TUMORI

Consulta centinaia di testi. Indice di tutti gli articoli Tumori

Sintomi Diagnosi Terapia


Tumore è una parola che nessuno vuol pronunciare. Si tratta da un punto di vista medico di una tumefazione,di aumento di volume. In questo senso il termine può indicare l'ingrossamento di un organo: ad esempio, si dice ancora tumore di milza, quando l'organo è palpabile nell'ipocondrio sinistro sia per fatti infiammatori sia per fatti iperplastici. Questo significato si è andato tuttavia restringendo e oggi il termine tumore viene impiegato quasi esclusivamente per comprendere tutti quegli aumenti di volume di organi o di tessuti, in senso progressivo, dovuti a una moltiplicazione cellulare che instauri una crescita abnorme. Secondo la definizione elaborata da Willis un tumore è «una massa anormale di tessuto la cui crescita eccede quella dei tessuti normali, non è coordinata con questa e persiste nello stesso modo anche dopo la rimozione dello stimolo che ha evocato la trasformazione». Anche nell'iperplasia si assiste a un accrescimento del tessuto; tuttavia, a differenza di quanto avviene nel tumore, questa crescita si arresta se viene allontanato lo stimolo che l'ha provocata. Va sottolineato che esistono molte definizioni di tumore, più o meno analoghe o complete; comunque, poiché la causa (o le cause) della natura intima della crescita tumorale permane sconosciuta, le definizioni finora formulate appaiono in realtà semplici descrizioni. Va tenuto presente che il tumore è un tessuto fatto di cellule in sviluppo attivo, dove i meccanismi normali che regolano la crescita hanno subito un'alterazione permanente, tale da permettere un accrescimento progressivo e non coordinato. Tumori benigni e tumori maligni Appare subito evidente come i tumori non possano essere raggruppati tutti in una classe omogenea; infatti alcuni conducono a morte, altri no. Per questo è stata elaborata una prima classificazione, con criterio clinico, suddividendo i tumori in benigni e maligni. Studiando poi, con tecniche diverse e più perfezionate, il comportamento dei tumori si è osservato che, oltre al criterio clinico, altre caratteristiche distinguevano l'andamento benigno da quello maligno e che inoltre non sempre la malignità clinica coincideva con quella biologica. L'accrescimento dei tumori benigni è espansivo, mentre quello dei tumori maligni è infiltrativo: da questa differenza essenziale derivano poi le altre. Infatti, in seguito a un accrescimento infiltrativo maligno i tessuti normali vengono scompaginati, la massa tumorale risulta sprovvista di capsula e c'è la possibilità di una riproduzione a distanza (metastasi) del tumore rispetto all'area d'insorgenza. Il tumore benigno, caratterizzato da un accrescimento di tipo espansivo, è invece separato dai tessuti sani da una capsula, che non è dovuta alla proliferazione del connettivo del tessuto ma al fatto che la massa tumorale, crescendo per espansione, comprime, ammassandolo, il connettivo circostante; non dà metastasi e quando viene asportato non recidiva, a differenza del tumore maligno; l'eventuale danno che può arrecare è dovuto in gran parte alla compressione cui vanno soggetti i tessuti circostanti. Esistono tuttavia dei tumori molto pericolosi, anche se benigni, a causa della loro sede di insorgenza. Ad esempio, alcuni tumori benigni che si sviluppano nel cervello comprimono, sviluppandosi, le strutture circostanti le quali, essendo la scatola cranica inestensibile, si assottigliano notevolmente fino a provocare un'alterazione profonda della loro funzione; inoltre la loro asportazione, quando sono state raggiunte dimensioni elevate, può presentare seri pericoli, in quanto si viene a creare una decompressione che espande bruscamente le strutture prima compresse con possibilità di shock, arresto cardiorespiratorio. E’ evidente quindi che il criterio clinico di malignità non coincide sempre con quello biologico. Gli effetti dei tumori benigni che solo in alcuni casi, per la particolare sede di insorgenza, possono risultare mortali, sono dovuti a compressione e ostruzione; quelli dei tumori maligni, che conducono a morte se non si interviene rapidamente e precocemente, sono l'espressione del loro accrescimento infiltrativo e consistono, oltre che nella compressione e nell'ostruzione, nella distruzione dei tessuti: in tal modo interferiscono con le funzioni fisiologiche e causano ulcerazioni, emorragie, infezioni fino a un profondo dimagramento e decadimento delle condizioni generali dell'organismo, conosciuto con il termine cachessia. Nei tumori maligni la morte è tanto più frequente quanto maggiore è la tendenza a dare metastasi e quindi quanto più estesa è la disseminazione metastatica. Come sinonimo di tumore, nel senso di tessuto nuovo proliferante, è usato il termine neoplasia, anche se va sempre più estendendosi l'uso di questo vocabolo con significato più restrittivo. per indicare un Iter gore maligno; come sinonimo di tumore maligno generico è assai impiegato pure il vecchio termine cancro che definisce, in senso generico, un complesso di forme produttive assai diverse, alcune particolarmente temibili, altre dotate di ridotta malignità, nelle quali ì segni clinici, l'evoluzione e la prognosi dipendono sia dall'organo interessato dal processo neoplastico sia dalle caratteristiche microscopiche delle cellule tumorali. Le profonde differenze esistenti tra la crescita tumorale benigna e quella maligna sono riscontrabili anche a livello delle cellule componenti; in altre parole, occorre analizzare le caratteristiche della cellula cancerosa, nel tentativo dì cogliere i momenti della sua trasformazione maligna. La malignità può essere considerata a diversi livelli: citologico, istologico, biologico e clinico. Classificazione del tumore

