MORBO DI ALZHEIMER

Consulta centinaia di testi. Indice di tutti gli articoli Morbo di Alzheimer

Sintomi Diagnosi Terapia


Per "demenza" si intende un declino progressivo delle facoltà mentali che in un più o meno lungo intervallo di tempo causa gravi handicap all'individuo. Circa il 70% delle demenze progressive dell'adulto è causato dalla malattia di Alzheimer. I pazienti con la malattia di Alzheimer giungono negli stadi avanzati della patologia a non poter più svolgere nessuna attività autonoma, vivendo uno stato di assoluta dipendenza dai familiari o dal personale sanitario. Sembrerebbe che la malattia di Alzheimer insorga perchè l'elaborazione di alcune proteine cerebrali a livello cellulare avvenga in modo alterato, portando all'accumulo di una proteina tossica nelle cellule e negli spazi intercellulari. A livello cerebrale si rileva una progressiva atrofia della corteccia cerebrale per perdita di neuroni, nell'ippocampo e nelle corteccia implicata nei processi cognitivi e nella memoria. Si è visto che i neuroni che vengono persi durante il progredire della malattia sono in gran parte di tipo colinergico (utilizzano acetilcolina come neurotrasmettitore). Esistono forme familiari di malattia di Alzheimer, dovute a mutazioni cromosomiche, in cui l'esordio può essere particolarmente precoce.

Sintomi

La malattia si manifesta inizialmente con amnesie (perdite di memoria), di cui si rendono conto più i familiari che il paziente stesso. Con il tempo altre funzioni neurologiche progressivamente vengono perse, compare difficoltà nel riconoscimento di oggetti usuali (aprassia) con impossibilità di utilizzo adeguato degli oggetti stessi, alterazione dell'umore, alterazione della capacità di giudizio.

Diagnosi

Non esiste un test che dia la certezza di malattia di Alzheimer, la diagnosi viene fatta per probabilità escludendo altre cause di demenza. Si basa su: 1) accertamento dello stato di demenza con test psicometrici specifici, 2) presenza di grave deficit di memoria, 3) osservazione che il deficit di memoria e la demenza non sono insorti rapidamente o acutamente ma durante un periodo di anni. Bisogna escludere, per la diagnosi di malattia di Alzheimer, che i sintomi siano insorti associati a deficit motori o sensitivi o a vertigini e segni di compromissione dell'equilibrio. In seguito vengono effettuati accertamenti strumentali (Tac, Rmn) che evidenzieranno l'atrofia della corteccia cerebrale.

Terapia

I farmaci attualmente in uso (tacrina, donepazil) inibiscono l'enzima che metabolizza l'acetilcolina e pertanto rendono il neurotrasmettitore più disponibile a livello cerebrale. Rendono più lenta la progressione della malattia, ma quando i neuroni colinergici degenerano del tutto, l'azione dei farmaci si perde.

Alzheimer e Sla, nuovi meccanismi alla base delle malattie

Alzheimer e Sla, nuovi meccanismi alla base delle malattieRisultati potenzialmente utili per le terapie

Scoperti due meccanismi inediti che possono contribuire allo sviluppo di malattie neurodegenerative complesse come la Sla, l’Alzheimer, la demenza frontotemporale e alcune forme di miopatia.
A scoprirli [...]

L’inquinamento aumenta il rischio di Alzheimer

L’inquinamento aumenta il rischio di AlzheimerPlacche amiloidi più probabili in caso di deficit cognitivo

L’inquinamento costituirebbe un fattore di rischio per l’insorgenza del morbo di Alzheimer. Lo rivela uno studio pubblicato su Jama Neurology da un team dell’Università della California di San Francisco.
A maggiori [...]

Alzheimer, come funzionano le difese antiossidanti

Alzheimer, come funzionano le difese antiossidantiIn alcuni soggetti si manifesta una risposta valida contro la neurodegenerazione

I soggetti Non-Demented with Alzheimer Neuropathology (NDAN) hanno la capacità di attivare una risposta cerebrale antiossidante efficace al punto da far fronte alla neurodegenerazione causata dall’Alzheimer.
A [...]

Dal microbiota all'Alzheimer, c'è la prova

Dal microbiota all'Alzheimer, c'è la provaFatta luce sull’influenza del microbiota intestinale

La malattia di Alzheimer è la causa più comune di demenza. Ancora incurabile, colpisce direttamente quasi un milione di persone in Europa e indirettamente milioni di membri della famiglia e la società nel suo insieme. [...]

Covid, un morto su 6 era affetto da demenza

Covid, un morto su 6 era affetto da demenzaLa malattia ostacola una diagnosi tempestiva dell’infezione

Il 15,8% dei decessi legati alla pandemia da SARS-CoV-2 negli ospedali italiani ha riguardato persone affette da demenza. Pazienti che presentavano al pari di altri la febbre come sintomo di esordio, ma che, a differenza [...]

