(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) spiegano la maggiore suscettibilità del sesso femminile al dolore neuropatico.
“Fino a oggi le ricerche si erano focalizzate su quelli che sembravano essere gli attori principali coinvolti nelle neuropatie e sul dolore a esse associato, che si pensavano essere all’origine di questa differenza, ossia il sistema immunitario, le cellule non neuronali (neuroglia) e gli ormoni sessuali, scoprendo effettivamente divergenze tra maschi e femmine nella risposta al danno nervoso. Ma cosa effettivamente innescasse le diverse risposte di questi attori dopo una lesione nervosa era finora ignoto”, spiega Sara Marinelli ricercatrice del Cnr-Ibbc, alla guida del team di ricerca. “Il tessuto adiposo, organo fino a non molto tempo fa considerato amorfo, è in realtà particolarmente dinamico nella comunicazione inter-organo, ed è capace di regolare, influenzare e modificare numerosi processi fisiologici e patologici, non soltanto di natura metabolica. Oggi, abbiamo aggiunto un importante tassello alla comprensione di questo divario, scoprendo che questo organo partecipa attivamente alla riparazione di un danno neurologico in modo sesso-dipendente”.
In vari disordini metabolici, quali ad esempio il diabete e l’obesità, il tessuto adiposo è considerato un organo che può facilitare processi infiammatori o essere causa dell’insorgenza di neuropatie; l'ipotesi che esso possa svolgere un ruolo predominante e differente in base al sesso nel modulare la risposta metabolica a una lesione nervosa - in assenza di concomitanti patologie metaboliche - non era però mai stata presa in considerazione.
Le osservazioni del team si sono concentrate sulle lesioni a un nervo periferico, arrivando a superare molte precedenti aspettative: “A seguito di tale tipo di lesione, abbiamo osservato che il tessuto adiposo maschile promuove la glicolisi - ossia la scissione della molecola di glucosio al fine di generare molecole a più alta energia - e riduce la spesa energetica e i livelli di acidi grassi insaturi. Inoltre, nel sesso maschile, il tessuto adiposo favorisce il rilascio di molecole rigenerative, protegge contro lo stress ossidativo, stimola sue proteine tipiche come l’adiponectina, creando un ambiente favorevole alla rigenerazione e alla guarigione dalla neuropatia”, aggiunge Roberto Coccurello ricercatore Cnr-Isc e Fondazione Santa Lucia IRCCS, supervisore dello studio.
Diversa, invece, la risposta nell’altro sesso. “Il tessuto adiposo femminile mostra una lipolisi e un'ossidazione degli acidi grassi alterate, un aumento della spesa energetica e un’elevata secrezione di ormoni steroidei che influisce sul metabolismo del glucosio e dell’insulina. In sostanza, il tessuto adiposo femminile non solo risponde al danno con un metabolismo alterato simile a quello dei soggetti che sviluppano neuropatie diabetiche, ma rilascia anche altri ormoni coinvolti nella generazione e nel mantenimento del dolore neuropatico”, prosegue Claudia Rossi, docente di Biochimica dell’Università “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara.
“Tutto ciò ha chiare implicazioni nella comprensione delle divergenze di risposta tra i sessi al danno nervoso, soprattutto alla luce del fatto che il sistema immunitario, i neuroni e la neuroglia sono altamente suscettibili ai cambiamenti metabolici e ormonali, soprattutto quelli legati al glucosio, all’insulina e a estrogeni”, conclude Sara Marinelli.
Queste scoperte aprono una prospettiva terapeutica nuova per affrontare i danni nervosi periferici, anche se saranno necessarie ulteriori ricerche per identificare bersagli più precisi e mettere a punto terapie diversificate a seconda del genere.
Notizie specifiche su: danno, neurologico, adiposo, 16/10/2023 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai le notizie più importanti.

Notizie correlate

Amebe nel cervello, attenzione ai lavaggi nasali

  • Amebe nel cervello, attenzione ai lavaggi nasali Assolutamente da evitare l’uso dell’acqua del rubinetto
    (Leggi)


Miastenia gravis, efficace batoclimab

  • Miastenia gravis, efficace batoclimab Benefici dall’anticorpo monoclonale diretto contro le IgG
    (Leggi)


Mal di testa fortissimo, aveva una tenia nel cervello

  • Mal di testa fortissimo, aveva una tenia nel cervello I parassiti avevano causato la formazione di cisti
    (Leggi)


La malattia del cervo zombie

  • La malattia del cervo zombie Centinaia gli esemplari colpiti, potrebbe minacciare anche l’uomo
    (Leggi)


La nanomedicina per le lesioni del midollo spinale

  • La nanomedicina per le lesioni del midollo spinale Studio italiano apre la strada a nuovi trattamenti
    (Leggi)


Un test per predire demenza e infarto

  • Un test per predire demenza e infarto Scoprire le malattie in anticipo per intervenire
    (Leggi)


Una passeggiata nel verde aiuta il cervello

Dolore cronico, il neurostimolatore che lo controlla

  • Dolore cronico, il neurostimolatore che lo controlla Il pacemaker del midollo spinale monitora la risposta neurale
    (Leggi)


Gli animali domestici rallentano il declino cognitivo

  • Gli animali domestici rallentano il declino cognitivo Aiutano gli anziani a mantenere acutezza mentale
    (Leggi)


I fattori di rischio per la demenza giovanile

  • I fattori di rischio per la demenza giovanile Studio si concentra sui fattori modificabili
    (Leggi)


Un algoritmo prevede il ritmo circadiano

  • Un algoritmo prevede il ritmo circadiano Fondamentale per la diagnostica di precisione
    (Leggi)


Il sistema immunitario influenza la memoria

  • Il sistema immunitario influenza la memoria Implicazioni per le malattie neurodegenerative e del neurosviluppo
    (Leggi)


La stimolazione spinale per la neuropatia periferica

  • La stimolazione spinale per la neuropatia periferica Stimolazione spinale ad alta frequenza sicura, efficace e conveniente
    (Leggi)


Il ruolo del sonno nella costruzione della memoria

  • Il ruolo del sonno nella costruzione della memoria Analisi sulle connessioni fra ippocampo e corteccia cerebrale
    (Leggi)


La stimolazione profonda per le lesioni cerebrali

  • La stimolazione profonda per le lesioni cerebrali Migliorata la risposta ai test funzionali
    (Leggi)


La lettura digitale complica la comprensione del testo

  • La lettura digitale complica la comprensione del testo Più facile apprendere per chi si affida alla lettura tradizionale
    (Leggi)


Possibile cura per la malattia di Charcot-Marie-Tooth

  • Possibile cura per la malattia di Charcot-Marie-Tooth Identificazione di un possibile approccio terapeutico per il tipo 2A
    (Leggi)


Avere un cane riduce il rischio di demenza

  • Avere un cane riduce il rischio di demenza La cura dell’animale spinge a conservare abitudini salutari
    (Leggi)


Il freddo riduce lo stimolo della sete

  • Il freddo riduce lo stimolo della sete Importante una corretta idratazione anche in inverno
    (Leggi)