Sintomi

Il mondo dei tumori è una galassia, un universo di malattie l’una assai diversa dalle altre. E’ impossibile indicare sintomi che siano uguali per tutte le patologie e, alla stessa maniera, è impossibile indicare una patologia unica. Bisogna ricordare infatti che la terapia antitumorale è in costante evoluzione e viene per questo modificata da grandi riunioni internazionali nel corso delle quali si discute del migliore atteggiamento possibile da adottare nei confronti di una particolare patologia. E’ quindi assurdo pensare che esistano terapie “nuove”. E’ ugualmente assurdo pensare a terapie che hanno successo poniamo in Spagna o Brasile ma ignorate nel resto del mondo. Nelle “consensus Conference" internazionali partecipano i maggiori esperti di tutto il mondo valutando sul piano tecnico tutti i moderni ritrovati. Ecco perché bisogna rivolgersi ad esperti qualificati ed a centri specialistici. Tutto il resto è pura illusione.

Diagnosi

La diagnosi precoce è attualmente l'unica vera arma a disposizione. Scoprire il tumore nei primi stadi di sviluppo fa la differenza tra la vita e la morte. Quindi è fondamentale seguire le linee guida per i controlli. Quando effettuare checkup
Quali check up fare

Terapia

La terapia dei tumori Le possibilità terapeutiche variano a seconda dei casi e ci possono essere diversi tipi di interventi che devono essere mirati per ogni specifica forma di tumore e lo stadio di sviluppo (vedi stadiazione dei tumori) a cui si trova. In linea generale, obiettivo primario della terapia è l’asportazione del tumore o la sua distruzione in sede: acquistano pertanto importanza fondamentale le tecniche chirurgiche (vedi tumori, chirurgia dei) e l’intervento con radiazioni ionizzanti (vedi tumori, radioterapia dei). L’intervento sistemico contro la proliferazione delle cellule tumorali nell’organismo si avvale principalmente dei farmaci chemioterapici (vedi chemioterapia oncologica) Terapie alternative e tumori. Le terapie alternative per i malati di cancro proposte nel corso dell’ultimo secolo sono state numerosissime. Il ricorso a trattamenti non convenzionali, di efficacia non provata dal punto di vista scientifico, è un fenomeno diffuso. Esiste un lungo elenco di metodi anti-cancro non scientificamente convalidati, classificabili in almeno 6 gruppi principali: trattamenti chimici, vitaminici, vegetali, dietetici, di origine biologica e infine psicologici e/o psichiatrici. Negli Stati Uniti, già nel 1966, l’American Cancer Society ha raccolto in una monografia almeno una sessantina di diverse modalità di trattamento dei tumori insieme con una decina di test diagnostici tutte di efficacia non dimostrata. Molte di queste terapie, peraltro, sono conosciute e praticate solo in determinati Paesi: il trattamento con laetrile (composto a base di amigdalina, sostanza tossica che si estrae dai noccioli di albicocca e di mandorle)ha avuto grande diffusione negli Stati Uniti, come del resto è capitato negli ultimi anni alla cartilagine di squalo o in precedenza agli antineoplastoni (frammenti di proteine dapprima isolati dalle urine e poi sintetizzati in laboratorio). Anche in Italia, negli ultimi decenni, si sono verificati casi clamorosi di presunte terapie anti-cancro (siero Bonifacio, emoscambio, metodo Di Bella) che non hanno superato il vaglio delle sperimentazioni cliniche ufficiali. La classificazione si basa su dei parametri dettati dall'Organizzazione Mondiale della sanità e prevede quattro gradi. Il grado di un tumore ne indica la malignità e può andare da I a IV. Tumore di primo grado Il tumore di I grado è la tipologia che presenta la malignità