Alzheimer causato da un virus? Più di un’ipotesi

Alzheimer causato da un virus? Più di un’ipotesiDiversi studi confermano il possibile nesso

Le fastidiose vescicole provocate sulle labbra dal virus herpes simplex 1 (HSV-1), che di solito si presentano ripetutamente nel corso della vita, finora non erano mai state associate alla comparsa di patologie [...]

L’Intelligenza Artificiale aiuta a capire l’Alzheimer

L’Intelligenza Artificiale aiuta a capire l’Alzheimer

Chiariti i meccanismi alla base dello sviluppo iniziale della malattia

Un gruppo di ricercatori dell’Istituto di scienze e tecnologie della cognizione del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Istc), [...]

Il coronavirus potrebbe favorire il diabete

Il coronavirus potrebbe favorire il diabete

Probabile interferenza con la funzione pancreatica

Un altro effetto negativo del nuovo coronavirus è illustrato da uno studio apparso su Nature Metabolism e firmato da Matthias Laudes [...]

Alzheimer, un nuovo/vecchio farmaco ne riduce i sintomi

Rotigotina migliora le funzioni cognitive

Un trial clinico svolto presso la Fondazione Santa Lucia IRCCS di Roma ha evidenziato gli effetti positivi della rotigotina, un farmaco comunemente utilizzato per pazienti con morbo di Parkinson, sulle funzioni cognitive in 94 pazienti con lieve o moderata malattia di Alzheimer. L’Alzheimer è [...]

Un’infezione parassitaria protegge dall’Alzheimer

Un’infezione parassitaria protegge dall’Alzheimer

Il parassita della leishmaniosi sembra svolgere un ruolo protettivo

La malattia di Alzheimer colpisce prevalentemente individui anziani, ha
un’eziologia ancora sconosciuta ed è una condizione [...]

Alzheimer e Covid-19, consigli utili

Alzheimer e Covid-19, consigli utili

Alcuni accorgimenti da adottare secondo i neurologi

L’inedita emergenza sanitaria rappresentata dal nuovo coronavirus e dalla malattia che ne consegue, Covid-19, ha effetti ancora più gravi sulle [...]

Essere bilingui allontana la demenza

Essere bilingui allontana la demenza

Costituisce un fattore di riserva cognitiva

Conviene studiare le lingue straniere. Lo dice uno studio dell'Università Pompeu Fabra di Barcellona che spiega come la conoscenza di un'altra [...]

Un'alga potrebbe combattere l'Alzheimer

Scoperta anche una rara mutazione genetica protettiva

Dalla natura arriva un potenziale rimedio per il morbo di Alzheimer. In Cina è stato infatti approvato un nuovo farmaco basato sull'estratto di un'alga bruna, che sembra in grado di regolare le colonie batteriche dell'intestino e influenzare positivamente i sintomi della malattia.
“È prematuro dire che sia [...]

Un farmaco cura il morbo di Alzheimer

Un farmaco cura il morbo di Alzheimer

Avviata la procedura di autorizzazione

Presto potrebbe essere disponibile un nuovo farmaco per la cura del morbo di Alzheimer. Si chiama aducanumab ed è sviluppato da Biogen ed Eisai, [...]

Alzheimer, cosa è meglio mangiare

Alzheimer, cosa è meglio mangiare

10 consigli per mangiare e vivere meglio con i propri familiari

Qual è l'alimentazione più indicata per un malato di Alzheimer? Korian, leader europeo nei servizi di assistenza e cura, ha deciso di stilare un [...]

L'Alzheimer può essere allontanato

L'anticoagulante dabigatran sembra essere efficace

La riduzione dei sintomi dell'Alzheimer passa per l'assunzione del farmaco anticoagulante dabigatran. Lo rivela uno studio pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology da un team del Centro Nacional de Investigaciones Cardiovasculares di Madrid e della Rockefeller University di New York. La [...]

Come comunicare con un malato di Alzheimer

I consigli degli specialisti per l'interazione con i pazienti

Nel mondo sono circa 50 milioni le persone affette da Alzheimer e ogni 3 secondi viene posta una nuova diagnosi di Demenza: solo in Italia, i malati sono oltre 600.000.
Numeri già allarmanti che, complice il progressivo invecchiamento della popolazione, sono però destinati a triplicare entro il 2050, [...]

Una scansione oculare per la diagnosi di Alzheimer

Una scansione oculare per la diagnosi di Alzheimer

I mutamenti della retina denunciano l'insorgenza della malattia

Dagli occhi arriva un possibile metodo non invasivo per la diagnosi del morbo di Alzheimer. Un team di ricerca del Centre for Eye [...]

Alzheimer, il farmaco che causa perdita muscolare

Alzheimer, il farmaco che causa perdita muscolare

Rischio rabdomiolisi raddoppiato nei pazienti con demenza

Un farmaco comunemente usato per il trattamento del morbo di Alzheimer e di altre forme di demenza è associato al raddoppio del rischio [...]

