PARKINSON

Consulta centinaia di testi. Indice di tutti gli articoli Parkinson

Sintomi Diagnosi Terapia


È una malattia degenerativa del sistema nervoso centrale. La degenerazione è intesa come perdita lenta ma progressiva di neuroni. Avviene in varie parti del cervello, ma in modo particolare a livello della sostanza nera, i cui neuroni producono un neurotrasmettitore, la dopamina, che regola il funzionamento dei movimenti involontari attraverso l’attività dei nuclei della base. Insorge abitualmente tra i 50 e i 60 anni e ha andamento progressivo con durata che può superare i 20 anni. Esistono forme più giovanili che insorgono anche ai 40 anni e forme senili presenti in età molto avanzata. A tutt'oggi l'eziologia del morbo di P. è sconosciuta, mentre la patogenesi è stata ampiamente identificata nella drastica diminuzione a livello di alcune strutture del sistema extrapiramidale (sostanza nera, striato) della dopamina, uno dei principali neurotrasmettitori del sistema extrapiramidale. Tale carenza è responsabile di un'alterazione fondamentale dell'equilibrio con altri neurotrasmettitori attivi in queste strutture anatomiche, soprattutto con l'acetilcolina, la cui attività, non più bilanciata dalla dopamina, diventa prevalente. Sembra inoltre certo che anche altri neurotrasmettitori quali, p. es., l'acido gamma-amminobutirrico, l'acido glutammico e la serotonina, svolgano un ruolo non trascurabile, anche se non ancora sondato con precisione.

Sintomi

La malattia inizia in modo lento e subdolo con lieve tremore al capo o alle mani oppure a un emilato, il tremore è detto “a riposo” e in particolare quello delle mani si definisce “a contar monete”; la scrittura diviene tremula e con caratteri minuscoli (micrografia); il tremore dagli arti superiori si propaga a quelli inferiori e quando è molto accentuato può generalizzarsi o colpire un solo lato del corpo; la rigidità muscolare provoca di solito un atteggiamento in flessione e una particolare immobilità statuaria del viso (facies parkinsoniana); l'andatura è a piccoli passi e a gambe lievemente piegate; la parola è scandita, esitante all'inizio ed esplosiva in seguito; fra le alterazioni secretorie sono importanti la scialorrea, l'aumento della secrezione sudorale e sebacea, la poliuria; il carattere spesso peggiora e subentra una facile irritabilità.

Diagnosi

La diagnosi del morbo di P. si basa sui caratteristici segni clinici di rigidità, tremore e bradicinesia (lentezza nei movimenti). Caratteristica è anche l'andatura che si può osservare facendo camminare la persona per un breve tratto.

Terapia

La terapia del morbo di P. prevede l'uso di farmaci combinati variamente fra loro in diversi schemi terapeutici. Il principale è costituito dalla L-DOPA, precursore della dopamina, che è trasformato in dopamina da una carbossilasi presente sia nel cervello sia nel fegato e da farmaci anticolinergici, utili per smorzare l'aumento di attività dell'acetilcolina. A questi si sono progressivamente aggiunti negli ultimi anni l'amantadina, farmaco antivirale capace di stimolare la sintesi e il rilascio di dopamina, la bromocriptina, avente azione dopamino-agonista, e gli inibitori delle monoamminossidasi, che riducono il catabolismo della dopamina, prolungandone quindi l'effetto. Tutti questi farmaci sono spesso usati in maniera alternata per ridurre gli effetti collaterali che in una terapia così prolungata inevitabilmente tendono a manifestarsi. L'intervento chirurgico, che consiste nella lesione delle strutture extrapiramidali responsabili, è riservato ai casi con tremore grave o associato a ipertonia emilaterale e resistente alla terapia medica. Nel 1994 è stata sperimentata la prima terapia genica contro il morbo di P. su animali da laboratorio. La ricerca ha avuto come obiettivo l'induzione, con un trapianto di geni, della produzione di un enzima che a sua volta stimolasse la produzione di dopomina. Nel 1996, ricercatori italiani e statunitensi hanno identificato nel braccio lungo del cromosoma 4 una zona dove, con molta probabilità, si trova uno o più geni coinvolti nel morbo di P. I ricercatori hanno studiato un gruppo familiare individuando la regione cromosomica attraverso l'analisi di numerosi indicatori molecolari. Da qualche tempo è noto che circa il 15% dei malati ha parenti affetti dalla stessa malattia, fenomeno che fa sospettare una possibile base genetica del morbo. Da questa ricerca si spera ora di individuare il gene o i geni associati alla malattia, sulla base della quale realizzare, inizialmente, un test predittivo.

