ICTUS

Consulta centinaia di testi. Indice di tutti gli articoli Ictus

Sintomi Diagnosi Terapia


Ictus Lesione di parte dell'encefalo provocata dall'interruzione dell'irrorazione sanguigna o dal travaso di sangue attraverso le pareti dei vasi encefalici. La sensibilità, il movimento o la funzione controllati dalla zona lesa sono ridotti. In circa un terzo dei casi l'ictus risulta mortale e rappresenta una delle principali cause di morte nei paesi industrializzati. Tra le cause di questa malattia ci sono: pressione sanguigna elevata, fibrillazione atriale, lesioni di una valvola cardiaca e un infarto miocardico. Tutte queste condizioni sono in grado di provocare la formazione, nel cuore, di coaguli di sangue che possono rompersi e venire trasportati all'encefalo.


Sintomi

Una lesione a una zona specifica dell'encefalo riduce la sensibilità, il movimento oppure la funzione del corpo, controllata da quella parte dell'encefalo. Un ictus che colpisca l'emisfero cerebrale dominante, in genere il sinistro, può provocare alterazioni del linguaggio e della parola. Il movimento di un lato del corpo è controllato dall'emisfero cerebrale situato sul lato opposto. Quindi, una lesione delle zone che controllano il movimento poste nell'emisfero cerebrale destro provoca debolezza o paralisi della parte sinistra del corpo. Questa debolezza o paralisi monolaterale, chiamata emiplegia, è una delle conseguenze più comuni di un grave ictus. Quando i sintomi durano meno di 24 ore e sono seguiti da una ripresa completa, l'episodio si chiama attacco ischemico transitorio. Questo tipo di attacco, che in genere dura pochi minuti, è un segnale di allarme rivelatore del fatto che una parte dell'encefalo riceve un'insufficiente quantità di sangue.

Diagnosi

Se si pensa che un individuo sia stato colpito da un ictus, occorre chiamare immediatamente il medico o un ambulanza. In circa due terzi dei casi, i sintomi sono di gravità tale da rendere necessario il ricovero. Viene eseguita una tomografia computerizzata cerebrale per stabilire se i sintomi lamentati dal paziente sono provocati da un ictus o da un'altra lesione, per esempio un tumore cerebrale, un ascesso cerebrale, un'emorragia nello spazio posto tra la membrana interna di rivestimento dell'encefalo e quella intermedia o da infiammazione dell'encefalo.

Terapia

La terapia specifica varia secondo il tipo di ictus: ischemico o emorragico. Nei casi emorragici è sempre necessario il ricovero per la rapida evoluzione peggiorativa, nei casi ischemici il ricovero è spesso necessario, ma i TIA di brevissima durata a volte vengono trattati anche a domicilio. Gli ictus ischemici rappresentano il 75% dei casi, in questi casi possono essere utili gli antiaggreganti e gli anticoagulanti (da proscrivere -evitare- se c'è sospetto di emorragia), se c'è coma ed edema cerebrale l'assistenza è di tipo "intensivo", la pervietà delle vie respiratorie e le funzioni vitali vanno sostenute anche meccanicamente. Per contrastare l'edema cerebrale si infonde mannitolo o glicerolo endovena per richiamare l'acqua dai tessuti, ma non in caso di insufficienza renale né di sospetta emorragia. La pressione arteriosa va controllata con appropriata terapia diuretica endovena ed anti-ipertensivi, si possono somministrare corticosteroidi, sempre per via endovenosa, anche se non tutti i protocolli li contemplano come farmaci veramente efficaci. Nel caso di ictus emorragico, 25% dei casi, la terapia va adeguata alla causa dell'emorragia, se è presente una rottura di aneurisma intracranico di piccole dimensioni la neurochirurgia può dare speranze di sopravvivenza, se c'è una emorragia massiva per rottura di un grosso vaso ed eventuale concomitante ipertensione, la prognosi è infausta. Nell'emorragia i sintomi tendono a peggiorare nel tempo, contrariamente a quanto avviene nell'ischemia, in cui dopo un aggravamento iniziale riprende un graduale recupero. Nella fase post-acuta è di fondamentale importanza la terapia fisica riabilitatoria.

Notizie correlate


Russare aumenta il rischio di ictus

Effetto causale indipendente dall'indice di massa corporea







Ictus, nuovo trattamento per la funzionalità cerebrale

Una nuova terapia potrebbe migliorare gli esiti nel periodo post-acuto







Ictus pediatrico, trattamento e recupero

Evenienza più frequente di quanto si pensi







Un sistema robotico per l'ictus

Monitora l'utilizzo delle braccia dei pazienti che hanno subito l'attacco







La microstimolazione in caso di ictus

I danni provocati possono essere contenuti







Le statine aiutano a prevenire un secondo ictus

Ictus ischemico meno probabile grazie ai farmaci







Ictus, fattori ereditari più importanti della dieta

L'alimentazione influisce solo in un terzo dei casi







L'ictus da colpo di calore

Caldo e afa possono scatenare l'ictus in persone predisposte







Chi soffre di emicrania ha un maggior rischio di ictus

Per le donne anche un rischio maggiore di infarto







Ictus, i globuli bianchi ne aggravano i danni

Individuata una sottopopolazione responsabile del danno ischemico







Il deterioramento cognitivo dopo l'ictus

Oltre la metà dei sopravvissuti lo sperimenta







L'ansia aumenta il rischio di ictus

Anche depressione e insonnia influenzano il rischio







Ictus, c'è un nesso con il gruppo sanguigno

Potrebbe influire anche sull'età d'insorgenza dell'evento







Ictus, come predire i casi gravi

In alcuni pazienti i sintomi sembrano lievi prima di aggravarsi







Stimolazione per via epidurale dopo l'ictus

Migliora i movimenti motori e la forza degli arti







La citicolina per il deterioramento cognitivo

L'uso terapeutico del farmaco anche nella fase successiva a un ictus







Ictus, attività fisica vigorosa per recuperare

Per riacquistare la deambulazione serve un programma di esercizi intenso







Gli estrogeni riducono il rischio di ictus

Nelle donne con una vita riproduttiva più lunga il rischio è inferiore







Attacco ischemico transitorio, come evitare l'ictus

Le indicazioni per scongiurare la crisi successiva







Le conseguenze a lungo termine dell'ictus in gravidanza

Necessaria un'assistenza prolungata per monitorarne gli effetti







Cantare in coro per superare l'ictus

Strumento riabilitativo efficace e a basso costo







Uno stile di vita sano contro l'ictus

Riduce il rischio anche nei soggetti predisposti







Bere alcol da giovani predispone all'ictus

Il 20 per cento di rischio in più per chi beve







Il rumore aumenta il rischio di ictus

L'inquinamento acustico sembra svolgere un ruolo non secondario