Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 14

Risultati da 1 a 10 DI 14

24/06/2015 11:42:00 Pillole a base di drospirenone più pericolose delle altre

Rischio coaguli per la pillola di terza generazione
Le pillole a base di drospirenone e altri ormoni, definite di terza generazione, aumentano il rischio di trombosi rispetto alle versioni precedenti. A dirlo è uno studio pubblicato sul British Medical Journal da un team della Nottingham University.
La ricerca ha considerato l'associazione fra l'uso dei contraccettivi orali di terza generazione – che contengono cioè drospirenone, desogestrel, gestodene e ciproterone – e il rischio di tromboembolismo venoso.
Gli studiosi inglesi hanno ... (Continua)

11/03/2015 17:08:00 L'Italia non segue la direttiva europea

Pillola dei 5 giorni dopo, rimane l'obbligo della ricetta
Una direttiva della Commissione Europea consente di ottenere la pillola dei 5 giorni dopo senza l'obbligo di un test di gravidanza. Tuttavia, l'Italia, attraverso il Consiglio superiore della sanità e l'Agenzia del Farmaco, ha deciso di non recepire la direttiva, pertanto rimarrà l'obbligo della prescrizione medica per il medicinale.
La pillola, già commercializzata in molti paesi europei con il nome di EllaOne dall'azienda Hra Pharma, è già stata oggetto di numerose discussioni anche sulle ... (Continua)

10/07/2014 12:15:00 Grazie a un chip copertura garantita per 16 anni

Il contraccettivo si fa digitale
Anche i contraccettivi vanno incontro al futuro. Un team di ricercatori del prestigioso Massachusetts Institute of Technology (Mit) di Boston ha messo a punto un nuovo contraccettivo computerizzato basato sull'utilizzo di un chip da impiantare sotto pelle e da un telecomando per controllarlo.
Lo strumento è minuscolo e ha un'efficacia che si prolunga per 16 anni. In ogni momento, però, il rilascio dell'ormone levonorgestrel può essere interrotto attraverso il telecomando in dotazione.
Il ... (Continua)

11/06/2014 12:00:00 Il trattamento per l'anemia migliora le condizioni delle donne

In caso di menorragia utile un'integrazione di ferro
Applicare il trattamento per l'anemia nelle donne colpite da menorragia garantisce un'evoluzione positiva delle condizioni generali di salute. È la conclusione cui giunge uno studio pubblicato su Acta Obstetricia et Gynecologica Scandinavica da un team di ricerca dell'Hyvinkää Hospital, in Finlandia, guidato dal dott. Pirkko Peuranpää, che spiega: «senza un’adeguata integrazione dietetica di ferro, l’emorragia mestruale riduce con il tempo i depositi di ferro nell’organismo, influendo ... (Continua)

06/03/2014 11:59:00 Il dispositivo rilascia un contraccettivo e un antivirale

Anello vaginale anticoncezionale che protegge anche dall'Hiv
Doppia funzione per un nuovo tipo di anello intravaginale, in grado di rilasciare nell'organismo un contraccettivo, ma anche un antivirale che protegge dall'Hiv e dall'herpes. È l'idea di un gruppo di scienziati della Northwestern University diretto dall'ingegnere biomedico Patrick Kiser, che ne ha pubblicato gli esiti su Plos One.
Nei test condotti su modello animale, l'anello ha dimostrato la sua efficacia, proponendosi per una sperimentazione clinica sulle donne. Oltre al levonorgestrel, ... (Continua)

28/11/2013 Oltre gli 80 chili non c’è alcun effetto

Pillola del giorno dopo, non funziona se pesi troppo
Il peso è una discriminante decisiva nella decisione di prescrivere la pillola del giorno dopo. Un peso corporeo superiore agli 80 chili, infatti, rende nullo qualsiasi effetto del farmaco, tanto che la Food and Drug Administration americana – l’ente che si occupa della regolamentazione dei medicinali – avrebbe deciso di far inserire nel foglietto illustrativo del farmaco questo avvertimento.
La stessa decisione è stata già presa dagli enti europei, che hanno imposto all’azienda francese ... (Continua)

17/10/2013 22:42:30 Diverse combinazioni determinano diverso rischio
contraccettivi ormonali combinati e tromboembolia venosa
I contraccettivi ormonali combinati (Coc) consistono nella combinazione di due ormoni, estrogeno più un progestinico, al fine di bloccare l’ovulazione e quindi determinare un effetto anticoncezionale. La terapia con Coc aumenta , però, il rischio di tromboembolia venosa (Tev). Pertanto è importante che le donne prestino attenzione all’eventuale insorgenza di determinati segni e sintomi: comparsa di dolore o gonfiore alle gambe, improvvisa mancanza di respiro senza alcun motivo, respirazione ... (Continua)
08/07/2013 13:12:57 Per giovani e donne mature la scelta non comporta rischi

Complicanze rare con la spirale
L'uso della spirale non comporta nella maggior parte dei casi alcuna complicazione, sia nelle donne giovani che in quelle più mature. A dirlo è uno studio dell'Università del Texas pubblicato su Obstetrics and Gynecology.
Il dispositivo intrauterino anticoncezionale (Iud) è stato oggetto di un'analisi compiuta da un team guidato dalla ginecologa Abbey Berenson, prima autrice dell'articolo: “due tipi di Iud sono disponibili negli Stati Uniti: quello che rilascia levonorgestrel e la spirale di ... (Continua)

17/05/2012 L'incidenza aumenta se si utilizzano anelli o cerotti

Rischio di trombosi anche con contraccettivi non orali
Era già noto il rischio di trombosi legato al consumo di pillole anticoncezionali, ma un nuovo studio punta il dito anche contro i contraccettivi non orali. La trombosi venosa profonda è dovuta alla formazione di un trombo, ossia di un coagulo di sangue, in particolare nelle vene degli arti inferiori, il che può provocare anche un embolo polmonare.
Una ricerca realizzata dall'Università di Copenaghen pubblicata sul British Medical Journal ha verificato il ... (Continua)

12/09/2011 Problema rilevante per una donna su 5

Una pillola limita il ciclo abbondante
Nel 20 per cento dei casi il ciclo mestruale diventa un vero e proprio incubo. Una donna su 5 infatti accusa gli effetti di un flusso mestruale abbondante, in particolare l'abbassamento dei livelli di ferro nell'organismo, il che comporta problemi di vario tipo come insonnia, deficit di attenzione e di memoria, stanchezza, irritabilità e calo della libido.
Tutto ciò condiziona fortemente la qualità della vita della donna che soffre di questo disturbo, come certificano gli esperti riuniti ... (Continua)

  1|2

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale