MORBO DI ALZHEIMER

Consulta centinaia di testi. Indice di tutti gli articoli Morbo di Alzheimer

Sintomi Diagnosi Terapia


Per "demenza" si intende un declino progressivo delle facoltà mentali che in un più o meno lungo intervallo di tempo causa gravi handicap all'individuo. Circa il 70% delle demenze progressive dell'adulto è causato dalla malattia di Alzheimer. I pazienti con la malattia di Alzheimer giungono negli stadi avanzati della patologia a non poter più svolgere nessuna attività autonoma, vivendo uno stato di assoluta dipendenza dai familiari o dal personale sanitario. Sembrerebbe che la malattia di Alzheimer insorga perchè l'elaborazione di alcune proteine cerebrali a livello cellulare avvenga in modo alterato, portando all'accumulo di una proteina tossica nelle cellule e negli spazi intercellulari. A livello cerebrale si rileva una progressiva atrofia della corteccia cerebrale per perdita di neuroni, nell'ippocampo e nelle corteccia implicata nei processi cognitivi e nella memoria. Si è visto che i neuroni che vengono persi durante il progredire della malattia sono in gran parte di tipo colinergico (utilizzano acetilcolina come neurotrasmettitore). Esistono forme familiari di malattia di Alzheimer, dovute a mutazioni cromosomiche, in cui l'esordio può essere particolarmente precoce.


Sintomi

La malattia si manifesta inizialmente con amnesie (perdite di memoria), di cui si rendono conto più i familiari che il paziente stesso. Con il tempo altre funzioni neurologiche progressivamente vengono perse, compare difficoltà nel riconoscimento di oggetti usuali (aprassia) con impossibilità di utilizzo adeguato degli oggetti stessi, alterazione dell'umore, alterazione della capacità di giudizio.

Diagnosi

Non esiste un test che dia la certezza di malattia di Alzheimer, la diagnosi viene fatta per probabilità escludendo altre cause di demenza. Si basa su: 1) accertamento dello stato di demenza con test psicometrici specifici, 2) presenza di grave deficit di memoria, 3) osservazione che il deficit di memoria e la demenza non sono insorti rapidamente o acutamente ma durante un periodo di anni. Bisogna escludere, per la diagnosi di malattia di Alzheimer, che i sintomi siano insorti associati a deficit motori o sensitivi o a vertigini e segni di compromissione dell'equilibrio. In seguito vengono effettuati accertamenti strumentali (Tac, Rmn) che evidenzieranno l'atrofia della corteccia cerebrale.

Terapia

I farmaci attualmente in uso (tacrina, donepazil) inibiscono l'enzima che metabolizza l'acetilcolina e pertanto rendono il neurotrasmettitore più disponibile a livello cerebrale. Rendono più lenta la progressione della malattia, ma quando i neuroni colinergici degenerano del tutto, l'azione dei farmaci si perde.

Nuova speranza contro l’Alzheimer

Nuova speranza contro l’Alzheimer Il farmaco lecanemab mostra efficacia nella fase iniziale

Rallentare il declino cognitivo causato dalla malattia di Alzheimer. Questo lo scopo del nuovo farmaco lecanemab, che ha affrontato con successo un trial di fase 3 mostrando un’efficacia modesta ma significativa nelle fasi iniziali [...]

Alzheimer, un test delle urine per scoprirlo prima

Alzheimer, un test delle urine per scoprirlo prima Acido formico come possibile biomarcatore

Si prefigura la possibilità di uno screening economico e rapido per la malattia di Alzheimer. Ad annunciarlo è uno studio pubblicato su Frontiers in Aging Neuroscience da un team guidato dal prof. Yifan Wang.
Lo [...]

Alzheimer, scoperto un biomarcatore fondamentale

Alzheimer, scoperto un biomarcatore fondamentale Forse la vera ragione dell’inefficacia delle terapie

Mai come per altre malattie la ricerca farmacologica ha fallito nell’individuare una possibile terapia per il morbo di Alzheimer. Sebbene siano noti da tempo i meccanismi che portano all’insorgenza dei sintomi - [...]

