Quanto dura il coronavirus espulso da un colpo di tosse

Entro 5 minuti perde il 90 per cento della sua infettività

Bastano 5 minuti per eliminare il 90 per cento dei virioni di Sars-CoV-2 espulsi dopo un colpo di tosse. Lo ha stabilito uno studio dell’Aerosol Research Centre dell’Università di Bristol citato dal quotidiano Guardian.
"Ci si è concentrati in passato sugli spazi poco ventilati e ci si è dedicati alla trasmissione aerea per metri o attraverso una stanza. Non dico che questo non accada, ma penso che il rischio maggiore di contagio si verifichi quando ci si trova vicino a qualcuno", spiega il professor Jonathan Reid, direttore del centro di ricerca inglese.
Secondo lo studio, che non ha riguardato Omicron, le infezioni dovute all’aerosol persistente nell’ambiente sono percentualmente inferiori rispetto a quelle collegate alla trasmissione ravvicinata del virus attraverso i droplet.
"Quando ci si allontana, il virus diventa meno contagioso perché ha perso efficacia", prosegue il professor Reid. "Per la prima volta si è riusciti a simulare realmente cosa succede durante il processo di esalazione", spiega Reid.
Una volta espulse dai polmoni, le particelle virali si seccano rapidamente, andando incontro a un aumento critico del pH, il che si traduce in una minore capacità infettiva.
La velocità di questo processo non è però fissa, ma dipende da fattori esterni, ad esempio dall’umidità dell’aria circostante. Se non raggiunge il 50% il virus perde metà della sua capacità infettiva nel giro di 10 secondi e il 90% dopo 5 minuti. Negli ambienti molto umidi il calo è più lento e la capacità infettiva scende al 52% dopo 5 minuti e al 10% dopo 20. La temperatura non sembra invece avere alcuna influenza sui risultati.

12/01/2022 12:16:00 Andrea Sperelli

Notizie correlate

Covid, i vaccini a mRna proteggono di più

  • Maggiore efficacia rispetto a quelli a vettore virale
    (Continua)




Scoperto il nascondiglio di Sars-CoV-2

  • Ricercatori italiani evidenziano l’esistenza di una nicchia replicativa
    (Continua)




Covid, un antinfiammatorio dimezza il rischio di morte

  • Efficace nei pazienti con malattia grave nell’anno successivo alla guarigione
    (Continua)




Covid, il virus si può bloccare

  • Ricercatori scoprono il meccanismo per fermare l’infezione
    (Continua)




Covid-19 asintomatico, scoperti i fattori genetici

  • Alcune mutazioni predispongono alle forme asintomatiche
    (Continua)




Covid, i vaccinati infettano di meno

  • Capacità fino a 5 volte più bassa di contagiare gli altri
    (Continua)




La complessità di Sars-CoV-2 rimanda la fine della pandemia

  • Nonostante vaccini e nuovi farmaci il virus continua a far male
    (Continua)




Covid, alcuni farmaci ne riducono il rischio

  • L’effetto dell’assunzione abituale di medicinali per altre malattie
    (Continua)




Covid, calo degli anticorpi dopo 6 mesi dal vaccino

  • Ma potrebbe non essere associato a calo dell’immunità
    (Continua)




Quanto è diffuso veramente il Long Covid

  • Un terzo delle persone trattate accusa sintomi a lungo termine
    (Continua)




Covid, il vaccino di Johnson limitato negli Stati Uniti





Covid, casi di recidive dopo Paxlovid

  • In alcuni casi i pazienti sperimentano una nuova infezione
    (Continua)




Le molecole “con il gps” inchiodano il Covid





Due vaccini contro la mononucleosi

  • Sembrano efficaci i vaccini sperimentali contro il virus di Epstein-Barr
    (Continua)




I sintomi di Omicron 4 e 5

  • Più rare tosse e febbre, più frequente il raffreddore
    (Continua)




Covid, il cervello dei ricoverati invecchia di 20 anni

  • Possibile la perdita di 10 punti di quoziente intellettivo
    (Continua)




I benefici dell’acqua iperozonizzata

  • Potenzialità medicali riconosciute dalla comunità scientifica
    (Continua)




Covid, i meccanismi alla base della Mis-C nei bambini

  • Oltre 100 proteine collegate alla gravità dell’infezione
    (Continua)




Tamponi fai da te efficaci, ma solo dopo 3 giorni

  • Bisogna aspettare qualche giorno dalla comparsa dei sintomi
    (Continua)