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | emicrania, cefalea, farmaci,

Notizie correlate













































































Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it
ADD BOOKMARK

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicit su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 184390 volte