Una goccia di sangue per scoprire l’Alzheimer

Una goccia di sangue per scoprire l’Alzheimer Nuova tecnologia può rilevare la presenza della malattia

Uno studio apparso su Alzheimer's Research & Therapy mostra l’efficacia di una nuova tecnica di diagnosi per la malattia che sfrutta la presenza nel sangue degli esosomi leganti la proteina [...]

Un farmaco per il diabete riduce il rischio di demenza

Un farmaco per il diabete riduce il rischio di demenza La terapia con tiazolidindione si mostra efficace

L’utilizzo di un farmaco per il diabete – tiazolidindione – si associa a un minor rischio di sviluppo della demenza, secondo le conclusioni di uno studio pubblicato su BMJ Open Diabetes Research & [...]

I segni della demenza presenti anni prima della diagnosi

I segni della demenza presenti anni prima della diagnosi I primi segnali di compromissione cerebrali emergono già 9 anni prima

Una scoperta inquietante ma anche promettente per le terapie future in caso di demenza. Uno studio pubblicato su Alzheimer’s & Dementia sottolinea infatti la possibilità di individuare i primi segni di [...]

Alzheimer, la stimolazione magnetica funziona

Alzheimer, la stimolazione magnetica funziona Rallenta la progressione della malattia migliorando i sintomi

È efficace il trattamento di stimolazione magnetica transcranica nelle persone affette da Alzheimer. Lo dimostra per la prima volta pienamente uno studio congiunto di Fondazione Santa Lucia Irccs di Roma, Università di [...]

Stimolazione ed esercizi contro il declino cognitivo

Stimolazione ed esercizi contro il declino cognitivo Nuovo approccio per aumentare la memoria di lavoro

È sfuggente, ma necessaria. E con il passare del tempo si perde. È la “memoria di lavoro”, fondamentale nello svolgimento delle attività di ogni giorno, perché consente alle persone di interagire con l’ambiente [...]

Una dieta per contrastare l’Alzheimer

Una dieta per contrastare l’Alzheimer Brevi cicli di dieta mima-digiuno sembrano rallentarne la progressione

Brevi cicli di una dieta che imita il digiuno sembrano ridurre i segni dell'Alzheimer. Sono questi i risultati di uno studio apparso sulla rivista scientifica Cell Reports. I ricercatori, guidati dal Prof. Valter Longo in [...]

L’Alzheimer preferisce le donne

L’Alzheimer preferisce le donne

Alla base ragioni legate agli enzimi

C’è un enzima alla base del maggior tasso di incidenza del morbo di Alzheimer fra le donne. David King, coordinatore di una ricerca della Case Western [...]

Diabete e demenza, 7 consigli per ridurre il nesso

Diabete e demenza, 7 consigli per ridurre il nesso

Abitudini sane possono abbattere il rischio di demenza nei diabetici

Chi soffre di diabete di tipo 2 ha maggiori probabilità di sviluppare una forma di demenza. tuttavia, grazie a 7 sane abitudini è [...]

Alzheimer, scoperto il peptide che lo fa progredire

Alzheimer, scoperto il peptide che lo fa progredire

LL-37 attiva il meccanismo che consente la progressione della malattia

I ricercatori dell’Università Statale di Milano, in collaborazione con l’Istituto di Zoologia di Kunming (Cina), hanno contribuito [...]

Alzheimer, il rischio sale se hai avuto il Covid

Alzheimer, il rischio sale se hai avuto il Covid

Gli anziani contagiati mostrano un rischio più elevato

Gli anziani con più di 65 anni che sono stati contagiati da Sars-CoV-2 mostrano un rischio più alto di Alzheimer pari al 69%. Il rischio [...]

L’insonnia aumenta i problemi di memoria

L’insonnia aumenta i problemi di memoria

Negli anziani sono maggiori le probabilità di un declino della memoria

Soffrire di insonnia aumenta le probabilità di un declino della memoria nei soggetti più anziani. A dirlo è un nuovo studio coordinato dal [...]

