MORBO DI ALZHEIMER

Consulta centinaia di testi. Indice di tutti gli articoli Morbo di Alzheimer

Sintomi Diagnosi Terapia


Per "demenza" si intende un declino progressivo delle facoltà mentali che in un più o meno lungo intervallo di tempo causa gravi handicap all'individuo. Circa il 70% delle demenze progressive dell'adulto è causato dalla malattia di Alzheimer. I pazienti con la malattia di Alzheimer giungono negli stadi avanzati della patologia a non poter più svolgere nessuna attività autonoma, vivendo uno stato di assoluta dipendenza dai familiari o dal personale sanitario. Sembrerebbe che la malattia di Alzheimer insorga perchè l'elaborazione di alcune proteine cerebrali a livello cellulare avvenga in modo alterato, portando all'accumulo di una proteina tossica nelle cellule e negli spazi intercellulari. A livello cerebrale si rileva una progressiva atrofia della corteccia cerebrale per perdita di neuroni, nell'ippocampo e nelle corteccia implicata nei processi cognitivi e nella memoria. Si è visto che i neuroni che vengono persi durante il progredire della malattia sono in gran parte di tipo colinergico (utilizzano acetilcolina come neurotrasmettitore). Esistono forme familiari di malattia di Alzheimer, dovute a mutazioni cromosomiche, in cui l'esordio può essere particolarmente precoce.

Sintomi

La malattia si manifesta inizialmente con amnesie (perdite di memoria), di cui si rendono conto più i familiari che il paziente stesso. Con il tempo altre funzioni neurologiche progressivamente vengono perse, compare difficoltà nel riconoscimento di oggetti usuali (aprassia) con impossibilità di utilizzo adeguato degli oggetti stessi, alterazione dell'umore, alterazione della capacità di giudizio.

Diagnosi

Non esiste un test che dia la certezza di malattia di Alzheimer, la diagnosi viene fatta per probabilità escludendo altre cause di demenza. Si basa su: 1) accertamento dello stato di demenza con test psicometrici specifici, 2) presenza di grave deficit di memoria, 3) osservazione che il deficit di memoria e la demenza non sono insorti rapidamente o acutamente ma durante un periodo di anni. Bisogna escludere, per la diagnosi di malattia di Alzheimer, che i sintomi siano insorti associati a deficit motori o sensitivi o a vertigini e segni di compromissione dell'equilibrio. In seguito vengono effettuati accertamenti strumentali (Tac, Rmn) che evidenzieranno l'atrofia della corteccia cerebrale.

Terapia

I farmaci attualmente in uso (tacrina, donepazil) inibiscono l'enzima che metabolizza l'acetilcolina e pertanto rendono il neurotrasmettitore più disponibile a livello cerebrale. Rendono più lenta la progressione della malattia, ma quando i neuroni colinergici degenerano del tutto, l'azione dei farmaci si perde.

Chi dorme male rischia l’Alzheimer

Chi dorme male rischia l’AlzheimerIl sonno frammentato causa stress neuronale

La cattiva qualità del sonno è un problema sempre più diffuso, soprattutto a livello dei giovani, e questo sta generando preoccupazioni sulle potenziali ripercussioni a livello neurologico. Ora una ricerca condotta dall’I.R.C.C.S. [...]

Un anticorpo monoclonale contro l'Alzheimer

Un anticorpo monoclonale contro l'AlzheimerMiglioramenti significativi nelle principali alterazioni

Tra i principali processi neuropatologici responsabili della malattia di Alzheimer riveste grande importanza l’alterazione della proteina Tau, che tende ad accumularsi nel cervello dei pazienti affetti da questa patologia [...]

Alzheimer, il Viagra sembra ridurne il rischio

Alzheimer, il Viagra sembra ridurne il rischioEffetto positivo del farmaco per la disfunzione erettile

La somministrazione di Viagra potrebbe essere associata a un rischio più basso di insorgenza del morbo di Alzheimer. Lo rivela uno studio pubblicato su Nature Ageing da un team del Cleveland Hospital.
I ricercatori [...]

Un vaccino per l’Alzheimer

Un vaccino per l’AlzheimerA base di anticorpi e proteine

Tapas è il nome della speranza per tutti i malati e tutte le persone a rischio di Alzheimer. Si tratta di un vaccino a base di anticorpi e proteine che potrebbe contrastare efficacemente la terribile malattia neurodegenerativa.
Uno [...]

Malati di Alzheimer, ma senza sintomi

Malati di Alzheimer, ma senza sintomiAlcuni pazienti beneficiano di un’iperattivazione dei geni MEF2

Una famiglia di geni – MEF2 – è strettamente collegata a un’evoluzione benigna del morbo di Alzheimer. Lo dimostra uno studio del Massachusetts Institute of Technology pubblicato su Science Translational Medicine.
"Stiamo [...]

La stimolazione del midollo spinale per l’Alzheimer

La stimolazione del midollo spinale per l’AlzheimerIl trattamento consente un recupero delle abilità esecutive

Un nuovo trial clinico, effettuato dai ricercatori della Fondazione Santa Lucia IRCCS e dell’Università Federico II di Napoli, ha evidenziato i vantaggi di supportare il training cognitivo in pazienti con [...]

Un diuretico potrebbe prevenire l’Alzheimer

Un diuretico potrebbe prevenire l’Alzheimer

Dati positivi da bumetanide contro la malattia neurodegenerativa

Un diuretico di uso comune, il bumetanide, potrebbe avere un effetto protettivo nei confronti dell’Alzheimer. Lo dice uno studio pubblicato [...]

Un nuovo farmaco per l’Alzheimer?

Un nuovo farmaco per l’Alzheimer?

In sperimentazione l’anticorpo monoclonale gantenerumab

Dopo l’approvazione del farmaco aducanumab da parte della Fda americana, una nuova terapia [...]

Alzheimer, un decalogo per scegliere la struttura migliore

Alzheimer, un decalogo per scegliere la struttura migliore

Quando si manifestano sintomi precisi è meglio ricoverare il paziente

L’Alzheimer si candida a essere una delle principali malattie dei tempi moderni. La ragione principale sta in realtà in un [...]

Tms personalizzata per l’Alzheimer

Tms personalizzata per l’Alzheimer

La stimolazione transcranica può rallentare il decorso della malattia

Alla base di numerose patologie neurologiche, come la malattia di Alzheimer (AD), c’è un’alterazione delle reti neurali (o circuiti neuronali), [...]

Guardare al nucleo delle cellule per comprendere l’Alzheimer

Guardare al nucleo delle cellule per comprendere l’Alzheimer

Identifica una proteina che protegge il nucleo cellulare da malformazioni

Le cellule dei nostri tessuti sono sottoposte a stimoli e stress di diversa natura ai quali rispondono modificando e [...]

Alzheimer, i rischi arrivano anche dal fegato

Alzheimer, i rischi arrivano anche dal fegato

Potrebbe essere decisiva l’amiloide prodotta dall’organo

Il cervello non è l’unico organo coinvolto nei meccanismi di insorgenza dell’Alzheimer. Ad affermarlo è uno studio pubblicato su Plos [...]

Il grasso aumenta il rischio di Alzheimer

Il grasso aumenta il rischio di Alzheimer

Le lipoproteine favoriscono il deposito di beta-amiloide

Come noto, l’accumulo di proteina beta-amiloide nel cervello è segno distintivo del morbo di Alzheimer. Un gruppo di studi dell’Università [...]

Alzheimer, serve un’occupazione stimolante

Alzheimer, serve un’occupazione stimolante

I lavori intellettualmente stimolanti ne riducono il rischio

Per allontanare lo spettro dell’Alzheimer è bene impegnarsi in un’attività intellettualmente stimolante. Lo ricorda uno studio pubblicato sul [...]

Alzheimer, nei soggetti a rischio efficaci gli Omega 3

Alzheimer, nei soggetti a rischio efficaci gli Omega 3

Il consumo di pesce azzurro può aiutare nella prevenzione

In assenza di problemi cognitivi, nei soggetti a rischio di Alzheimer il consumo di pesce azzurro è associato a una maggiore [...]

Alzheimer, il rame come fattore di rischio

Alzheimer, il rame come fattore di rischio

Nuovo studio conferma il legame

L'Alzheimer, la più temuta delle demenze, colpisce oggi circa 30 milioni di persone nel mondo (di cui 600 mila solo in Italia). Un processo [...]

Demenza, antipertensivi protettivi?

Studio evidenzia la possibile influenza positiva dei farmaci per la pressione

La memoria degli anziani che assumono farmaci per l’ipertensione che attraversano la barriera emato-encefalica appare migliore di quella dei coetanei che assumono altri tipi di farmaci antipertensivi.
A rivelarlo è uno studio pubblicato su Hypertension da un team della University of California di Irvine [...]

Malattia di Alzheimer, diagnosi precoce con la dopamina

Malattia di Alzheimer, diagnosi precoce con la dopamina

Possibile diagnosticare la malattia con due anni di anticipo

La malattia di Alzheimer è la prima causa di demenza nella popolazione italiana e oltre 600.000 persone convivono con questa [...]

