ARTICOLI TROVATI : 51

Risultati da 41 a 50 DI 51

18/02/2011 Nesso fra le infezioni e la perdita di massa ossea

Pericolo fratture con una malattia infettiva
È stato dimostrato che numerose e diffuse malattie infettive possono avere tra le loro devastanti conseguenze anche una sensibile riduzione della massa ossea e un conseguente incremento di fratture.
Tra queste particolare rilievo ha assunto negli ultimi anni l’infezione da Hiv, responsabile dell’Aids, che, anche a seguito della prolungata sopravvivenza dei pazienti e dei farmaci impiegati cronicamente per ottenerla, è frequentemente complicata da fratture ossee da fragilità, anche in ... (Continua)

21/01/2011 Esame più semplice grazie a un nuovo strumento di 4,9 mm di diametro

I vantaggi della gastroscospia trans-nasale
Una gastroscopia meno invasiva grazie alle ridotte dimensioni di un nuovo gastroscopio. Lo strumento è già in funzione presso il Servizio di Medicina e Chirurgia dell’Apparato digerente della Divisione INI di Grottaferrata, diretto dal prof. Luca Pecchioli.
Si tratta di un gastroscopio trans-nasale di 4,9 mm di diametro contro i 9,8 mm del tradizionale. Uno strumento dagli indubbi vantaggi. Grazie alla gastroscopia trans-nasale, infatti, non si avvertono conati di vomito, nausea o senso di ... (Continua)

19/11/2010 10:40:07 Come gestire la patologia e qual è il trattamento chirurgico

Gastrinoma, un tumore raro ma da non sottovalutare
La storia del Gastrinoma inizia nel 1955 quando Zollinger ed Ellison pubblicano un articolo dove vengono riportati due casi di ulcera peptica associata a tumori del pancreas. Negli stessi anni il Dott Wermer descrive una sindrome caratterizzata da adenomatosi dell’Ipofisi Anteriore, delle Paratiroidi e del Pancreas in una famiglia in cui erano affetti il padre e quattro dei nove figli. Dopo più di mezzo secolo i Gastrinomi sono conosciuti come tumori rari producenti gastrina localizzati nel ... (Continua)

18/10/2010 Le conseguenze negative di una cattiva digestione
L'acidità di stomaco favorisce infezioni gastriche
Helicobacter pylori, Escherichia coli ed altri batteri pericolosi per lo stomaco. Questi sono i batteri la cui vita sarebbe favorita dall'acidita' dello stomaco, quindi dalla quantita' di idrogeno disponibile nell'organo. Lo dimostra uno studio statunitense condotto sul topo e pubblicato sulla rivista 'Science'.
Jonathan W. Olson e Robert J. Maier, dell'università della Georgia di Athens, hanno studiato topi infettati dall'Helicobacter pylori, un batterio che causa acidità di stomaco, ... (Continua)
12/04/2010 Il rischio di tumore alla pelle si riduce del 25% con l'estratto di broccoli

I broccoli mettono ko il melanoma
Appena qualche giorno fa una ricerca aveva avanzato dubbi sugli effetti preventivi di frutta e verdura nei confronti dei tumori. Ora un nuovo studio si concentra su una particolare neoplasia e afferma che un estratto ricavato dai broccoli è in grado di proteggere l'epidermide dai raggi UV dannosi, riducendo di un quarto le possibilità di sviluppare un melanoma.
Lo studio di un gruppo di ricercatori della Johns Hopkins University ha riguardato topi di ... (Continua)

27/09/2008 
Identificata cellula responsabile del tumore allo stomaco
Due ricercatori italiani hanno annunciato, nel corso del congresso congresso della Società Italiana di Allergologia e d'Immunologia Clinica (Siaic) tenutosi a Firenze, di avere identificato una cellula responsabile della trasformazione di gastriti ed ulcere nello stomaco in tumori.
Gianni Marone ed Amato de Paulis, dell'Università Federico II di Napoli, hanno precisato che la cellula immunitaria è il migliore alleato dell'Helicobacter pylori, il batterio responsabile della gastrite e delle ... (Continua)
01/08/2003 
Più vitamina C, meno rischi da Helicobacter Pilori
Uno studio Usa rivela l'esistenza di un legame tra la carenza di vitamina C e l'infezione di un batterio, Helicobacter Pilori.
L'Helicobacter Pilori è un germe scoperto nel 1983 che colonizza la mucosa gastrica danneggiandola e che può essere trasmesso da un individuo ad un altro per via oro-orale attraverso la saliva oppure per via oro-fecale attraverso l’ingestione di alimenti contaminati dalle feci dei portatori.
La pericolosità del batterio risiede non solo nel fatto che esso ... (Continua)
03/06/2003 
Scoperto come Helicobacter Pylori provoca l'ulcera
Ricercatori italiani e statunitensi hanno scoperto, in provetta, il meccanismo con cui l'Helicobacter pylori lo stomaco e provoca l'ulcera. Lo studio, pubblicato sulla rivista 'Science', rivela che il batterio produce una proteina, chiamata 'CagA'(prodotta dal gene associato alla citotossina A), che 'scioglie' i legami necessari a 'sigillare' le cellule delle pareti dello stomaco e a proteggere i tessuti dagli acidi gastrici.
Antonello Covacci, dell'Istituto di Ricerche ... (Continua)
11/07/2002 
Batterio dell'ulcera allo stomaco aumenta rischio di ictus
Un ceppo particolarmente potente del batterio che causa l'ulcera allo stomaco, può anche aumentare il rischio di ictus. Lo rivela uno studio italiano, coordinato da Antonio Pietroiusti dell'Università romana di Tor Vergata, pubblicato sulla rivista Circulation, la rivista dell'American Heart Association. Dall'indagine è emerso che molti pazienti con ictus causato dal restringimento delle arterie nel cervello erano infettati da un ceppo di Helicobacter pylori detto CagA-positivo. E questo in una ... (Continua)
03/01/2002 
H. pylori: cancro stomaco & ulcera
L'Helicobacter pylori è al centro di alcune ricerche che ne sottolineano la dannosità e la nocività per il nostro organismo, attaccato da tumori e ulcere causate proprio dal batterio.

La prima campagna di studio è stata avviata dall'Istituto Karolinska di Stoccolma, i cui risultati si basano sull'utilizzo di test Immunoblot che (diversamente dai test Elisa convenzionali) individua anche precedenti infezioni. Secondo gli specialisti svedesi, infatti, la scomparsa del batterio e quindi ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6

Italia Salute Redazione TEL. 351.666.0811
Via Albanese Ruffo 48, 00178 Roma
Centro Medico Okmedicina.it Via Albanese Ruffo 40-46, 00178 Roma Mail redazione
Copyright © 2000-2023 Okmedicina ONLUS Riproduzione riservata anche parziale