Essere nevrotici aumenta il rischio di Parkinson

Essere nevrotici aumenta il rischio di ParkinsonLa malattia neurodegenerativa influenzata anche dai tratti di personalità

La malattia di Parkinson colpisce circa l’1-2% della popolazione anziana mondiale ed è la seconda patologia neurodegenerativa più comune dopo il morbo di Alzheimer. Seppur le cause non siano ancora note, gli [...]

Scoperto nuovo meccanismo alla base del Parkinson

Scoperto nuovo meccanismo alla base del ParkinsonGrazie allo studio di una rara forma ereditaria della malattia

Grazie allo studio di una rara forma ereditaria della malattia di Parkinson, ricercatori dell’Università di Trento hanno descritto un nuovo meccanismo patologico alla base della malattia che potrebbe in futuro [...]

L’arteterapia aiuta i pazienti con il Parkinson

L’arteterapia aiuta i pazienti con il ParkinsonMigliora le abilità visive e di percezione

I pazienti affetti da Parkinson possono trarre giovamento dalla visione di opere d’arte. In questi soggetti spesso la visione è compromessa a causa della degenerazione del sistema nervoso causata dalla [...]

Una base comune per le malattie neurodegenerative

I punti in comune fra Huntington, Sla e demenza

Si aggiunge un altro tassello al grande mosaico delle malattie degenerative del sistema nervoso, in particolare riguardo l’idea che malattie neurodegenerative differenti possano avere una base comune. E questo importante traguardo anche grazie alla ricerca biomedica italiana. In [...]

Parkinson, speranze dalla fotobiomodulazione

Parkinson, speranze dalla fotobiomodulazioneLa tecnica consente un miglioramento di tutti i sintomi

Lentezza dei movimenti, rigidità, tremore. Tanto basta dire perché si affacci nella mente l’ombra pesante del Parkinson, la malattia neurodegenerativa considerata tra le più impattanti sulla qualità della vita delle [...]

Parkinson, diagnosi precoce con un prelievo di sangue

Parkinson, diagnosi precoce con un prelievo di sangueL’innovativa prospettiva da uno studio dell’Irccs “Don Gnocchi”

Diagnosticare il Parkinson con un semplice prelievo di sangue: è questa l’innovativa prospettiva aperta da uno studio dei ricercatori dell’IRCCS Fondazione Don Gnocchi, pubblicato dalla rivista Neurobiology of [...]

Nuovo approccio per la cura del Parkinson

Nuovo approccio per la cura del Parkinson

Individuato un segnale neurale specifico del cammino

Attualmente la terapia più efficace per combattere i sintomi motori del Parkinson in pazienti in stadio avanzato è la Stimolazione Celebrale [...]

Parkinson e Alzheimer, legame pericoloso

Una persona su 4 affetta da Parkinson rischia anche la demenza

Età avanzata, disturbi precoci dell’equilibrio, durata della malattia, sono tutti fattori di rischio che espongono i pazienti parkinsoniani alla demenza. Lo spiega il dott. Giorgio Sacilotto, neurologo del Centro Parkinson e Parkinsonismi dell’ASST Gaetano Pini-CTO, referente del Centro per i Disturbi [...]

Parkinson, dimostrati gli effetti della levodopa

Parkinson, dimostrati gli effetti della levodopa

Studio dimostra i miglioramenti della disabilità motoria

La levodopa è da più di 50 anni il trattamento sintomatico d’elezione della malattia di Parkinson (MdP). La sua efficacia sui sintomi [...]