minore, la prognosi è associata ad un’altissima probabilità di sopravvivenza. Si tratta di un tumore che cresce lentamente e presenta un aspetto pressoché normale all'analisi microscopica. L'intervento chirurgico può costituire un trattamento efficace per questo tipo di neoplasia. Tumore di secondo grado Il tumore di II grado, sebbene presenti un tasso di crescita relativamente basso, ha un aspetto anormale all'esame microscopico. Questa tipologia di tumore può invadere il tessuto adiacente normale e può portare a recidiva. In alcuni casi la recidiva è caratterizzata da un grado di malignità maggiore. I tumori di secondo grado sono associati a lunga sopravvivenza dopo efficace intervento chirurgico. Tumore di terzo grado Il tumore di III grado è, per definizione, maligno. In determinate situazioni la distinzione fra un tumore di II grado e uno di III non è semplice, le cellule tumorali si riproducono attivamente e si propagano infettando il tessuto sano adiacente; sono inoltre frequenti le recidive di grado superiore. Tumore di quarto grado Il tumore di IV grado è il più maligno, si riproduce velocemente, ha un'estensione molto ampia e al microscopio si presenta con un aspetto anomalo. Questa neoplasia tende ad accrescere l'afflusso ematico, condizione che contribuisce alla loro crescita. All'interno del focolaio neoplastico vi sono aree di cellule tumorali morte (necrosi).

Cancro, immunoterapie combinate aumentano la sopravvivenza

Cancro, immunoterapie combinate aumentano la sopravvivenzaSperanza di vita allungata grazie a più molecole

Combinare le immunoterapie per il cancro migliora i tassi di sopravvivenza per vari tipi di neoplasie. Stando ai dati, quasi la metà dei pazienti con tumore del rene (48%) trattati in prima linea con la [...]

Cancro: approvato entrectinib, farmaco rivoluzionario

Cancro: approvato entrectinib, farmaco rivoluzionarioNon conta più la localizzazione del tumore, ma il tipo di alterazione genetica

Cambio di paradigma nella lotta al cancro. L’Aifa ha approvato entrectinib, nuova terapia intelligente che agisce sull’alterazione genetica che causa il cancro, indipendentemente dall’organo colpito.
"Siamo [...]

Congelare il tumore con la crioterapia

Congelare il tumore con la crioterapiaCurati 6 pazienti affetti da fibromatosi desmoide

Un tumore benigno ma che cresce aggressivo nei tessuti, può generare grandi masse che provocano forti dolori, compressione di organi interni e difficoltà motorie.
A oggi la fibromatosi desmoide, che se trattata [...]

Nuovo meccanismo per affamare i tumori

Nuovo meccanismo per affamare i tumoriIdentificata una variante proteica nei vasi sanguigni tumorali

Una nuova variante proteica, espressa unicamente dai vasi sanguigni tumorali, è stata scoperta nell’ambito di uno studio sostenuto da AIRC presso l’Istituto di genetica molecolare del Cnr di Pavia e diretto da Claudia Ghigna. [...]

Il cancro usa il caos cellulare per resistere alle terapie

Il cancro usa il caos cellulare per resistere alle terapieScoperta una delle cause della chemioresistenza

Un gruppo internazionale di ricercatori, coordinato da Stefano Santaguida dell’Istituto Europeo di Oncologia e dell’Università Statale di Milano, ha scoperto una causa finora sconosciuta della [...]

Cancro, l’alcol responsabile di migliaia di casi

Cancro, l’alcol responsabile di migliaia di casiAnche un consumo medio fa aumentare il rischio

Oltre 700mila casi di cancro all’anno nel mondo sarebbero riconducibili al consumo di alcol. A dirlo è una ricerca pubblicata su Lancet Oncology da un team della International Agency for Research on Cancer (IARC) di [...]

