Caldo, i consigli per chi soffre di Alzheimer e Parkinson

Più di altri questi pazienti possono accusare gli effetti della calura estiva

La tremenda ondata di caldo che si è abbattuta sull'Europa occidentale sta mietendo molte vittime in tanti paesi diversi. L'Italia purtroppo non fa eccezione, e a soffrire del caldo eccessivo possono essere in particolare i soggetti fragili, ad esempio i malati di Parkinson e Alzheimer.
In questi ultimi la percezione delle temperature e la termoregolazione corporea risultano alterate, tanto che i pazienti spesso non si rendono conto dei rischi che corrono per l'eccessivo calore.
La Società italiana di neurologia (Sin) ha lanciato quindi un'allerta a pazienti e caregiver, offrendo loro consigli per contrastare gli effetti negativi del caldo.
"Le prime buone regole da rispettare riguardano una corretta idratazione attraverso l'assunzione di 2 o 3 litri di acqua al giorno e un'alimentazione ricca di frutta e verdura estiva che contengono moltissimi liquidi, sali minerali, vitamine, antiossidanti e fibre in grado di sostenere corpo e mente", spiega Alfredo Berardelli, presidente della Sin.
In particolare, per i pazienti con Parkinson, spiegano i neurologi, "è importante non assecondare lo stato di inattività che il caldo induce, iniziando la giornata con una sessione da 20 minuti circa di esercizi di riscaldamento e di allungamento; un bagno in piscina può essere una buona idea, così come un ciclo di fisioterapia acquatica".
I neurologi raccomandano inoltre l'uso del deambulatore in quelle fasi del giorno in cui si verificano i blocchi motori e l'uso dei bastoncini da trekking o nordic walking "che permettono di accrescere di circa il 20% la capacità fisica e il grado di allenamento rispetto alla passeggiata senza mezzi di ausilio".
Per quanto riguarda i malati di Alzheimer, invece, i neurologi sottolineano la maggiore frequenza degli stati confusionali e il peggioramento dell'orientamento e delle funzioni cognitive. "È importante rinfrescare costantemente gli ambienti ed effettuare delle passeggiate a fine giornata, nelle ore meno calde, per favorire il benessere psicofisico".

20/07/2022 15:00:00 Arturo Bandini


Notizie correlate