• Analisi cliniche
  • Andrologia
  • Balbuzie
  • Cardiologia
  • Chirurgia.it
  • Dermatologia
  • Diabete
  • Ematologia
  • Endocrinologia
  • Farmacologia
  • Flebologia
  • Gastroenterologia
  • Genetica
  • Geriatria
  • Ginecologia
  • Gravidanza
  • Handicap
  • Malattie infettive
  • Malattie renali
  • Medicine naturali
  • Neurologia
  • Oculistica
  • Odontoiatria
  • Orecchie e gola
  • Ortopedia
  • Pediatria
  • Psichiatria
  • Psicologia
  • Sclerosi
  • Trapianti
  • Tumori
  • Urologia
  • Viaggi
  • ARTICOLI TROVATI : 250

    Risultati da 91 a 100 DI 250

    02/10/2019 16:20:00 Vantaggi notevoli rispetto al decorso naturale della malattia

    Atrofia muscolare spinale, l'efficacia di nusinersen
    Sono stati pubblicati i risultati relativi all'impiego di nusinersen per il trattamento dell'atrofia muscolare spinale.
    Rispetto al decorso naturale della malattia, i dati dello studio NURTURE dimostrano l’ottenimento di risultati senza precedenti nei neonati che hanno iniziato il trattamento con nusinersen prima dell’insorgenza dei sintomi clinici. Alla fine del mese di marzo 2019 tutti i partecipanti erano vivi, non necessitavano di ventilazione permanente ed erano in continuo ... (Continua)

    13/09/2019 17:15:00 Il farmaco è diretto contro il recettore dell’interleuchina 6

    Neuromielite ottica, satralizumab efficace
    Satralizumab mostra efficacia nel trattamento della neuromielite ottica (NMOSD), malattia rara e debilitante del sistema nervoso centrale.
    Ad affermarlo è la casa farmaceutica Roche che ha presentato i risultati dello studio di fase III SakuraStar.
    I dati, presentati al 35° Congresso ECTRIMS (Congress of the European Committee for the Treatment and Research in Multiple Sclerosis) di Stoccolma dimostrano che satralizumab somministrato in monoterapia ha ottenuto una riduzione del 55% del ... (Continua)

    02/09/2019 11:50:00 Contrastano il processo neurodegenerativo
    Parkinson, le «resolvine» rallentano la malattia
    Lo sviluppo della malattia di Parkinson potrebbe essere rallentato grazie alle Resolvine, molecole prodotte dal nostro organismo per spegnere processi infiammatori e riparare i tessuti danneggiati da questi processi.
    Da tempo la ricerca sta puntando i riflettori sui possibili rapporti tra stati infiammatori e malattie neurodegenerative. Nel nuovo studio pubblicato su Nature Communications, Ricercatori dell’Università di Roma “Tor Vergata”, Fondazione Santa Lucia IRCCS e Università Campus ... (Continua)
    07/06/2019 15:10:00 Si allunga il termine entro cui è possibile la cura

    Ictus, 9 ore per somministrare la trombolisi
    Avere più tempo per somministrare il trattamento che può salvare dall’ictus cerebrale.
    Il Congresso dell’European Stroke Organisation evidenzia un notevole passo avanti in questa direzione. Aumentare le possibilità di recupero e limitare le conseguenze disabilitanti causate dall’ictus cerebrale intervenendo con la trombolisi, cioè con la somministrazione di un farmaco capace di disostruire l’arteria cerebrale occlusa, entro le prime 4,5 ore dalla comparsa dei sintomi o con la trombectomia ... (Continua)

    15/05/2019 16:30:00 Combinazione di doxilamina e piridossina

    Nuovo farmaco per la nausea in gravidanza
    La combinazione fra doxilamina succinato e piridossina cloridrato risulta efficace nel controllo della nausea e del vomito in gravidanza.
    Il mix è più efficace sia del placebo sia della sola piridossina, già utilizzata per trattare il disturbo.
    Il farmaco è utilizzato in alcuni paesi da anni ed è stato testato su 200mila donne, senza mostrare mai effetti teratogeni e rischi di malformazione del feto.
    La nausea in gravidanza interessa una percentuale di donne variabile tra il 70% e ... (Continua)

    09/05/2019 15:45:00 Significativa riduzione della progressione della disabilità

    Sclerosi multipla, efficace ocrelizumab
    Nuovi dati disponibili su ocrelizumab nella cura della sclerosi multipla. Li ha presentati Roche al Congresso annuale dell’American Academy of Neurology di Philadelphia.
    I nuovi dati riguardano l’uso del farmaco nel trattamento della sclerosi multipla recidivante (SMR) e primariamente progressiva (SMPP). Le nuove analisi condotte dimostrano che la capacità di ocrelizumab di ridurre il rischio di progressione della disabilità è associata a una esposizione più prolungata al trattamento e a ... (Continua)

    17/04/2019 16:30:00 Migliora la sopravvivenza globale in pazienti con metastasi

    Cancro alla prostata, Radio-223 efficace
    Il radiofarmaco radio-223 dicloruro migliora la sopravvivenza globale anche in pazienti della pratica clinica, che presentano caratteristiche diverse da quelli inclusi negli studi registrativi.
    I dati di diversi studi real life sul radiofarmaco sono stati presentati in occasione dell’11° Simposio internazionale sulla Targeted Alpha Therapy (TAT 11) che si è svolto recentemente a Ottawa. In particolare, uno studio di pratica clinica retrospettivo condotto negli USA con radio-223 ha avuto ... (Continua)

    01/03/2019 Coinvolto il gene CCP1 in una rara forma di neuropatia

    Scoperta nuova malattia degenerativa infantile
    Nell’ambito di un lavoro cooperativo e multicentrico internazionale coordinato dal Prof. Jan Senderek del Friedrich Baur University Institute di Monaco di Baviera, l’Istituto Giannina Gaslini di Genova ha contribuito all’identificazione di un nuovo gene chiamato CCP1 responsabile di una rara forma di neuropatia degenerativa la cui patogenesi non era ancora nota.
    Questa ricerca è il risultato di una stretta collaborazione che, all’interno dell’Irccs G. Gaslini, è stata coordinata dalla ... (Continua)

    19/12/2018 Nuovo trattamento per le forme a basso rischio

    La terapia fotodinamica per il cancro alla prostata
    C’è un nuovo trattamento per il tumore alla prostata localizzato e a basso rischio. Si tratta della terapia fotodinamica, grazie alla quale sono stati effettuati i primi interventi a Napoli.
    “La chirurgia focale - spiega Vincenzo Mirone, Professore Ordinario di Urologia presso l'Università degli studi Federico II di Napoli - impiega un laser non termico a bassa potenza che uccide le cellule tumorali, preservando il tessuto sano circostante, tramite un processo di foto-attivazione. Le fibre ... (Continua)

    18/12/2018 La genetica svolgerebbe il ruolo chiave nella longevità femminile

    Il cromosoma X rende le donne più longeve
    Al di là della compresenza di altri fattori, sarebbe il secondo cromosoma X ad assicurare alle donne una maggiore longevità. A dirlo è uno studio della University of California di San Francisco, che ricorda come il secondo cromosoma X sia presente solo nei mammiferi di sesso femminile.
    Il cromosoma X contiene molti geni legati al cervello ed è fondamentale per la sopravvivenza, mentre il cromosoma Y, presente solo nei maschi, ha solo pochi geni legati alle caratteristiche sessuali, ma in ... (Continua)

      1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25

    Italia Salute Redazione TEL. 351.666.0811
    Via Albanese Ruffo 48, 00178 Roma
    Centro Medico Okmedicina.it Via Albanese Ruffo 40-46, 00178 Roma Mail redazione
    Copyright © 2000-2023 Okmedicina ONLUS Riproduzione riservata anche parziale