• Analisi cliniche
  • Andrologia
  • Balbuzie
  • Cardiologia
  • Chirurgia.it
  • Dermatologia
  • Diabete
  • Ematologia
  • Endocrinologia
  • Farmacologia
  • Flebologia
  • Gastroenterologia
  • Genetica
  • Geriatria
  • Ginecologia
  • Gravidanza
  • Handicap
  • Malattie infettive
  • Malattie renali
  • Medicine naturali
  • Neurologia
  • Oculistica
  • Odontoiatria
  • Orecchie e gola
  • Ortopedia
  • Pediatria
  • Psichiatria
  • Psicologia
  • Sclerosi
  • Trapianti
  • Tumori
  • Urologia
  • Viaggi
  • ARTICOLI TROVATI : 250

    Risultati da 31 a 40 DI 250

    20/02/2002 

    La cefalea
    Le ricerche condotte da un gruppo di ricercatori del Dipartimento di Farmacologia dell’Università di Firenze, sembra accertato che a provocare le fastidiosissime cefalee (di cui soffrono circa 10 milioni di italiani) sia la mancanza di una particolare proteina localizzata sulle membrane cellulari, denominata "G inibitoria".
    Tuttavia, una delle spiegazioni tra le tante possibili in caso di cerchio alla testa, potrebbe essere una posizione scorretta del corpo, che si assume stando in ... (Continua)

    21/03/2002 

    Ipertensione: Losartan batte Atenolo per le complicanze
    La terapia standard contro l'ipertensione, vale a dire la combinazione di beta-bloccante (Atenolo) e diuretici è in grado di controllare efficacemente l'ipertensione, ma la terapia con l'antagonista del recettore 1 (Losartan) pare meglio riuscire nella cura delle complicanze cardiovascolari che possono essere infarto o ictus.
    A dimostrare tale superiorità sono stati Bjorn Dahlof e colleghi dell'Ostra University Hospital, in Svezia, dalle cui ricerche ha visto la luce lo studio Life ... (Continua)

    22/03/2002 

    Ramipril: efficace nei pazienti ad alto rischio ictus
    Rampril è un ACE-Inibitore che ha già dimostrato la sua efficacia nel ridurre la mortalità di pazienti ad elevato rischio di eventi cardiovascolari. Ora, ricercatori della McMaster University di Hamilton in Canada, grazie ad uno studio finanziato da Aventis Pharma e AstraZeneca hanno valutato l'efficacia del Rampril su pazienti ad alto rischio di ictus, anche prescindendo dai valori della pressione arteriosa.
    Le conclusioni della ricerca sono a favore di un trattamento con il ramipril, ... (Continua)

    10/04/2002 

    Retinite pigmentosa: scoperta proteina responsabile
    E' stato identificato il meccanismo responsabile della retinite pigmentosa: una proteina mutata della retina provoca la degenerazione di alcune cellule fino alla loro morte.
    Per rinite pigmentosa si intende un gruppo di malattie ereditarie caratterizzate da una degenerazione progressiva della retina che interessa entrambi gli occhi, fino ad arrivare alla cecità.
    I ricercatori autori della scoperta, dell'Howard Hughes Medical Institute di Seattle, precisano che ''in questa patologia, ... (Continua)

    01/05/2002 

    Morte in culla: colpa di sviluppo anormale neuroni
    Potrebbe essere l'assenza di alcuni neuroni la causa della morte improvvisa del neonato. I neuroni che consentono al bambino di reagire nel caso assuma nel sonno una posizione che ne ostacoli la respirazione una volta allertati dall'eccesso di anidride carbonica. Questo almeno secondo ricercatori americani dell'Universita' di Yale. I ricercatori hanno dimostrato come la presenza di neuroni serotoninergici a livello del bulbo rachidiano, in prossimita' delle grandi arterie del tronco cerebrale, ... (Continua)

    07/05/2002 

    Epilessia mioclonica: meno misteriosa
    Individuato uno dei geni responsabili dell'epilessia mioclonica giovanile. Si tratta di una delle forme più comuni di epilessia e ciò è importante se si considera il fatto che finora erano stati individuati i geni responsabili solo di forme particolari e molto rare di epilessia, mentre le piu' comuni, presentando una grande varieta' nelle cause, l'individuazione dei geni responsabili era praticamente impossibile.
    L'impresa è stata merito di un gruppo di ricercatori canadesi coordinati da ... (Continua)

    07/05/2002 

    Coliche: niente succo di mela ai neonati
    Non tutti i succhi di frutta sono uguali, almeno per i neonati che hanno sofferto spesso di coliche. Ebbene per questi bambini è meglio evitare di bere succo di mela. Secondo ricercatori statunitensi, in uno studio pubblicato sulla rivista 'Pediatrics', è meglio sostituirlo con succo di pompelmo. Il motivo è che il succo di mela crea problemi digestivi e di provocare dolori addominali e pianti incessanti, cosa che non accade con il succo di pompelmo.
    Fima Lifshitz, del Miami Children's ... (Continua)

    23/05/2002 

    Il vino rosso contro l'aterosclerosi
    Non solo un potere antiossidante, ma anche un effetto specifico sul restringimento delle arterie. Arriva stavolta dal Giappone una nuova ricerca che conferma le virtù del vino rosso. Il potere antiossidante è importante perché evita l'ossidazione del colesterolo.
    Il vino rosso combatte l'aterosclerosi, contrastando gli ispessimenti delle pareti dei vasi sanguigni, ma non è questa la novità proveniente dallo studio Giapponese. Yasuyoshi Ouchi, dell'Universita' di Tokyo, ha scoperto che ... (Continua)

    24/05/2002 

    L'infarto è colpa di tre cromosomi
    Tre gruppi di geni delle persone colpite da infarto si ''somigliano''. Si tratta dei geni dei cromosomi 2, 3 e 20. La scoperta, merito di ricercatori australiani, potrebbe rivelarsi utile per la prevenzione e per l'individuazione dei soggetti a rischio.
    Durante lo studio, pubblicato sulla rivista 'Arteriosclerosis, Thrombosis and Vascular Biology, gli scienziati hanno analizzato il patrimonio genetico di 70 coppie di fratelli e sorelle che avevano avuto un infarto. Si e' scoperto cosi' ... (Continua)

    27/06/2002 Un'altra madre disperata nel caso di Aosta

    Sindrome di Medea o depressione post partum?
    Sul caso di Olga Cerise, la mamma di Montjovet che ha confessato di aver annegato i suoi bambini Matteo e Davide , si stanno scatenando le ipotesi più disparate. A pochi mesi dal caso di Cogne un nuovo episodio di violenza efferata in una comunità apparentemente ''ideale''.
    Psicologi e psichiatri lanciano l'allarme e sollecitano i medici, soprattutto i ginecologi che seguono le donne durante la gravidanza, a non sottovalutare eventuali segnali anche minimi di disagio.
    Le donne sono ... (Continua)

      1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25

    Italia Salute Redazione TEL. 391.318.5657
    Via Albanese Ruffo 48, 00178 Roma
    Centro Medico Okmedicina.it Via Albanese Ruffo 40-46, 00178 Roma Mail redazione
    Copyright © 2000-2021 Italiasalute Riproduzione riservata anche parziale