Cancro, quando le cellule si muovono male

Difetto sfruttato da alcuni tipi di tumori

Esiste un complicato insieme di proteine nel nostro organismo che regola i movimenti e la migrazione delle cellule. Tra queste, un complesso di 7 proteine denominato Arp2/3 che controlla la polimerizzazine dell’actina, consentendo alle cellule di muoversi. Se Arp2/3 non funziona correttamente, le cellule [...]

Scoperta la causa dell’istiocitosi a cellule di Langerhans

Scoperta la causa dell’istiocitosi a cellule di Langerhans

Coinvolta una mutazione del gene BRAF

Un nuovo studio apparso su Nature Medicine ha rivelato la probabile causa dell’istiocitosi a cellule di Langerhans (Lch), [...]

Pralsetinib efficace nei tumori con alterazioni RET

Pralsetinib efficace nei tumori con alterazioni RET

Valido per carcinomi tiroidei e polmonari

Uno studio di fase I/II dell’Università del Texas rivela che pralsetinib – inibitore RET altamente selettivo – è efficace e ben [...]

Neuroblastoma, una proteina uccide le cellule tumorali

Diminuzione degli effetti tossici e superamento della resistenza ai farmaci

All’interno di un Progetto di Ricerca finanziato inizialmente dalla Comunità Europea e attualmente da AIRC, Fabio Pastorino, insieme ai suoi colleghi del Laboratorio di Terapie Sperimentali in Oncologia, ha pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica internazionale Journal of Experimental [...]

La proteina che aiuta il cancro

La proteina che aiuta il cancro

Fascin1 favorisce la proliferazione tumorale

L’attivazione di alcuni oncogeni aumenta l’espressione di una proteina “strutturale” del citoscheletro, chiamata Fascin1, che permette alle cellule [...]

Tumore anale, i principali fattori di rischio

Tumore anale, i principali fattori di rischio

Il Papillomavirus è responsabile di circa il 90% dei carcinomi dell’ano

I tumori dell’ano sono relativamente rari e rappresentano il 2.5% dei tumori dell’apparato digerente. Dai dati riportati dall’AIRC in [...]

Il fumo passivo aumenta il rischio di cancro orale

Il fumo passivo aumenta il rischio di cancro orale

Più esposte le persone soggette al fumo di seconda mano

Un’ulteriore conferma della pericolosità del fumo passivo viene da uno studio apparso su Tobacco Control, rivista specializzata del [...]

Ameloblastoma, recidive e meccanismi genetici

Ameloblastoma, recidive e meccanismi genetici

Studio italiano sull’aggressivo cancro del cavo orale

È stato pubblicato sulla rivista Journal of Clinical Patology uno studio tutto italiano sull’ameloblastoma, un raro tumore aggressivo del [...]

Ecco come si sviluppa il cancro

Ecco come si sviluppa il cancro

Studio italiano svela i meccanismi di riproduzione delle cellule malate

Dopo decenni di ricerche e molte ipotesi, si chiude il cerchio sui meccanismi del ciclo cellulare, il processo attraverso cui le cellule, anche quelle [...]

Nivolumab/ipilimumab efficaci contro diversi tipi di cancro

La combinazione ha rivelato la propria efficacia agnostica

La combinazione costituita dai farmaci nivolumab e ipilimumab si è rivelata efficace contro diversi tipi di cancro in una sperimentazione coordinata dall’Università La Sapienza di Roma e pubblicata sul Journal of Translational Medicine.
I dati dimostrano un aumento delle risposte del [...]

Cancro, le bibite zuccherate aumentano il rischio

Cancro, le bibite zuccherate aumentano il rischio

Il rischio aumenta all`aumentare del consumo

È noto da tempo che le bevande zuccherate e gassate non siano amiche del nostro organismo. Oltre a contribuire all`insorgenza di [...]

Sarcoma, coinvolti alcuni meccanismi infiammatori

Sarcoma, coinvolti alcuni meccanismi infiammatori

Grazie alla scoperta italiana possibili nuovi farmaci

Scoperti nuovi meccanismi infiammatori alla base dello sviluppo del sarcoma. È il risultato di uno studio italiano pubblicato su Nature [...]

Cancro, predizioni personalizzate con un prelievo di sangue

Cancro, predizioni personalizzate con un prelievo di sangue

Nuova metodica per monitorare le alterazioni genomiche nei pazienti oncologici

Mentre l'evoluzione generale della malattia oncologica può essere prevista in base alle statistiche, il suo sviluppo nel [...]

Nuova tecnica per la diagnosi di vari tumori

Nuova tecnica per la diagnosi di vari tumori

Utile nei casi di cancro a faringe, esofago e stomaco

Linked color imaging (Lci) è il nome della nuova tecnica in grado di diagnosticare con maggior precisione l’insorgenza di un cancro [...]

Forum

Partecipa! Domanda ai medici

Una nuova frontiera contro i tumori

Una nuova frontiera contro i tumori

Terapia antitumorale con radiazioni ionizzanti rapide e in profondità

Uno studio condotto dall’Istituto nazionale di ottica (Cnr-Ino) in collaborazione con l’Istituto di fisiologia clinica (Cnr-Ifc) del Consiglio [...]

Covid, i pazienti oncologici sono contagiosi più a lungo

La compromissione del sistema immunitario complica le cose

I trattamenti volti a combattere il cancro rendono i soggetti eventualmente colpiti da Sars-CoV-2 più fragili di fronte all’infezione, allungando i tempi della loro contagiosità.
È quanto emerge da uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine da un gruppo di esperti di vari [...]

Nuova luce sulla divisione cellulare nei tumori

Nuova luce sulla divisione cellulare nei tumori

Il ruolo di due proteine nel processo di proliferazione cellulare tumorale

La direzione della divisione di una cellula determina la posizione delle due cellule figlie, contribuendo a definirne il destino verso la [...]

Palladio utile per lo sviluppo di nuovi chemioterapici

Palladio utile per lo sviluppo di nuovi chemioterapici

Nuovo composto a base di palladio mostra efficacia e meno tossicità

Un team di scienziati a guida italiana ha trovato un’alternativa promettente ai composti a base di platino utilizzati da mezzo [...]

Cancro, scoperte due proteine fondamentali

Possono stimolare la trasformazione delle cellule sane in tumorali

Svelare le connessioni tra invecchiamento cellulare e cancro è l’obiettivo del gruppo di ricerca coordinato da Luca Proietti De Santis, Responsabile dell’Unità di Genetica Molecolare dell’Invecchiamento del Dipartimento di Scienze Ecologiche e Biologiche dell’Università della Tuscia.
I risultati più [...]

Cancro, la fatigue si può curare

Cancro, la fatigue si può curare

Le linee guida per il contenimento del disturbo

Spossatezza e alterazione delle capacità mentali sono fra i sintomi tipici dei quali soffrono i pazienti colpiti da cancro. Per riferirsi a questa [...]

Cancro, la proteina hMena aggrava la malattia

Cancro, la proteina hMena aggrava la malattia

Nuovo ruolo di hMena nei meccanismi della resistenza alla immunoterapia

Continuano le scoperte sul ruolo della proteina hMena quale marcatore di progressione dei tumori del polmone e del pancreas. I risultati di [...]

Mutazioni Brca pericolose anche per gli uomini

Mutazioni Brca pericolose anche per gli uomini

Possono favorire la comparsa di diversi tipi di tumori

Le mutazioni nei geni BRCA1 e BRCA2 rappresentano un rilevante esempio di medicina di genere, pur essendo ereditate in ugual misura dai [...]

Tumori con fusione NTRK, efficace larotrectinib

Tumori con fusione NTRK, efficace larotrectinib

Tasso di risposta elevato e risposte durature

Dati clinici aggiornati di larotrectinib confermano un elevato tasso di risposta duratura e un favorevole profilo di sicurezza in una [...]

Cancro, ecco il segreto delle metastasi

Cancro, ecco il segreto delle metastasi

Imitano i meccanismi dello sviluppo embrionale e placentare

Due ricerche condotte dal team di ricercatori guidato da Vincenzo Costanzo all’IFOM e all’Università degli Studi di Milano, grazie al supporto di [...]

Tumore della pelle, cemiplimab efficace

Tumore della pelle, cemiplimab efficace

Risposte significative dai pazienti con tumore avanzato

Sono stati annunciati oggi i dati preliminari dello studio registrativo a braccio singolo, in aperto, di cemiplimab, l’inibitore di PD-1 di [...]

Nuovo strumento di diagnosi per i sarcomi

Nuovo strumento di diagnosi per i sarcomi

Piattaforma che individua rapidamente anomalie genetiche

C’è uno strumento nuovo in oncologia per il corretto inquadramento diagnostico dei sarcomi ed il miglioramento terapeutico complessivo.
È la [...]