Il Parkinson può insorgere anche da giovani

Il Parkinson può insorgere anche da giovani

I sintomi e le terapie per i pazienti più giovani

Come ogni anno dal 1997, l’11 aprile ricorre la Giornata Mondiale Parkinson, voluta dall’European Parkinson's Disease Association (EPDA), [...]

Parkinson sporadico, una nuova molecola per la sua cura

L’oligosaccaride del GM1 è un potenziale agente terapeutico

Scoperta una molecola potenzialmente in grado di curare la forma sporadica della malattia di Parkinson.
Il gruppo di ricerca guidato da Elena Chiricozzi e Sandro Sonnino del dipartimento di Biotecnologie mediche e medicina traslazionale dell’Università degli Studi di Milano, ha [...]

Nuovo biomarcatore per il Morbo di Parkinson

Nuovo biomarcatore per il Morbo di Parkinson

La malattia sembra esordire nella periferia del sistema nervoso

Uno studio apparso su Brain segnala la possibilità di utilizzare un nuovo biomarcatore per individuare il morbo di Parkinson.
Lo [...]

Parkinson, un farmaco per la prostata può aiutare

La terazosina sembra rallentare la progressione della malattia

Un farmaco usato abitualmente per contrastare l'ingrossamento della prostata, la terazosina, ha mostrato effetti positivi su pazienti affetti da morbo di Parkinson.
Lo dimostra uno studio apparso sul Journal of Clinical Investigation e firmato da Michael Welsh, della University of Iowa, che [...]

Parkinson, nuova possibile terapia

Scoperta nuova interazione tra recettori delle cellule nervose

Una delle armi principali nella terapia della malattia di Parkinson è la levodopa (L-Dopa), capace di contrastare i tremori e le altre manifestazioni della patologia derivate dalla carenza di dopamina in una particolare area del cervello.
Ma con il passare del tempo questo farmaco provoca effetti collaterali [...]

Parkinson, le «resolvine» rallentano la malattia

Contrastano il processo neurodegenerativo

Lo sviluppo della malattia di Parkinson potrebbe essere rallentato grazie alle Resolvine, molecole prodotte dal nostro organismo per spegnere processi infiammatori e riparare i tessuti danneggiati da questi processi.
Da tempo la ricerca sta puntando i riflettori sui possibili rapporti tra stati [...]

Parkinson, l’origine è nell’intestino?

Parkinson, l’origine è nell’intestino?

Nuova ipotesi individua nel nervo vago la chiave di volta

Il morbo di Parkinson potrebbe aver origine nell’intestino e da lì diffondersi nel cervello attraverso il nervo vago, elemento che collega i due [...]

Scovati i primi segni del Parkinson

Nell’area in cui avviene il rilascio di serotonina

Uno studio del King’s College di Londra ha scoperto l’esistenza di segni preliminari del morbo di Parkinson nell’area del cervello in cui avviene il rilascio di serotonina.
Lo studio, coordinato da Marios Politis, è stato pubblicato su Lancet Neurology e potrebbe condurre allo sviluppo di nuove terapie per la [...]

La risonanza magnetica svela il Parkinson

La risonanza magnetica svela il Parkinson

La neuromelanina può confermare la malattia

C’è un nuovo possibile metodo di diagnosi del morbo di Parkinson.
In un recente studio del gruppo dell’Istituto di tecnologie biomediche [...]

Il caffè rallenta il Parkinson

Il caffè rallenta il Parkinson

Caffeina associata a riduzione della degenerazione cerebrale

Il caffè potrebbe rallentare il decorso del Parkinson. Lo rivela uno studio del Rutgers Robert Wood Johnson Medical School Institute pubblicato su [...]

Parkinson, una proteina potrebbe sconfiggerlo

Parkinson, una proteina potrebbe sconfiggerlo

Ricercatori italiani svelano il ruolo di Sinapsina 3

Un team di ricercatori dell’Università di Brescia ha scoperto il ruolo fondamentale della Sinapsina 3 nei processi di sviluppo del [...]

Forum

Partecipa! Domanda ai medici

La vitamina B3 ferma il Parkinson

La vitamina B3 ferma il Parkinson

La sostanza ostacola la morte neuronale

La vitamina B3 potrebbe rallentare la progressione del morbo di Parkinson. È quanto conclude una ricerca pubblicata su Cell Reports e firmata da [...]

Malattia intestinale, anti-Tnf per evitare il Parkinson

Malattia intestinale, anti-Tnf per evitare il Parkinson

I farmaci riducono il rischio della malattia in questa classe di pazienti

I pazienti affetti da malattia infiammatoria intestinale (IBD) mostrano maggiori probabilità di sviluppare il Parkinson rispetto [...]

Parkinson, le 5 pratiche da evitare

Parkinson, le 5 pratiche da evitare

Lista di procedure evitabili dell’Accademia Limpe-Dismov

Ci sono pratiche inopportune anche in ambito di cura della malattia di Parkinson. A individuarle è l’Accademia LIMPE-DISMOV (Accademia per lo Studio [...]

La nutrizione nelle malattie neurodegenerative

La nutrizione nelle malattie neurodegenerative

Elemento fondamentale per la prevenzione ma anche per la cura

Una nutrizione appropriata può rappresentare un valido strumento di prevenzione e cura di malattie neurodegenerative come l’Alzheimer, la [...]

Nuovo tipo di stimolazione cerebrale per il Parkinson

Nuovo tipo di stimolazione cerebrale per il Parkinson

Si chiama aDBS, stimolazione cerebrale profonda adattativa

La stimolazione cerebrale profonda altrimenti nota come DBS (Deep Brain Stimulation) è ormai da molti anni il trattamento [...]

Parkinson, un test per la diagnosi precoce

Parkinson, un test per la diagnosi precoce

Derivato dall’analisi che identifica le malattie da prioni

È precisissimo il nuovo test per la diagnosi precoce di malattie neurodegenerative come il Parkinson o la demenza a corpi di Lewy. A metterlo [...]

Parkinson, individuata alterazione nella fase iniziale

La responsabilità è della proteina alfa-sinucleina

Una nuova scoperta sui primi stadi di sviluppo del Parkinson.
Un team formato da Elvira De Leonibus, responsabile del Laboratorio di neuropsicofarmacologia dell’Istituto di genetica e biofisica del Consiglio nazionale delle ricerche (Igb-Cnr) di Napoli e Faculty presso l’Istituto Telethon [...]

Nuova tecnica di terapia genica contro il Parkinson

Nuova tecnica di terapia genica contro il Parkinson

Un vettore virale supera la barriera emato-encefalica

Molte malattie neurodegenerative, come il Parkinson o la demenza a corpi di Lewy, colpiscono in modo diffuso le cellule cerebrali. [...]

Parkinson, danni cerebrali e comportamenti compulsivi

Parkinson, danni cerebrali e comportamenti compulsivi

L'origine è nella parte del cervello deputata alla gratificazione

Le persone che soffrono di Parkinson spesso sviluppano nel tempo comportamenti impulsivi-compulsivi – come la dipendenza dal gioco [...]

Parkinson, scoperto nuovo target da colpire

Parkinson, scoperto nuovo target da colpire

Si tratta della proteina SV2C

Una glicoproteina denominata SV2C potrebbe aiutare i medici a compiere progressi nelle terapie di contrasto al morbo di Parkinson. A [...]

Il Parkinson potrebbe nascere nell'intestino

Il Parkinson potrebbe nascere nell'intestino

Il ruolo di alcuni batteri intestinali nell'accumulo di proteine tossiche

Nell'intestino potrebbe trovarsi l'origine del morbo di Parkinson. Lo dice una ricerca pubblicata su Cell da un team del California [...]

Parkinson, network cerebrali alterati e disabilità cognitive

Parkinson, network cerebrali alterati e disabilità cognitive

Nesso svelato da uno studio italiano

Le persone affette da malattia di Parkinson non soffrono solo di disturbi motori, come tremori o difficoltà di [...]