Nuova molecola per l’Alzheimer

Nuova molecola per l’Alzheimer

Nuovi scenari per la cura della malattia

Un nuovo studio realizzato dai ricercatori della Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta, in collaborazione con i colleghi dell’Istituto di [...]

Moc utile per capire le condizioni del cervello

Moc utile per capire le condizioni del cervello

La densitometria non si limita a valutare la salute delle ossa

Non più solo ossa, ma anche cervello. Secondo uno studio pubblicato su The Lancet Regional Health da un team dell’Edit Cowan University [...]

Un antiepilettico per l’Alzheimer

Un antiepilettico per l’Alzheimer

L’efficacia di levetiracetam nei pazienti con Alzheimer e attività epilettica

Spesso i pazienti affetti da morbo di Alzheimer mostrano anche una certa attività epilettica nel cervello. Uno studio pubblicato su Jama Neurology ha [...]

Demenza, la rigidità aortica è un fattore di rischio

Demenza, la rigidità aortica è un fattore di rischio

Rischi maggiori per chi mostra rigidità della parete dell’aorta

La rigidità della parete dell’aorta e la pressione del polso sono due elementi potenzialmente connessi con un rischio maggiore di [...]

L’esame del sangue che svela l’Alzheimer

L’esame del sangue che svela l’Alzheimer

Identifica il rischio di sviluppare precocemente la malattia

Un esame del sangue potrebbe aiutare medici e pazienti a individuare in anticipo la possibile insorgenza del morbo di Alzheimer. A segnalarlo è [...]

Alzheimer, elementi per comprendere la neurodegenerazione

Alzheimer, elementi per comprendere la neurodegenerazione

Possibili nuove strategie terapeutiche

La malattia di Alzheimer è caratterizzata da un progressivo deterioramento delle funzioni cognitive: nelle prime fasi la [...]

Un test rapido per l’Alzheimer

Un test rapido per l’Alzheimer

In vendita negli Stati Uniti, segnala un’eventuale predisposizione

La Food and Drug Administration americana ha autorizzato la messa in vendita del primo test diagnostico in vitro per la diagnosi precoce delle placche [...]

La TMS contro Parkinson e Alzheimer

La TMS contro Parkinson e Alzheimer

Le potenzialità della Stimolazione Magnetica Transcranica

Per i pazienti affetti da Parkinson o Alzheimer un possibile intervento è costituito dalla TMS, la Stimolazione Magnetica Transcranica.
“Il 35-40% [...]

Gli occhi svelano l’Alzheimer

Gli occhi svelano l’Alzheimer

Una foto della retina può predire la demenza

Un’immagine della retina a 45 anni può aiutare i medici a predire lo sviluppo del morbo di Alzheimer in età adulta. Lo dice uno studio pubblicato su Jama [...]

Rischio di demenza con bassi livelli di acido folico

Rischio di demenza con bassi livelli di acido folico

Aumenta anche il rischio di morte per qualsiasi causa

Un livello troppo basso di acido folico – o vitamina B9 – è collegato a un rischio superiore di demenza e morte per qualsiasi causa [...]

Un test della memoria per anticipare l’Alzheimer

Un test della memoria per anticipare l’Alzheimer

L’analisi mnemonica può aiutare a prevedere chi si ammalerà

Anticipare la comparsa dell’Alzheimer grazie a un test mnemonico. È quanto prefigura uno studio dell’Albert Einstein College of Medicine [...]

Forum

Partecipa! Domanda ai medici

I segni che annunciano l’Alzheimer

I segni che annunciano l’Alzheimer

Si può prevedere la malattia anche con 15 anni di anticipo

Ci sono segni premonitori che dovrebbero mettere in allarme medici e soggetti a rischio di Alzheimer. Uno studio pubblicato su The Lancet Digital [...]

Alzheimer, intelligenza artificiale per la diagnosi precoce

Alzheimer, intelligenza artificiale per la diagnosi precoce

Predice con grande efficacia le persone destinate a sviluppare la malattia

Riguardo al nostro rapporto con la memoria ci sono due notizie, una cattiva e una buona. La prima è che i piccoli vuoti di [...]

