Nuovi usi del Gleevec

Secondo uno studio condotto dagli scienziati dell’Istituto Nazionale di allergologia e malattie infettive (NIAID), le cavie sopravvivono alla somministrazione di un farmaco sperimentale contro il tumore derivato da una dose del virus vaccinia, altrimenti letale, parente dei virus del vaiolo. La scoperta, a detta dei ricercatori, suggerisce che il Gleevec o farmaci simili potrebbero essere impiegati per la prevenzione degli effetti collaterali e dannosi della vaccinazione antivaiolosa. Il classico vaccino contro il vaiolo deriva dal virus vaccinia vivo ma reso inattivo e non è indicato per soggetti con deficit immunitario, tranne che in situazioni di emergenza. “Lo studio fa luce sul processo cellulare impiegato dal virus del vaiolo per uscire dalle cellule infettate e fornisce inoltre nuova conferma al principio di trattare le infezioni virali riferendosi a molecole contenenti specifiche ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords |

<-- #include virtual="../4strokevideo.inc" -->

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it
ADD BOOKMARK

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 118316 volte