• Analisi cliniche
  • Andrologia
  • Balbuzie
  • Cardiologia
  • Chirurgia.it
  • Dermatologia
  • Diabete
  • Ematologia
  • Endocrinologia
  • Farmacologia
  • Flebologia
  • Gastroenterologia
  • Genetica
  • Geriatria
  • Ginecologia
  • Gravidanza
  • Handicap
  • Malattie infettive
  • Malattie renali
  • Medicine naturali
  • Neurologia
  • Oculistica
  • Odontoiatria
  • Orecchie e gola
  • Ortopedia
  • Pediatria
  • Psichiatria
  • Psicologia
  • Sclerosi
  • Trapianti
  • Tumori
  • Urologia
  • Viaggi
  • ARTICOLI TROVATI : 250

    Risultati da 51 a 60 DI 250

    03/07/2002 

    Proteina polverizza placche ateriosclerotiche nelle arterie
    Una proteina spazzina effetto immediato, in grado di ripulire le arterie di un terzo delle placche aterosclerotiche in soli 90 minuti.
    E' la apoA-I Milano, una lipoproteina appartenente alla famiglia delle Hdl (il cosiddetto colesterolo 'buono'), che riprodotta in laboratorio come farmaco di sintesi con la tecnica del Dna ricombinante, è stata testata su un gruppo di conigli (costretti a dieta grassa e resi aterosclerotici) da un'équipe di ricercatori dell'Università degli Studi di ... (Continua)

    03/07/2002 

    Fattore endoteliale ripara le fratture
    Le fratture ossee si ''aggiustano'' grazie al fattore Vegf (Vascular Endothelial Growth Factor), che ha un ruolo fondamentale nella fase di riparazione del danno. Questa la scoperta, pubblicata su Pnas, fatta da ricercatori dell'Università di California, a San Francisco, che, studiando fratture in topi e conigli, hanno osservato come il Vegf facilita l'angiogenesi, la formazione dei nuovi vasi per irrorare la zona colpita, e stimola la differenziazione degli osteoblasti primari, le cellule ... (Continua)

    04/07/2002 

    Infiammazioni croniche favoriscono i tumori
    Guai a sottovalutare le infiammazioni, specie se croniche. Potrebbero essere la porta d'accesso per il cancro.
    A sostenerlo sono gli esperti dell'Istituto di Fisiopatologia Respiratoria del Cnr di Palermo, nel corso di un Convegno internazionale organizzato in collaborazione con l'Università di Palermo e la Fondazione Menarini.
    Le infiammazioni croniche infatti determinano la produzione di molecole che interagiscono con le cellule, favorendo le neoplasie.
    ''Nella ... (Continua)

    04/07/2002 

    Menopausa: terapia ormonale non riduce cardiopatie
    Le donne coronaropatiche in menopausa non dovrebbero sottoporsi a terapia ormonosostitutiva per prevenire il rischio coronarico.
    Questa la conclusione di uno studio, pubblicato sulla rivista Jama, condotto da ricercatori dell'Università della California a San Francisco, University of California, San Francisco, condotto su 2.763 donne (appartenenti agli studi HERS, Heart and Estrogen/progestin Replacement Study, e HERS II), tutte con precedenti coronarici, randomizzate fra terapia ... (Continua)

    05/07/2002 
    Reazione infiammatoria coronarica causata da angina
    L'angina instabile sarebbe associata ad una reazione infiammatoria 'globale' dell'albero coronarico, e non sarebbe circoscritta, a differenza di quanto finora ipotizzato, alla sola placca coronarica coinvolta.
    Questa la scoperta di ricercatori italiani dell'Università Cattolica di Roma, che hanno studiato su 24 pazienti con angina instabile per stenosi dell'arteria coronarica sinistra, 9 per stenosi della coronarica destra, 13 pazienti con angina stabile, 13 con angina per episodi ... (Continua)
    08/07/2002 
    Per fermare tumore alle ossa si ‘’spegne un gene’’
    Basta ‘’scollegare’’ temporaneamente un gene chiave nella replicazione delle cellule tumorali e il cancro alle ossa si blocca, almeno sul modello animale. Sono i risultati di uno studio pubblicato oggi su Science. Gli studiosi hanno scoperto che dopo aver ‘’ricollegato’’ il gene le cellule tumorali non lo riconoscono più, e invece di replicarsi nuovamente, si ‘'suicidano’' (apoptosi).
    ''In questo modo - spiegano gli scienziati che hanno condotto l'esperimento - si inverte la crescita del ... (Continua)
    11/07/2002 

    Aspirina riduce rischio di cancro ai polmoni nelle donne
    L'acido acetilsalicilico potrebbe ridurre del 34% il rischio di tumore del polmone nelle donne. Anzi, l'incidenza del carcinoma a grandi cellule potrebbe essere più che dimezzato.
    Questa la conclusione di uno studio condotto dai ricercatori della New York University e pubblicato sul British Jurnal of Cancer, che sembra confermare i risultati di lavori precedenti.
    Gli specialisti hanno studiato circa 14.000 donne osservando il consumo di aspirina. Secondo i ricercatori, l'assunzione ... (Continua)

    11/07/2002 
    Batterio dell'ulcera allo stomaco aumenta rischio di ictus
    Un ceppo particolarmente potente del batterio che causa l'ulcera allo stomaco, può anche aumentare il rischio di ictus. Lo rivela uno studio italiano, coordinato da Antonio Pietroiusti dell'Università romana di Tor Vergata, pubblicato sulla rivista Circulation, la rivista dell'American Heart Association. Dall'indagine è emerso che molti pazienti con ictus causato dal restringimento delle arterie nel cervello erano infettati da un ceppo di Helicobacter pylori detto CagA-positivo. E questo in una ... (Continua)
    23/07/2002 

    Nuova terapia ormonale contro osteoporosi
    Uno studio condotto da ricercatori americani su donne in menopausa che da poco tempo avevano sospeso la terapia ormono sostitutiva, ha dimostrato che l'alendronato, una terapia non ormonale anti-osteoporosi, previene la perdita ossea e aumenta significativamente la densità minerale della colonna vertebrale e dell'anca.
    Gli specialisti della Mayo Clinici di Rochester hanno studiato per 12 mesi un totale di 144 donne randomizzate tra placebo (49 casi) e alendronato (95 casi, 10 mg/die). ... (Continua)

    03/09/2002 
    Verruche: l'unico rimedio è l'acido salicilico
    La verruca è un formazione solida causata da una infezione virale benigna. Si presenta con escrescenze carnose dure in seguito all'attacco di un virus sia sull'epidermide che sulla mucosa. Contro le verruche i rimedi spesso si rifanno alla tradizione popolare e risultano molto spesso inefficaci. L'unico rimedio scientificamente efficace sembra però essere proprio quello piu' semplice: 'impacchi' di acido salicilico, la sostanza su cui si basa l'Aspirina. Ne sono convinti ricercatori inglesi ... (Continua)

      1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25

    Italia Salute Redazione TEL. 391.318.5657
    Via Albanese Ruffo 48, 00178 Roma
    Centro Medico Okmedicina.it Via Albanese Ruffo 40-46, 00178 Roma Mail redazione
    Copyright © 2000-2021 Italiasalute Riproduzione riservata anche parziale