Nuova cura senza chemio per la leucemia

Per la forma acuta linfoblastica Philadelphia-positiva degli adulti

La leucemia acuta linfoblastica Philadelphia positiva (LAL Ph+) rappresenta il sottogruppo più frequente di questo tipo di tumore del sangue negli adulti, la cui incidenza aumenta progressivamente con l'età. Sopra i 50 anni può infatti interessare un caso su due. Nel passato era considerata la neoplasia ematologica con il decorso più infausto, in quanto poco rispondente alla chemioterapia. L'unica strategia potenzialmente curativa era legata alla possibilità di effettuare un trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche, una procedura raramente percorribile per la scarsa sensibilità alla chemioterapia e per l'età avanzata di molti pazienti.
La prognosi è cambiata dall'inizio degli anni 2000 con l'introduzione nella pratica clinica degli inibitori delle tirosin-chinasi, una terapia mirata alla lesione genetica che caratterizza la LAL Ph+. In tutti i protocolli nazionali del ...  (Continua) leggi la 2° pagina

Notizie su: leucemia, linfoblastica, acuta,

Notizie correlate


Mieloma multiplo, approvato ciltacabtagene autoleucel Opzione valida a partire dalla seconda linea di trattamento





L'allattamento al seno riduce il rischio di leucemia Nuove prove sull'associazione fra allattamento esclusivo e rischio di cancro





Nuova terapia per la leucemia mieloide acuta Trattamento possibile per i bambini colpiti





Nuova cura senza chemio per la leucemia Per la forma acuta linfoblastica Philadelphia-positiva degli adulti





Nuova terapia per la leucemia linfatica cronica Trattamento efficace e ben tollerato





Nuove cure per la leucemia mieloide acuta Studio sui linfociti T antitumorali apre la strada a trattamenti innovativi





Leucemia, il trapianto di staminali aumenta la sopravvivenza Il tasso di sopravvivenza supera il 70 per cento dopo il trapianto





L'immunoterapia è più efficace fra gli uomini Studio italiano mostra l'inferiorità del beneficio fra le donne





Leucemia, efficaci le cellule Carcik Studio dimostra l'efficacia in caso di leucemia linfoblastica acuta





Nuove opzioni per la leucemia mieloide cronica Le caratteristiche e l'efficacia di asciminib





La cucina a gas accresce i livelli di inquinamento domestico Stufe e fornelli a gas aumentano di poco il rischio di leucemia





Leucemia, la terapia con cellule Natural Killer Alternativa più accessibile alla tecnica con CAR-T





Azacitidina per la leucemia mieloide acuta Riduce il rischio di recidiva nei pazienti in remissione





Leucemia, approvato ivosidenib Farmaco indicato anche per il colangiocarcinoma





I trattamenti della Leucemia Linfatica Cronica Le varie fasi del percorso di cura





Leucemia, nuovo strumento per predirne l'evoluzione Le probabilità che una sindrome mielodisplastica evolva in leucemia





Leucemia mieloide acuta, da cosa dipendono le recidive Identificate cellule staminali responsabili





Leucemia mieloide acuta, nuova terapia aumenta sopravvivenza Il farmaco venetoclax indicato nei casi più difficili





Leucemia, ibrutinib più venetoclax efficaci Efficacia e risposte durevoli dal trattamento a durata fissa