Il sonno è uno dei primi sintomi di Alzheimer

Il sonno è uno dei primi sintomi di Alzheimer

La malattia aggredisce i neuroni responsabili della veglia

Una eccessiva sonnolenza diurna può lasciar presagire l’insorgenza del morbo di Alzheimer. A scoprirlo sono alcuni ricercatori della [...]

Forum

Partecipa! Domanda ai medici

Il farmaco abbandonato che potrebbe curare l’Alzheimer

Il farmaco abbandonato che potrebbe curare l’Alzheimer

Annullati i test clinici perché troppo costosi

Un farmaco utilizzato per il trattamento dell’artrite reumatoide - Enbrel (etanercept) - avrebbe anche un effetto nei confronti [...]

Alzheimer, il colesterolo può favorirne una forma precoce

Alzheimer, il colesterolo può favorirne una forma precoce

I livelli di Ldl connessi con la variante che colpisce prima dei 65 anni

Un livello elevato di colesterolo Ldl può associarsi all’aumento di rischio di una particolare forma di Alzheimer.
Uno [...]

Gli amidi grassi aiutano a diagnosticare l’Alzheimer

Gli amidi grassi aiutano a diagnosticare l’Alzheimer

Presenti in concentrazioni maggiori nei malati

Da anni i ricercatori tentano di mettere a punto un test del sangue che diagnostichi l’Alzheimer, che di fatto allo stato attuale è [...]

La sonda che stimola la memoria

Soluzione non invasiva per contenere la perdita di memoria

È possibile ringiovanire la memoria degli anziani grazie a un nuovo metodo non invasivo.
Si tratta di una sonda che applicata all’esterno del cranio riesce a stimolare le funzionalità cerebrali. L’hanno sperimentata i ricercatori coordinati da Joel Voss della Northwestern University Feinberg School of Medicine di [...]

Apnee associate all’Alzheimer

Apnee associate all’Alzheimer

Studi trovano un nesso fra le due patologie

Le apnee ostruttive sembrano correlate a un maggior rischio di insorgenza del morbo di Alzheimer. Uno studio della Mayo Clinic di Rochester segnala che le [...]

Alzheimer, nuova molecola efficace

Effetto positivo della trodusquemina, ricavata dagli squali

Una molecola contenuta nell’intestino degli squali potrebbe avere un effetto positivo sull’Alzheimer. Un team internazionale ha pubblicato su Nature Communications i dettagli di uno studio che rivela l’efficacia della trodusquemina sugli accumuli di beta-amiloide nel cervello dei pazienti, uno dei segni distintivi [...]

Alzheimer, la colpa è di un batterio delle gengive?

Ipotesi inedita che punta su un nesso con la gengivite

Una nuova ipotesi getta una luce inquietante sui meccanismi di insorgenza del morbo di Alzheimer. Secondo alcuni studiosi di diversi centri internazionali fra cui l’Università di Louisville, negli Stati Uniti, la malattia neurodegenerativa potrebbe essere scatenata dalla presenza nelle gengive di [...]

La colina migliora i sintomi dell’Alzheimer

L’effetto sarebbe transgenerazionale

Una sostanza contenuta in diversi alimenti sembrerebbe in grado di migliorare i sintomi del morbo di Alzheimer.
A dimostrarlo è uno studio dell’Arizona State University firmato fra gli altri dall’italiano Salvatore Oddo.
La colina è presente soprattutto nel tuorlo delle uova e nel germe di grano. I [...]

Il morbo di Alzheimer si fa in 6

Il morbo di Alzheimer si fa in 6

Differenze rispetto a sintomi e caratteristiche biologiche

Non esiste un solo morbo di Alzheimer, ma almeno 6. È la conclusione di uno studio della Washington University pubblicato su Molecular Psichiatry, [...]

Alzheimer, farmaci per l’Hiv potrebbero funzionare

Alzheimer, farmaci per l’Hiv potrebbero funzionare

Coinvolto l’enzima trascrittasi inversa, lo stesso del virus

Alcuni errori di trascrizione di un gene a opera dell’enzima trascrittasi inversa potrebbero essere alla base dei meccanismi di [...]

La stagione fredda ha effetti sull’Alzheimer

La stagione fredda ha effetti sull’Alzheimer

Possibili cambiamenti a livello cognitivo per i pazienti

L’autunno è la stagione in cui, via via che si avvicina l’inverno, le giornate diventano più corte, presentano meno ore di luce e il freddo [...]

Il linguaggio alterato annuncia l’Alzheimer

I problemi di comunicazione come sintomo iniziale

Uno dei primi segnali della possibile insorgenza del morbo di Alzheimer è la difficoltà nel mantenere un linguaggio coerente con la propria storia e cultura.
Prima della perdita della memoria, infatti, possono passare anche decenni di lento ma costante declino cognitivo che si manifesta con sintomi [...]