Chi dorme male rischia l’Alzheimer

Chi dorme male rischia l’Alzheimer

Il sonno frammentato causa stress neuronale

La cattiva qualità del sonno è un problema sempre più diffuso, soprattutto a livello dei giovani, e questo sta generando preoccupazioni sulle [...]

Un anticorpo monoclonale contro l'Alzheimer

Un anticorpo monoclonale contro l'Alzheimer

Miglioramenti significativi nelle principali alterazioni

Tra i principali processi neuropatologici responsabili della malattia di Alzheimer riveste grande importanza l’alterazione della proteina [...]

Alzheimer, il Viagra sembra ridurne il rischio

Alzheimer, il Viagra sembra ridurne il rischio

Effetto positivo del farmaco per la disfunzione erettile

La somministrazione di Viagra potrebbe essere associata a un rischio più basso di insorgenza del morbo di Alzheimer. Lo rivela uno studio [...]

Un vaccino per l’Alzheimer

Un vaccino per l’Alzheimer

A base di anticorpi e proteine

Tapas è il nome della speranza per tutti i malati e tutte le persone a rischio di Alzheimer. Si tratta di un vaccino a base di anticorpi e proteine che [...]

Malati di Alzheimer, ma senza sintomi

Malati di Alzheimer, ma senza sintomi

Alcuni pazienti beneficiano di un’iperattivazione dei geni MEF2

Una famiglia di geni – MEF2 – è strettamente collegata a un’evoluzione benigna del morbo di Alzheimer. Lo dimostra uno studio del Massachusetts [...]

La stimolazione del midollo spinale per l’Alzheimer

La stimolazione del midollo spinale per l’Alzheimer

Il trattamento consente un recupero delle abilità esecutive

Un nuovo trial clinico, effettuato dai ricercatori della Fondazione Santa Lucia IRCCS e dell’Università Federico II di Napoli, ha [...]

Un diuretico potrebbe prevenire l’Alzheimer

Un diuretico potrebbe prevenire l’Alzheimer

Dati positivi da bumetanide contro la malattia neurodegenerativa

Un diuretico di uso comune, il bumetanide, potrebbe avere un effetto protettivo nei confronti dell’Alzheimer. Lo dice uno studio pubblicato [...]

Un nuovo farmaco per l’Alzheimer?

Un nuovo farmaco per l’Alzheimer?

In sperimentazione l’anticorpo monoclonale gantenerumab

Dopo l’approvazione del farmaco aducanumab da parte della Fda americana, una nuova terapia [...]

Alzheimer, un decalogo per scegliere la struttura migliore

Alzheimer, un decalogo per scegliere la struttura migliore

Quando si manifestano sintomi precisi è meglio ricoverare il paziente

L’Alzheimer si candida a essere una delle principali malattie dei tempi moderni. La ragione principale sta in realtà in un [...]

Guardare al nucleo delle cellule per comprendere l’Alzheimer

Guardare al nucleo delle cellule per comprendere l’Alzheimer

Identifica una proteina che protegge il nucleo cellulare da malformazioni

Le cellule dei nostri tessuti sono sottoposte a stimoli e stress di diversa natura ai quali rispondono modificando e [...]

Alzheimer, i rischi arrivano anche dal fegato

Alzheimer, i rischi arrivano anche dal fegato

Potrebbe essere decisiva l’amiloide prodotta dall’organo

Il cervello non è l’unico organo coinvolto nei meccanismi di insorgenza dell’Alzheimer. Ad affermarlo è uno studio pubblicato su Plos [...]

Il grasso aumenta il rischio di Alzheimer

Il grasso aumenta il rischio di Alzheimer

Le lipoproteine favoriscono il deposito di beta-amiloide

Come noto, l’accumulo di proteina beta-amiloide nel cervello è segno distintivo del morbo di Alzheimer. Un gruppo di studi dell’Università [...]