Dall’intestino una cura per l’Alzheimer?

Una tossina potrebbe far regredire i sintomi

Morbo di Alzheimer_2072.jpg

L’intestino potrebbe nascondere la chiave per la soluzione dell’enigma posto ai ricercatori dalla malattia di Alzheimer. Un team italiano ha infatti scoperto che una tossina prodotta dal batterio Escherichia Coli avrebbe la capacità di far regredire i sintomi della patologia neurologica.
La ricerca, pubblicata su Plos One, è a cura di un’équipe formata da vari ricercatori dell’Istituto superiore di sanità e dell’Università di Bologna. La tossina, denominata CNF1, agisce sui sintomi neuroinfiammatori dell’Alzheimer, almeno su modello murino.
La somministrazione della tossina ha migliorato il deficit di memoria spaziale e quello connesso con l’elaborazione delle emozioni, due sintomi che indicano varie forme di demenza, fra cui il morbo di Alzheimer. Nell’intestino vive una colonia di microrganismi con un patrimonio genetico enormemente più grande di quello dell’uomo, e fra essi uno dei ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | Alzheimer, intestino, Escherichia,

<-- #include virtual="../4strokevideo.inc" -->

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it
ADD BOOKMARK

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicit su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 118321 volte