(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) Rispetto a qualche anno fa, la quantità di tempo che i padri passano con i neonati supera oggi anche le sei ore al giorno. Mentre in passato era di poche ore, se non quasi pari a zero, in questa fase della crescita dei figli. Oggi gli uomini sono più mammi e con funzioni da mammi”.
Gli scienziati americani hanno analizzato l'esperienza di 29 coppie alle prese con il loro primo figlio, valutandone i livelli ormonali. L'autore principale dello studio, Robin Edelstein, commenta: “fino ad ora si pensava che nell’uomo cambiassero i livelli di alcuni ormoni solo alla nascita del bambino, ma abbiamo visto invece che i cambiamenti iniziano prima, all’inizio della gravidanza. Anche se è ancora difficile stabilire quale ne sia la causa”.
La gravidanza può ovviamente generare stress e ansia, in ogni caso si determina un cambiamento della personalità che influenza i neurotrasmettitori e inibisce l'attività di secrezione delle gonadotropine. C'è da considerare poi la diminuzione dell'attività sessuale, il che si traduce in una riduzione automatica della produzione di testosterone, almeno negli uomini.
Peraltro, una ricerca commissionata dalla Pampers su un campione di 2000 uomini fra i 16 e i 65 anni rivela che gli uomini in molti casi avvertono gli stessi sintomi delle proprie compagne durante la gestazione.
Dall'indagine è emerso ad esempio che un quarto dei futuri papà soffre di sbalzi d'umore, mentre più della metà – il 56 per cento – tende ad occuparsi maggiormente della casa, preparando ad esempio la cameretta per il bambino, ovvero mette in atto quello che gli esperti chiamano istinto di nidificazione. Inoltre, il 10 per cento segnala il desiderio di cibi particolari, l'8 per cento denuncia una maggiore emotività e il 6 per cento dichiara addirittura di avvertire delle nausee mattutine.
Stando a quanto afferma Mary Steen del Royal College of Midwives, nel Regno Unito, tutto ciò si spiega con un cambiamento di tipo sociologico nell'approccio alla gravidanza. Rispetto al passato, infatti, gli uomini sono molto più propensi ad essere coinvolti nell'esperienza della gravidanza vissuta dalla partner: “molti uomini accompagnano le loro compagne a fare le ecografie e sono più propensi rispetto al passato a frequentare corsi prenatali – dichiara la dottoressa –. Gli uomini così vengono coinvolti di più, riescono a costruire un legame emotivo più forte con il bambino e a saperne di più sulle emozioni che la propria partner sperimenta”.
Leggi altre informazioni
19/12/2014 Andrea Piccoli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante