Hiv, l'aggressività dipende dal microbioma

La gravità dell'infezione è legata a condizioni soggettive

Il virus Hiv non ha lo stesso effetto su tutte le persone. Ci sono alcuni soggetti che mostrano una maggiore resistenza all'aggressione del virus, per quale motivo?
A chiederselo sono alcuni ricercatori dell'Università di Washington, che hanno indagato la relazione esistente fra Hiv e microbioma umano, in particolare quello presente nelle aree attraverso le quali avviene il contagio, quindi ambiente vaginale, intestino e bocca.
I ricercatori si sono chiesti se l'infezione da Hiv provocasse un'alterazione del microbioma e se i batteri vaginali potessero prevenire o favorire il contagio.
Giulia Marchetti, docente di Malattie infettive all'Università di Milano, commenta: «Alla prima domanda c'è una risposta ed è sì. Da qualche anno si sa che la composizione dei microbi, presenti nella vagina e nell'intestino delle persone con infezione da Hiv, è alterata. In particolare risultano ...  (Continua) leggi la 2° pagina

Notizie su: hiv, microbioma, vaginale,

Notizie correlate


La tecnica Crispr per eliminare l’Hiv Nuova possibile applicazione del trattamento





Hiv, si studia un nuovo vaccino Lo scopo è il controllo dell'infezione





L'Hiv aumenta il rischio di disturbi mentali 8 malati su 10 sviluppano disturbi legati alla salute mentale





Hiv, arriva lenacapavir Primo inibitore del capside dell'Hiv a lunga durata d'azione





Hiv, scoperta nuova modalità di accesso La strada usata dal virus per penetrare la cellula sana





Hiv, la carica virale bassa non consente il contagio Rischio quasi zero con una carica virale inferiore a 1.000





Efficaci e sicure le nuove terapie antiretrovirali Hiv, i farmaci a lunga durata funzionano





Hiv, un trapianto di staminali lo cancella Risultato acquisito in diversi pazienti





Vaiolo delle scimmie pericoloso in caso di Hiv Nelle persone sieropositive può assumere forme molto gravi





Anello anti-Hiv sicuro anche in gravidanza Il dispositivo con dapivirina può essere assunto dalle donne incinte





Aids, c'è un vaccino promettente Il nuovo vaccino cerca di produrre anticorpi a largo spettro





Hiv, nuova tecnica per capire se è dormiente Può rappresentare una speranza per il trattamento





Hiv, sempre meno frequente fra i ragazzi Scesa di un terzo l'incidenza fra i giovani





Hiv, nuove linee guida per il trattamento Raccomandazioni per il trattamento antivirale in bambini e adolescenti





Una variante più aggressiva dell'Hiv La mutazione VB sembra anche più trasmissibile





Hiv, forse utile un farmaco contro il cancro Pembrolizumab sembra stanare il virus dai suoi serbatoi nascosti





Aids, la speranza del vaccino a mRna La tecnologia usata per Covid-19 potrebbe essere vincente





Hiv, donna guarisce senza farmaci È il secondo caso registrato di virus eliminato naturalmente





Nuovo anticorpo contro l'Hiv Aderisce alle cellule CD4 ostacolando l'ingresso del virus