TUMORI

Consulta centinaia di testi. Indice di tutti gli articoli Tumori

Sintomi Diagnosi Terapia


Tumore √® una parola che nessuno vuol pronunciare. Si tratta da un punto di vista medico di una tumefazione,di aumento di volume. In questo senso il termine pu√≤ indicare l'ingrossamento di un organo: ad esempio, si dice ancora tumore di milza, quando l'organo √® palpabile nell'ipocondrio sinistro sia per fatti infiammatori sia per fatti iperplastici. Questo significato si √® andato tuttavia restringendo e oggi il termine tumore viene impiegato quasi esclusivamente per comprendere tutti quegli aumenti di volume di organi o di tessuti, in senso progressivo, dovuti a una moltiplicazione cellulare che instauri una crescita abnorme. Secondo la definizione elaborata da Willis un tumore √® ¬ęuna massa anormale di tessuto la cui crescita eccede quella dei tessuti normali, non √® coordinata con questa e persiste nello stesso modo anche dopo la rimozione dello stimolo che ha evocato la trasformazione¬Ľ. Anche nell'iperplasia si assiste a un accrescimento del tessuto; tuttavia, a differenza di quanto avviene nel tumore, questa crescita si arresta se viene allontanato lo stimolo che l'ha provocata. Va sottolineato che esistono molte definizioni di tumore, pi√Ļ o meno analoghe o complete; comunque, poich√© la causa (o le cause) della natura intima della crescita tumorale permane sconosciuta, le definizioni finora formulate appaiono in realt√† semplici descrizioni. Va tenuto presente che il tumore √® un tessuto fatto di cellule in sviluppo attivo, dove i meccanismi normali che regolano la crescita hanno subito un'alterazione permanente, tale da permettere un accrescimento progressivo e non coordinato. Tumori benigni e tumori maligni Appare subito evidente come i tumori non possano essere raggruppati tutti in una classe omogenea; infatti alcuni conducono a morte, altri no. Per questo √® stata elaborata una prima classificazione, con criterio clinico, suddividendo i tumori in benigni e maligni. Studiando poi, con tecniche diverse e pi√Ļ perfezionate, il comportamento dei tumori si √® osservato che, oltre al criterio clinico, altre caratteristiche distinguevano l'andamento benigno da quello maligno e che inoltre non sempre la malignit√† clinica coincideva con quella biologica. L'accrescimento dei tumori benigni √® espansivo, mentre quello dei tumori maligni √® infiltrativo: da questa differenza essenziale derivano poi le altre. Infatti, in seguito a un accrescimento infiltrativo maligno i tessuti normali vengono scompaginati, la massa tumorale risulta sprovvista di capsula e c'√® la possibilit√† di una riproduzione a distanza (metastasi) del tumore rispetto all'area d'insorgenza. Il tumore benigno, caratterizzato da un accrescimento di tipo espansivo, √® invece separato dai tessuti sani da una capsula, che non √® dovuta alla proliferazione del connettivo del tessuto ma al fatto che la massa tumorale, crescendo per espansione, comprime, ammassandolo, il connettivo circostante; non d√† metastasi e quando viene asportato non recidiva, a differenza del tumore maligno; l'eventuale danno che pu√≤ arrecare √® dovuto in gran parte alla compressione cui vanno soggetti i tessuti circostanti. Esistono tuttavia dei tumori molto pericolosi, anche se benigni, a causa della loro sede di insorgenza. Ad esempio, alcuni tumori benigni che si sviluppano nel cervello comprimono, sviluppandosi, le strutture circostanti le quali, essendo la scatola cranica inestensibile, si assottigliano notevolmente fino a provocare un'alterazione profonda della loro funzione; inoltre la loro asportazione, quando sono state raggiunte dimensioni elevate, pu√≤ presentare seri pericoli, in quanto si viene a creare una decompressione che espande bruscamente le strutture prima compresse con possibilit√† di shock, arresto cardiorespiratorio. E' evidente quindi che il criterio clinico di malignit√† non coincide sempre con quello biologico. Gli effetti dei tumori benigni che solo in alcuni casi, per la particolare sede di insorgenza, possono risultare mortali, sono dovuti a compressione e ostruzione; quelli dei tumori maligni, che conducono a morte se non si interviene rapidamente e precocemente, sono l'espressione del loro accrescimento infiltrativo e consistono, oltre che nella compressione e nell'ostruzione, nella distruzione dei tessuti: in tal modo interferiscono con le funzioni fisiologiche e causano ulcerazioni, emorragie, infezioni fino a un profondo dimagramento e decadimento delle condizioni generali dell'organismo, conosciuto con il termine cachessia. Nei tumori maligni la morte √® tanto pi√Ļ frequente quanto maggiore √® la tendenza a dare metastasi e quindi quanto pi√Ļ estesa √® la disseminazione metastatica. Come sinonimo di tumore, nel senso di tessuto nuovo proliferante, √® usato il termine neoplasia, anche se va sempre pi√Ļ estendendosi l'uso di questo vocabolo con significato pi√Ļ restrittivo. per indicare un Iter gore maligno; come sinonimo di tumore maligno generico √® assai impiegato pure il vecchio termine cancro che definisce, in senso generico, un complesso di forme produttive assai diverse, alcune particolarmente temibili, altre dotate di ridotta malignit√†, nelle quali √¨ segni clinici, l'evoluzione e la prognosi dipendono sia dall'organo interessato dal processo neoplastico sia dalle caratteristiche microscopiche delle cellule tumorali. Le profonde differenze esistenti tra la crescita tumorale benigna e quella maligna sono riscontrabili anche a livello delle cellule componenti; in altre parole, occorre analizzare le caratteristiche della cellula cancerosa, nel tentativo d√¨ cogliere i momenti della sua trasformazione maligna. La malignit√† pu√≤ essere considerata a diversi livelli: citologico, istologico, biologico e clinico. Classificazione del tumore


Sintomi

Il mondo dei tumori √® una galassia, un universo di malattie l'una assai diversa dalle altre. E' impossibile indicare sintomi che siano uguali per tutte le patologie e, alla stessa maniera, √® impossibile indicare una patologia unica. Bisogna ricordare infatti che la terapia antitumorale √® in costante evoluzione e viene per questo modificata da grandi riunioni internazionali nel corso delle quali si discute del migliore atteggiamento possibile da adottare nei confronti di una particolare patologia. E' quindi assurdo pensare che esistano terapie ‚Äúnuove‚ÄĚ. E' ugualmente assurdo pensare a terapie che hanno successo poniamo in Spagna o Brasile ma ignorate nel resto del mondo. Nelle ‚Äúconsensus Conference" internazionali partecipano i maggiori esperti di tutto il mondo valutando sul piano tecnico tutti i moderni ritrovati. Ecco perch√© bisogna rivolgersi ad esperti qualificati ed a centri specialistici. Tutto il resto √® pura illusione.

Diagnosi

La diagnosi precoce è attualmente l'unica vera arma a disposizione. Scoprire il tumore nei primi stadi di sviluppo fa la differenza tra la vita e la morte. Quindi è fondamentale seguire le linee guida per i controlli. Quando effettuare checkup
Quali check up fare

Terapia

La terapia dei tumori Le possibilit√† terapeutiche variano a seconda dei casi e ci possono essere diversi tipi di interventi che devono essere mirati per ogni specifica forma di tumore e lo stadio di sviluppo (vedi stadiazione dei tumori) a cui si trova. In linea generale, obiettivo primario della terapia √® l'asportazione del tumore o la sua distruzione in sede: acquistano pertanto importanza fondamentale le tecniche chirurgiche (vedi tumori, chirurgia dei) e l'intervento con radiazioni ionizzanti (vedi tumori, radioterapia dei). L'intervento sistemico contro la proliferazione delle cellule tumorali nell'organismo si avvale principalmente dei farmaci chemioterapici (vedi chemioterapia oncologica) Terapie alternative e tumori. Le terapie alternative per i malati di cancro proposte nel corso dell'ultimo secolo sono state numerosissime. Il ricorso a trattamenti non convenzionali, di efficacia non provata dal punto di vista scientifico, √® un fenomeno diffuso. Esiste un lungo elenco di metodi anti-cancro non scientificamente convalidati, classificabili in almeno 6 gruppi principali: trattamenti chimici, vitaminici, vegetali, dietetici, di origine biologica e infine psicologici e/o psichiatrici. Negli Stati Uniti, gi√† nel 1966, l'American Cancer Society ha raccolto in una monografia almeno una sessantina di diverse modalit√† di trattamento dei tumori insieme con una decina di test diagnostici tutte di efficacia non dimostrata. Molte di queste terapie, peraltro, sono conosciute e praticate solo in determinati Paesi: il trattamento con laetrile (composto a base di amigdalina, sostanza tossica che si estrae dai noccioli di albicocca e di mandorle)ha avuto grande diffusione negli Stati Uniti, come del resto √® capitato negli ultimi anni alla cartilagine di squalo o in precedenza agli antineoplastoni (frammenti di proteine dapprima isolati dalle urine e poi sintetizzati in laboratorio). Anche in Italia, negli ultimi decenni, si sono verificati casi clamorosi di presunte terapie anti-cancro (siero Bonifacio, emoscambio, metodo Di Bella) che non hanno superato il vaglio delle sperimentazioni cliniche ufficiali. La classificazione si basa su dei parametri dettati dall'Organizzazione Mondiale della sanit√† e prevede quattro gradi. Il grado di un tumore ne indica la malignit√† e pu√≤ andare da I a IV. Tumore di primo grado Il tumore di I grado √® la tipologia che presenta la malignit√† minore, la prognosi √® associata ad un'altissima probabilit√† di sopravvivenza. Si tratta di un tumore che cresce lentamente e presenta un aspetto pressoch√© normale all'analisi microscopica. L'intervento chirurgico pu√≤ costituire un trattamento efficace per questo tipo di neoplasia. Tumore di secondo grado Il tumore di II grado, sebbene presenti un tasso di crescita relativamente basso, ha un aspetto anormale all'esame microscopico. Questa tipologia di tumore pu√≤ invadere il tessuto adiacente normale e pu√≤ portare a recidiva. In alcuni casi la recidiva √® caratterizzata da un grado di malignit√† maggiore. I tumori di secondo grado sono associati a lunga sopravvivenza dopo efficace intervento chirurgico. Tumore di terzo grado Il tumore di III grado √®, per definizione, maligno. In determinate situazioni la distinzione fra un tumore di II grado e uno di III non √® semplice, le cellule tumorali si riproducono attivamente e si propagano infettando il tessuto sano adiacente; sono inoltre frequenti le recidive di grado superiore. Tumore di quarto grado Il tumore di IV grado √® il pi√Ļ maligno, si riproduce velocemente, ha un'estensione molto ampia e al microscopio si presenta con un aspetto anomalo. Questa neoplasia tende ad accrescere l'afflusso ematico, condizione che contribuisce alla loro crescita. All'interno del focolaio neoplastico vi sono aree di cellule tumorali morte (necrosi).

Notizie correlate


Cancro, il ruolo delle proteine IDH

Le mutazioni a loro carico possono essere determinanti







Una speranza per i tumori pediatrici refrattari

Nuovo approccio replica la normale crescita del cancro nell'organismo







Cancro, la vitamina D migliora la risposta immunitaria

Studio su topi mostra una pi√Ļ alta resistenza immunitaria







Tumori del retto, evitare la chirurgia è possibile

Le ultime frontiere della cura







Funzione tiroidea e tumori ginecologici

Rischio pi√Ļ basso per chi soffre di ipertiroidismo







Nuova speranza per il neuroblastoma

Strategia inedita per il tumore pediatrico







Predire le recidive di un cancro infantile

Genetica e dose di radioterapia sono i fattori chiave







La realtà virtuale durante la chemioterapia

Gli effetti benefici del mindfulness sui pazienti in terapia







Il ruolo della proteina Cdk9 nel cancro

Nei soggetti malati la sua espressione è fortemente alterata







Cancro, meno benefici del previsto da riduzione dell'alcol

Ma gli esperti raccomandano di continuare a seguire le linee guida







Una cura personalizzata per il neuroblastoma

Svolta nel trattamento grazie al programma PREME







La perdita di peso come possibile spia del cancro

Può indicare un aumento del rischio nei 12 mesi successivi







Cancro, la restrizione calorica è efficace

Se associata a farmaci epigenetici







Il tumore può essere reversibile?

Indagine sulla reversione tumorale







Indagare i tumori con un metodo rivoluzionario

Risonanza magnetica e studio del movimento dell'acqua







Nuovo trattamento per la PTLD

Una terapia allogenica a cellule T per la patologia del sangue







Un nuovo bersaglio contro il medulloblastoma

Studio pionieristico sul ruolo della proteina SALL4







Ridurre l'alcol per allontanare il cancro

Minori probabilità di tumore della cavità orale e dell'esofago







Sindrome di Lynch, nasce un bambino sano da donna malata

Per la prima volta al mondo grazie alla diagnosi preimpianto







Un vaccino per il cancro del pancreas e del colon

Profilassi diretta contro le recidive







Il fruttosio combatte i tumori

Sembra in grado di aumentare la risposta immunitaria







L'attività fisica inibisce le metastasi

Effetto antitumorale dell'esercizio fisico







Due proteine coinvolte nella cachessia neoplastica

Nuovo approccio terapeutico per trattare la sindrome







Melanoma, nanoparticelle con microRna per combatterlo

Trattamento possibile per i pazienti che non rispondono alle cure tradizionali