Linee guida sulla colite ulcerosa

Incentrate sulla gestione della tasca ileo-anale

Un articolo apparso su Gastroenterology a firma di esperti dell'American Gastroenterological Association (AGA) si ├Ę concentrato sulla gestione della pouchite, la complicanza pi├╣ comune nelle persone affette da colite ulcerosa.
┬źCon il termine pouchite si indica una complicanza abbastanza frequente che colpisce i pazienti con rettocolite ulcerosa sottoposti a una colectomia totale, al termine della quale viene confezionata una stomia per la raccolta del materiale fecale che fuoriesce dall'intestino tenue. Successivamente il paziente pu├▓ essere sottoposto a un secondo intervento per la creazione di un'anastomosi ileo-anale (IPAA) detta anche pouch, realizzata ripiegando su se stesso l'ultimo tratto di intestino tenue e collegandolo all'ano, che svolge la funzione di serbatoio analogamente al retto permettendo di eliminare la stomia mantenendo un'adeguata continenza fecale e una buona qualit├á di vita┬╗, spiega il coautore della linea guida Siddharth Singh, professore associato di gastroenterologia all'Universit├á di California San Diego, aggiungendo che la pi├╣ comune complicazione dell'IPAA ├Ę la pouchite, che colpisce tra il 25% e il 45% dei pazienti. ┬źSebbene gli antibiotici possano trattare efficacemente alcuni casi di pouchite, attualmente si sa poco sulle strategie di prevenzione, trattamento e gestione della complicanza┬╗, riprende Singh.
Gli esperti hanno redatto un documento che stabilisce alcune raccomandazioni basate sull'evidenza per la diagnosi, il trattamento e la gestione a lungo termine della pouchite.
Il documento individua i criteri per la diagnosi della condizione, fra cui i sintomi, i risultati endoscopici e l'evidenza istologica. Inoltre, fornisce indicazioni sull'uso di antibiotici, immunosoppressori e probiotici, ma anche sulle strategie preventive basate sull'alimentazione e lo stile di vita. Il documento infine evidenzia l'importanza del monitoraggio a breve e a lungo termine per la valutazione della risposta al trattamento e della progressione della malattia.

Fonte: Gastroenterology 2023. Doi: 10.1053/j.gastro.2023.10.015
Gastroenterology

25/01/2024 10:55:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate