(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) pubblicato su “Menopause”, secondo il quale una supplementazione con fitostanoli, sostanze naturali con funzione simile agli estrogeni che in natura si trovano in frutta secca, mais, noci, semi, legumi e oli vegetali, aiuta a controllare i livelli di colesterolo nel sangue.
Lo studioha coinvolto, per 6 settimane, 60 donne in menopausa moderatamente ipercolesterolemiche, con o senza problemi cardiovascolari, con l’obiettivo di osservare gli effetti indotti da un consumo giornaliero di margarine arricchite con fitostanoli sulla riduzione della colesterolemia e sul mantenimento di tale effetto a lungo termine.
In base all’età, all’indice di massa corporea e ai livelli iniziali di colesterolo e trigliceridi, le donne sono state suddivise in tre gruppi: il primo (gruppo di controllo) comprendeva donne sane non sottoposte ad alcuna supplementazione; il secondo comprendeva donne con patologie cardiovascolari sottoposte ad una supplementazione con 3 g/d di stanolo (corrispondente a 24 g/d di margarina arricchita); il terzo donne senza pregressi problemi cardiovascolari cui sono stati somministrati, per 6 mesi, 3 g/d di stanolo (corrispondente a 24 g/d di margarina arricchita). Successivamente questo gruppo è stato suddiviso in due sottogruppi di cui uno ha continuato il trattamento con 3 g/d di stanolo per altri 6 mesi, mentre il secondo ha ridotto la dose a 2 g/d per lo stesso periodo di tempo.
Dopo le 6 settimane si è osservata una riduzione del colesterolo totale nelle donne dei due gruppi che avevano assunto fitostanoli, mentre questo valore rimaneva invariato nel gruppo di controllo. Nel gruppo senza patologie cardiovascolari l’assunzione di fitostanoli è proseguita per tempi più lunghi, e a 6 mesi si è notato un calo di oltre il 12% della colesterolemia LDL. A 12 mesi si è avuta un’ulteriore diminuzione (-17%) nelle donne che avevano continuato l’assunzione di 3g/d di fitostanoli, mentre nel sottogruppo che aveva ridotto la dose degli stessi si è avuto un lieve aumento. In nessun caso, si è osservata una diminuzione della colesterolemia HDL, e pertanto la riduzione della colesterolemia totale è attribuibile esclusivamente al calo del colesterolo “cattivo” LDL.
Dallo studio emerge quindi che, in donne in menopausa, indipendentemente dalla presenza di patologie cardiovascolari, una supplementazione di fitostanoli, anche per breve tempo, contribuisce all’abbassamento della colesterolemia totale ed LDL. Tali risultati suggeriscono il ruolo importante dei fitostanoli nel controllo dell’ipercolesterolemia legata al sesso e alla produzione di estrogeni.
Per poter usare correttamente gli integratori alimentari è sempre e comunque consigliabile rivolgersi a un medico specialista ed evitare il “fai da te”.
Leggi altre informazioni
29/12/2010

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante