EPATITI

Consulta centinaia di testi. Indice di tutti gli articoli Epatiti

Sintomi Diagnosi Terapia


Per epatite si intende un processo infiammatorio coinvolgente il fegato che causa lesione delle cellule epatiche (epatociti). L'epatite si distinge in acuta e cronica. La forma acuta è rapida, evolve nel giro di poche settimane e può essere modesta come numero di cellule coinvolte e come danno, con completa restituzione della funzionalità epatica una volta finito il processo infiammatorio oppure progredire inesorabilmente verso la totale perdita delle funzioni del fegato (atrofia giallo acuta). L'epatite cronica, invece, si instaura in genere dopo un fatto acuto e lentamente ma progressivamente può portare alla cirrosi epatica e favorire l'insorgenza di epatocarcinomi. Ci sono molti tipi di epatiti, virali, tossiche (da funghi e da agenti chimici), autoimmuni, granulomatose, etc. Quelle più frequenti in assoluto, sia in forma acuta che cronica, sono le epatiti virali causate da virus "epatotropi" che danneggiano primitivamente il fegato e le sue cellule. I virus epatitici conosciuti sono il virus dell'epatite A (HAV), il virus dell'epatite B (HBV), il virus dell'epatite C (HCV), quello dell'epatite delta (HDV), e quelli delle epatiti E, F, G (meno frequenti). I più frequenti in Italia sono i virus delle epatiti A, B, C. L'epatite A non cronicizza e viene trasmessa per via alimentare (mitili, pesce crudo), le epatiti B e C possono cronicizzare (maggiormente la C) e vengono trasmesse con il sangue e le secrezioni. Quelle pi? frequenti in assoluto, sia in forma acuta che cronica, sono le epatiti virali causate da virus "epatotropi" che danneggiano primitivamente il fegato e le sue cellule. I virus epatitici conosciuti sono il virua dell'epatite A (HAV), il virus dell'epatite B (HBV), il virus dell'epatite C (HCV), quello dell'epatite delta (HDV), e quelli delle epatiti E, F, G (meno frequenti). I pi? frequenti in Italia sono i virus delle epatiti A, B, C. L'epatite A non cronicizza e viene trasmessa per via alimentare (mitili, pesce crudo), le epatiti B e C possono cronicizzare (maggiormente la C) e vengono trasmesse con il sangue e le secrezioni.


Sintomi

Le epatiti acute possono decorrere in modo sintomatico o inapparente. Non è raro il caso di soggetti in cui si rilevano segni di cronicizzazione e in cui non risulta possibile risalire al momento dell'esordio acuto. Il segno più evidente della fase acuta è l'ittero, poi può essere presente dolenzia nella zona sottocostale destra, oppure vomito e sintomi gastroenterici. Durante la fase di infezione acuta, indifferentemente dal tipo di virus in causa, le cellule lesionate rilasciano enzimi intracellulari (transaminasi) che si rilevano in alto tasso nel sangue. La fase cronica delle epatiti è caratterizzata da un progressivo declino delle funzioni epatiche, con deficit di fattori prodotti dal fegato (albumina, protrombina e fattori coagulativi), deficit di metabolizzazione epatica di farmaci e ormoni, persistente elevazione delle transaminasi e dei livelli di bilirubina (se vi è ostruzione al circolo biliare). Quando l'epatite cronica evolve in cirrosi, si instaura una difficoltà di circolo all'interno del fegato che provoca ipertensione dei vasi afferenti (ipertensione portale e varici esofagee).

Diagnosi

La diagnosi di epatite si basa sul riscontro di elevati valori delle transaminasi epatiche e sui test sierologici per l'accertamento della causa virale (anticorpi ed antigeni virali). La biopsia epatica è indispensabile per definire il grado e il tipo di lesione presente nel fegato ed indirizzare la terapia.

Terapia

La terapia della fase acuta è esclusivamente di sostegno, diminuendo il carico di lavoro metabolico del fegato (farmaci, grassi, alcool) e osservando un periodo di riposo di alcune settimane. Le forme croniche vengono valutate e trattate in ambiente specialistico, dopo aver effettuato una biopsia epatica. Tra i farmaci disponibili vi sono l'interferone e nei casi più resistenti l'associazione interferone-ribavirina. La terapia dell'epatite B è piuttosto soddisfacente mentre l'epatite C tende a recidivare in circa il 25% dei casi.

Notizie correlate


Nuova molecola contro l'epatite B

Testata su modelli preclinici, apre la strada a nuove cure







Epatite Delta, efficace bulevirtide

Approvato il farmaco per l'infezione







Il virus adeno-associato 2 alla base dell'epatite infantile

I casi di epatite acuta potrebbero essere collegati alla presenza del virus







Epatite A, una sola dose di vaccino è sufficiente

L'Oms raccomanda la strategia a dose singola per la prevenzione







Epatite C, verso l'eradicazione del virus

Per rintracciare il sommerso occorre cercare anche fra gli over 50







Vaccino Covid ed epatite autoimmune, nessun legame

I rarissimi casi emersi non sono associabili alle iniezioni







Epatite C, le donne in carcere rischiano di più

Le detenute rischiano il doppio degli uomini l'insorgenza dell'infezione







Epatite C, l'approccio migliore per superarla

Screening mirato e terapie specifiche per eradicare l'infezione







Epatite B, biomarcatori possono far sospendere i farmaci

Possibile distinguere i pazienti che non corrono rischi di recidive







Epatite B, una molecola riattiva il sistema immunitario

Allo studio una terapia più efficace per estirpare l'infezione







Epatite, anche la D è pericolosa

Comorbilità nel 5% dei pazienti con epatite B







Epatite C, nuovo farmaco per eradicarla

Medicinale a base di sofosbuvir







Epatite B, il virus si riattiva con gli antivirali

Quando si assumono farmaci ad azione diretta per l'epatite C







Epatite C, disponibile nuova combinazione

Parere positivo per Vosevi







Epatite C, obiettivo eliminazione grazie a Epclusa

Combinazione sofosbuvir/velpatasvir efficace su tutti i genotipi







Hcv, l'efficacia di ledipasvir/sofosbuvir

I risultati ottenuti su nuove classi di popolazione







Un'epidemia di epatite A fra i gay

A lanciare l'allarme un'analisi dell'Iss







Epatite, nuovi farmaci possono causare insufficienza epatica

I superfarmaci accusati di gravi effetti collaterali







Epatite, l'efficacia del micofenolato

Alternativa alla somministrazione di corticosteroidi







Epatite C, una pillola al giorno per 3 mesi

Guarigione legata al cocktail di Grazoprevir ed Elbasvir







Un cocktail per guarire dall'epatite C

Tassi di guarigione del 92 per cento secondo gli ultimi dati







Epatite C, un algoritmo per la terapia migliore
____________________________


Aggiornato e disponibile sul sito dell'Aifa







Nuovo regime terapeutico per l'epatite C cronica

I dati su Sofosbuvir, GS-5816 E GS-9857







Harvoni e Sovaldi, due farmaci per l'epatite C avanzata
____________________________


Risultano efficaci in pazienti privi di alternative terapeutiche