Covid, ricoveri giù del 91% nel Lazio grazie ai vaccini

Studio della Regione evidenzia la grande efficacia della profilassi

Sono molto promettenti i risultati della campagna vaccinale nella fascia di età oltre gli 80 anni nel Lazio. Si tratta del primo studio regionale su questa popolazione, che evidenzia la riduzione del 91% dell'incidenza di ricovero per Covid-19 grazie all'uso dei vaccini.
Tra febbraio e dicembre 2020 - ovvero nel periodo in cui i vaccini non erano disponibili - il Lazio ha registrato quasi 172.000 casi di infezione da Sars-CoV-2, l'8% dei quali riguardava persone con più di 80 anni. Malgrado la percentuale contenuta di infezioni, gli over 80 costituiscono oltre il 58% del totale dei decessi. È evidente, quindi, che il loro profilo fosse prioritario nella prima fase della campagna vaccinale.
L'analisi presentata dal presidente della Regione Nicola Zingaretti e dall'assessore alla Sanità Alessio D'Amato è stata realizzata sugli anziani che hanno completato il ciclo vaccinale Pfizer o Moderna fra l'8 febbraio 2021 e il 15 aprile 2021.
L'incidenza dei ricoveri è stata confrontata con l'incidenza osservata in un gruppo di controllo di persone non vaccinate.
Nel gruppo dei vaccinati sono state registrare 27 ospedalizzazioni per Covid-19 contro le 290 del gruppo di controllo, il che si traduce in un'efficacia del 91%. La vaccinazione ha evitato così 267 ricoveri pari a un totale di 3.840 giornate di degenza ospedaliera, in un periodo di osservazione mediano di 21 giorni.
Lo studio continuerà analizzando la durata della protezione garantita dalla vaccinazione e la riduzione in termini di mortalità.

06/05/2021 17:00:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate