EPILESSIA

Consulta centinaia di testi. Indice di tutti gli articoli Epilessia

Sintomi Diagnosi Terapia


Gruppo di sindromi caratterizzate da un'alterazione dell'attività bioelettrica cerebrale, consistente in turbe parossistiche che tendono a ripetersi episodicamente, accompagnate da diversi fenomeni motori, sensoriali, vegetativi e a carico dei processi mentali. Presenta una sintomatologia diversa in base alla sua classificazione. Si distinguono un'e. idiopatica da una sintomatica (o, con più moderna classificazione, una e. essenziale o primaria e una e. a focolaio, che presenta cioè un focus d'irritazione corticale). Nella prima la predisposizione alla crisi è presumibilmente costituzionale, nella seconda si collega a lesioni di varia origine (traumi cranici, encefaliti pregresse, tumori) dell'encefalo. Clinicamente si distinguono un'e. generalizzata, in cui la sofferenza interessa tutte le zone corticali, da una parziale, in cui la sofferenza è localizzata in un numero ristretto di aree. Tra le e. parziali merita un posto a parte l'e. psicomotrice, legata a una sofferenza del lobo temporale. L'e. generalizzata si distingue in grande male e piccolo male.


Sintomi

Inizia con una fase tonica, in cui si hanno arresto del respiro, perdita di coscienza e caduta a terra. Dopo circa trenta secondi segue la fase clonica, caratterizzata da scosse cloniche dei muscoli del volto e degli arti. Dopo qualche minuto il paziente entra in stato comatoso, da cui riemerge in qualche decina di minuti. La crisi di grande male può essere preceduta da uno stato particolare, detto aura, in cui possono essere presenti, variamente associati, fenomeni motori (p. es., scosse cloniche), allucinazioni, ecc. Nel piccolo male si ha una grande varietà di sintomi: il più tipico è l'assenza, breve perdita di coscienza della durata di pochi secondi, di cui il paziente non conserva alcun ricordo, non seguita da caduta a terra, spesso difficilmente avvertibile anche all'osservatore esterno per la sua estrema transitorietà. Si possono avere anche il piccolo male mioclonico, con brevi scosse muscolari, le crisi acinetiche, con improvvisa perdita del tono muscolare e conseguente caduta a terra, la narcolessia parossistica, con improvvisa caduta nel sonno, ecc. La sintomatologia più tipica delle e. parziali è data dalle crisi jacksoniane. Si hanno crisi jacksoniane motorie, con lesioni nella circonvoluzione frontale prerolandica, costituite da scosse cloniche in gruppi muscolari limitati controlaterali; e crisi jacksoniane sensoriali, con lesione nella circonvoluzione parietale postrolandica e alterazioni della sensibilità (anestesie e parestesie) in regioni corporee controlaterali. Come sintomi di e. parziale possono anche aversi allucinazioni, crisi vegetative, ecc. Abitualmente il paziente conserva una perfetta coscienza. Nell'e. psicomotoria, infine, si ha la presenza di automatismi motori, più o meno complessi, e un notevole abbassamento del livello di coscienza, con presenza frequente di stato confusionale. Nella diagnosi di e. è estremamente prezioso l'uso dell'elettroencefalogramma, che rivela specificamente le alterazioni dei bioritmi cerebrali.

Diagnosi

Nel formulare la diagnosi il medico cerca di ottenere il maggior numero possibile di informazioni sugli attacchi. Spesso, i pazienti non ne hanno alcun ricordo e quindi queste informazioni possono essere ottenute da testimoni. Di solito, dopo aver eseguito un esame neurologico completo, il medico prescriver un EEG per facilitare la diagnosi. È importante saper che l'EEG non sempre può confermare o escludere con certezza una diagnosi di convulsioni e che i risultati relativi vanno considerati alla luce di altri reperti clinici.

Terapia

Tra i farmaci impiegati nella terapia sintomatica delle varie forme di e.: i derivati della serie dei barbiturici, degli ossazolidinici, dell'acetilurea e le succinimmidi. Tuttavia, il trattamento dell'e. costituisce ancora oggi un serio problema medico dato che nessuno dei farmaci noti dispone interamente degli ottimali requisiti di efficacia e di innocuità. Ciò giustifica anche il corrente criterio di associare due o più farmaci riducendo proporzionalmente il dosaggio di ciascuno di essi. Il raggiungimento della terapia ottimale, oggi anche con l'impiego delle più maneggevoli e meno pericolose benzodiazepine, è più facilmente ottenibile con il monitoraggio dei farmaci, cioè con il dosaggio dei loro metaboliti nel sangue al fine di attenersi al minimo delle dosi efficaci, evitando così il più possibile le conseguenze di un uso che è obbligatoriamente prolungato. Nuove sostanze sono entrate nella terapia delle epilessie. Una di esse, il felbamato, è rivolta soprattutto alla cura delle forme più severe di epilessia infantile, la cosiddetta sindrome di Lennox-Gastaut, che può provocare fino a 200 crisi in un'ora. La sostanza sembra in grado di bloccare un'anomala eccitazione dei neurotrasmettitori cerebrali che provoca le crisi epilettiche. Altre nuove sostanze sono la lamotrigina e la gabapentina, indicate nelle forme meno gravi, e dotate di effetti calmanti sulle cellule cerebrali che in presenza della crisi reagirebbero con una sovraeccitazione. È stato infine sperimentato in Svezia un apparecchio simile a un pacemaker cardiaco, in grado di dimezzare la frequenza delle crisi epilettiche nei pazienti che non rispondono ad altre terapie. Si tratta di uno stimolatore del nervo vago, impiantato con un intervento chirurgico all'altezza del collo. Il filo elettrico, avvolto sul nervo, viene poi collegato con un congegno elettronico grosso quanto un orologio, programmato per fornire impulsi per 30 secondi ogni 5 minuti, 24 ore su 24. Nel soccorso d'urgenza a un soggetto colto da crisi convulsiva, bisogna solo allontanare eventuali ostacoli contro cui egli possa urtare per evitare contusioni; inoltre dato che la contrattura è massiva e involontaria, non va in nessun modo trattenuto perché si possono produrre fratture; lo stato crepuscolare di sonno profondo non va turbato perché coincide con un suo recupero cerebrale dall'anossia subita, da cui si riprenderà, dopo un po' di tempo, con piena lucidità di coscienza anche se non ricorderà l'accaduto (eclissi cerebrale).

Notizie correlate


Le onde lente del cervello aiutano gli epilettici

Componente fondamentale con funzioni riparatrici







Epilessia, disturbi mentali più frequenti per chi ne soffre

Un grave problema che incrementa il rischio di morte







La transizione all'età adulta nella sindrome di Dravet

Migliorare il passaggio della presa in cura per ridurre il disagio del paziente







L’epilessia dopo un’encefalite autoimmune

Può diventare cronica se non si interviene







Nuova diagnosi per l'epilessia

Alterazioni cerebrali anche in assenza di crisi epilettiche







Epilessia, la chirurgia bariatrica è un fattore di rischio

Aumenta il rischio di insorgenza della malattia







Un algoritmo prevede le crisi epilettiche

Un complesso modello matematico può aiutare i pazienti







Una terapia genica per l'epilessia

Regola l'eccitabilità neuronale in un circuito chiuso







Sindrome di Dravet, fenfluramina per le crisi epilettiche

Disponibile il farmaco che riduce le crisi convulsive







Quando il cervello è troppo connesso

Alterazione della comunicazione neurale nell'epilessia temporale







Epilessia, ecco le cause della cronicizzazione

Tre fattori alla base del fenomeno







Epilessia, efficace il cenobamato

Opzione terapeutica ora disponibile anche in Italia







Epilessia, efficace brivaracetam

I risultati del farmaco in real world







Studiare l'epilessia grazie alle staminali

Si possono esaminare i neuroni di un paziente senza prelevarli







Epilessia, il possibile ruolo degli astrociti

Scoperti meccanismi modulatori nelle trasmissioni sinaptiche







L'inquinamento aumenta il rischio di epilessia

Crisi epilettiche più frequenti con concentrazioni elevate di CO







Epilessia, l'olio di Cbd funziona?

Il rimedio naturale potrebbe offrire un'alternativa preziosa







Cannabis utile nell'epilessia infantile

Ridotto il numero di crisi epilettiche mensili







Un microchip per spegnere l'epilessia

Progetto italiano per regolare l'attività elettrica dei neuroni







Epilessia ed emicrania legate da un gene

Una mutazione a carico di PRRT2 favorisce le due patologie







Epilessia, la dieta chetogenica riduce le crisi

Oltre la metà dei pazienti liberi da attacchi







Radiazioni microscopiche per curare l'epilessia

L'obiettivo è disconnettere le aree del cervello dove nascono gli episodi







Epilessia, la chirurgia migliora la connettività cerebrale

Diventa simile a quella delle persone sane







Amartoma ipotalamico, nuove cure possibili

Nuovi trattamenti per la patologia che può causare epilessia