Demenza associata al metabolismo del colesterolo

Demenza associata al metabolismo del colesterolo

A livelli elevati corrisponde un aumento del rischio di Alzheimer

C’è un nesso fra il rischio di sviluppo della demenza e i disturbi nel catabolismo del colesterolo. A evidenziarlo è uno studio [...]

Un farmaco cura il morbo di Alzheimer

Un farmaco cura il morbo di Alzheimer

Il primo autorizzato dopo 20 anni

L’agenzia del farmaco statunitense – la Fda – ha approvato l’utilizzo del farmaco aducanumab per il trattamento del morbo di Alzheimer. Si tratta [...]

Forum

Partecipa! Domanda ai medici

Un esame del sangue per diagnosticare l’Alzheimer

Un esame del sangue per diagnosticare l’Alzheimer

Grazie a un sensore che riconosce le proteine nel plasma

Diagnosticare l’Alzheimer grazie a un semplice esame del sangue. È la svolta promessa dal progetto SensApp, che riunisce diversi team [...]

Alzheimer, differenze dell’EEG durante il sonno

Alzheimer, differenze dell’EEG durante il sonno

Aiutano a distinguere la malattia dal semplice decadimento cognitivo

È ormai evidente che le relazioni tra malattia di Alzheimer e caratteristiche del sonno vanno ben al di là del riscontro assai comune di [...]

Nuova tecnica per la diagnosi precoce dell’Alzheimer

Nuova tecnica per la diagnosi precoce dell’Alzheimer

La texture analysis identifica rapidamente la malattia nei pazienti giovani

Anche se viene considerata una patologia dell’età avanzata, la malattia di Alzheimer può colpire persone relativamente giovani, al [...]

Alzheimer e Sla, nuovi meccanismi alla base delle malattie

Alzheimer e Sla, nuovi meccanismi alla base delle malattie

Risultati potenzialmente utili per le terapie

Scoperti due meccanismi inediti che possono contribuire allo sviluppo di malattie neurodegenerative complesse come la Sla, [...]

L’inquinamento aumenta il rischio di Alzheimer

L’inquinamento aumenta il rischio di Alzheimer

Placche amiloidi più probabili in caso di deficit cognitivo

L’inquinamento costituirebbe un fattore di rischio per l’insorgenza del morbo di Alzheimer. Lo rivela uno studio pubblicato su Jama [...]

Alzheimer, come funzionano le difese antiossidanti

Alzheimer, come funzionano le difese antiossidanti

In alcuni soggetti si manifesta una risposta valida contro la neurodegenerazione

I soggetti Non-Demented with Alzheimer Neuropathology (NDAN) hanno la capacità di attivare una risposta cerebrale antiossidante [...]

Dal microbiota all'Alzheimer, c'è la prova

Dal microbiota all'Alzheimer, c'è la prova

Fatta luce sull’influenza del microbiota intestinale

La malattia di Alzheimer è la causa più comune di demenza. Ancora incurabile, colpisce direttamente quasi un milione di persone in Europa e [...]

Covid, un morto su 6 era affetto da demenza

Covid, un morto su 6 era affetto da demenza

La malattia ostacola una diagnosi tempestiva dell’infezione

Il 15,8% dei decessi legati alla pandemia da SARS-CoV-2 negli ospedali italiani ha riguardato persone affette da demenza. Pazienti che [...]

Alzheimer causato da un virus? Più di un’ipotesi

Alzheimer causato da un virus? Più di un’ipotesi

Diversi studi confermano il possibile nesso

Le fastidiose vescicole provocate sulle labbra dal virus herpes simplex 1 (HSV-1), che di solito si presentano ripetutamente nel corso [...]

L’Intelligenza Artificiale aiuta a capire l’Alzheimer

L’Intelligenza Artificiale aiuta a capire l’Alzheimer

Chiariti i meccanismi alla base dello sviluppo iniziale della malattia

Un gruppo di ricercatori dell’Istituto di scienze e tecnologie della cognizione del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Istc), [...]

Il coronavirus potrebbe favorire il diabete

Il coronavirus potrebbe favorire il diabete

Probabile interferenza con la funzione pancreatica

Un altro effetto negativo del nuovo coronavirus è illustrato da uno studio apparso su Nature Metabolism e firmato da Matthias Laudes [...]

Alzheimer, un nuovo/vecchio farmaco ne riduce i sintomi

Rotigotina migliora le funzioni cognitive

Un trial clinico svolto presso la Fondazione Santa Lucia IRCCS di Roma ha evidenziato gli effetti positivi della rotigotina, un farmaco comunemente utilizzato per pazienti con morbo di Parkinson, sulle funzioni cognitive in 94 pazienti con lieve o moderata malattia di Alzheimer. L’Alzheimer è [...]