• Analisi cliniche
  • Andrologia
  • Balbuzie
  • Cardiologia
  • Chirurgia.it
  • Dermatologia
  • Diabete
  • Ematologia
  • Endocrinologia
  • Farmacologia
  • Flebologia
  • Gastroenterologia
  • Genetica
  • Geriatria
  • Ginecologia
  • Gravidanza
  • Handicap
  • Malattie infettive
  • Malattie renali
  • Medicine naturali
  • Neurologia
  • Oculistica
  • Odontoiatria
  • Orecchie e gola
  • Ortopedia
  • Pediatria
  • Psichiatria
  • Psicologia
  • Sclerosi
  • Trapianti
  • Tumori
  • Urologia
  • Viaggi
  • ARTICOLI TROVATI : 250

    Risultati da 161 a 170 DI 250

    28/01/2005 
    Individuata la proteina responsabile della mielofibrosi
    La riattivazione di una proteina, la GATA-1, nei pazienti affetti da mielofibrosi idiopatica, una malattia delle cellule staminali le cui cause sono ancora sconosciute e che in alcuni casi evolve in leucemia, potrebbe essere un rimedio per la cura di questa malattia. E'quanto emerge da uno studio pubblicato recentemente sulla rivista Blood, reso possibile grazie a un co-finanziamento del Ministero della Salute e a un progetto di ricerca dell'Istituto Superiore di Sanità, ISS e del Centro ... (Continua)
    31/01/2005 
    Un cuore miniaturizzato per la microcardiopatia dilatativa
    Grazie a un cuore artificiale miniaturizzato un uomo potrà sopravvivere nonostante la gravità della sua malattia. Affetto da una grave miocardiopatia dilatativa in fase terminale il paziente sessantenne di San Demetrio Corone, un paese in provincia di Cosenza, precedentemente considerato inoperabile, è stato sottoposto con successo ad un delicato intervento chirurgico a cuore aperto, ad opera dell’equipe cardiochirurgica del Policlinico universitario Mater Domini di Catanzaro, guidata dal ... (Continua)
    08/02/2005 
    Una nuova cura per l’acromegalia, causa del gigantismo
    Da oggi un farmaco innovativo frutto della ricerca Pfizer, Pegvisomant, apre nuove prospettive al trattamento dell’acromegalia, una malattia rara ed invalidante, e offre una possibilità di cura anche per i pazienti che non rispondono ad altri schemi terapeutici.
    Pegvisomant, nuovo trattamento per l’acromegalia, fa parte di una nuova classe di farmaci di origine ricombinante con un approccio profondamente innovativo. Il meccanismo con cui Pegvisomant svolge la sua azione ... (Continua)
    10/02/2005 
    Individuate cellule del cuore in grado di rigenerarsi
    Un nuovo studio condotto da parte dai ricercatori dell'Università della California, a San Diego, ha formulato l'ipotesi secondo la quale il cuore conterrebbe delle cellule che possono moltiplicarsi e maturare dopo la nascita, circostanza che potrebbe permettere all'organo di rigenerarsi.
    Il gruppo di ricercatori che ha condotto lo studio, guidato da Kenneth Chien ha scoperto delle cellule progenitrici dello sviluppo precoce del cuore che mantengono la capacità di riprodursi. ... (Continua)
    15/02/2005 Miopatia
    Scoperta nuova causa genetica di una forma di miopatia
    Una nuova causa di miopatia mitocondriale identificata a Siena dal gruppo del professor Antonio Federico, direttore della Neurologia-Malattie NeuroMetaboliche del policlinico Santa Maria alle Scotte. La scoperta è pubblicata sul numero in uscita il 18 febbraio dell'importante rivista internazionale Biochemical and Biophysical Research Communications. Si tratta dell’individuazione di una nuova mutazione a carico del DNA mitocondriale associata ad una forma ereditaria di miopatia. “Sono malattie ... (Continua)
    21/02/2005 
    Trovata l'origine dell’emorragia intracranica
    L’apoptosi (la morte cellulare programmata) potrebbe essere la causa della rottura degli aneurismi intracranici, e quindi all’origine dell’emorragia intracranica che si verifica tra la superficie del cervello e il cranio: un evento devastante che si associa a elevata mortalità e la cui prognosi la maggior parte delle volte è infausta. Questa la conclusione di uno studio (“Role of apoptosis in intracranial aneurysm rupture”) condotto da Giulio Maira Direttore dell’Istituto di Neurochirurgia ... (Continua)
    21/02/2005 
    Terapia genica: una nuova tecnica la rende più sicura
    Scoperta una nuova tecnica per aumentare la sicurezza e l’efficacia della terapia genica che consiste nell’inserire in una cellula malata una “navicella” da cui escono due proiettili biologici, uno per compensare il gene malato con quello sano e uno per rendere visibili le cellule nelle quali è entrato il gene sano. È l’oggetto della pubblicazione del gruppo coordinato da Luigi Naldini, condirettore dell’Istituto Telethon-San Raffaele per la Terapia Genica (HSR-TIGET) sulla prestigiosa rivista ... (Continua)
    26/02/2005 

    Medicinali prima causa di intossicazione
    I farmaci hanno contribuito a migliorare la qualità e la durata della vita, tuttavia ognuno di essi ha anche degli effetti negativi. Per questo motivo, il Ministero della Salute ha avviato una campagna di informazione sull'uso per far arrivare ai cittadini il messaggio secondo il quale il farmaco va usato solo quando è strettamente indispensabile e dietro indicazione del medico per evitare possibili effetti spiacevoli sulla salute.
    Il Ministero ha in programma spot già in onda su radio e ... (Continua)

    22/03/2005 Identificata nuova molecola contro il cancro tiroideo

    Gli attameri, i segnalatori dei tumori
    Una nuova molecola, in grado di inibire la produzione di alcune proteine che causano tumori alla tiroide, è stata identificata da un gruppo di ricercatori del Cnr di Napoli, in collaborazione con alcuni scienziati francesi. La molecola biologicamente attiva appartiene al gruppo degli attameri, piccoli RNA in grado di riconoscere in modo altamente selettivo alcuni oncogeni, bloccando la loro capacità di produrre proteine tumorali.

    “Uno degli attameri da noi isolati – spiega il dottor ... (Continua)

    28/03/2005 

    La cannabis ha effetto sulla nausea
    Ricercatori nord-americani hanno spiegato l'effetto anti-vomito dei derivati della cannabis. Specialisti dell'Università di Calgary, in Canada, hanno studiato il ruolo del recettore dei derivati della cannabis CB1r e il ruolo degli endocannabinoidi nel furetto, modello animale assai simile all'uomo per questo disturbo. I ricercatori hanno dimostrato che l'attivazione dei recettori CB1r da parte di antagonisti del THC, il principale composto attivo della cannabis, come il WIN 55, 212-2 e la ... (Continua)

      1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25

    Italia Salute Redazione TEL. 391.318.5657
    Via Albanese Ruffo 48, 00178 Roma
    Centro Medico Okmedicina.it Via Albanese Ruffo 40-46, 00178 Roma Mail redazione
    Copyright © 2000-2021 Italiasalute Riproduzione riservata anche parziale