Menopausa, un laser riaccende il sesso

I benefici del laser Co2 frazionato

Il laser Co2 frazionato ha l'effetto di migliorare la vita sessuale delle donne in fase di menopausa. Grazie al laser, infatti, si ripristina la funzionalità vaginale con benefici evidenti sia per il sesso che per un'eventuale incontinenza.
«Il laser vaginale serve a migliorare la qualità di vita della paziente, per esempio nella vita sessuale, che dopo la menopausa viene inibita dall'assenza di ormoni estrogeni», spiega Anna Agnello, Specialista Ginecologia e Responsabile "Percorso Menopausa" del CDI. «Il laser vaginale stimola i fibroblasti a produrre collagene e questa produzione di collagene aiuta il trofismo vaginale e aiuta la correzione anche dell'incontinenza urinaria lieve».
Ma il laser ha un effetto positivo anche per la cute delle donne in menopausa, come ricorda Maurizio Cavallini, specialista di Chirurgia Plastica e Responsabile Dermatochirurgia del CDI: «Durante la menopausa sono molti gli organi che vengono interessati; la cute è uno di quelli: progressivamente si ha una riduzione dell'acido ialuronico, di collagene ed elastina, e un'alterazione della produzione di melanina. Questo porta alla formazione sulla cute del viso, sulle mani, sul décolleté di quelle lentiggini color marrone molto fastidiose dal punto di vista estetico e che al Centro Diagnostico Italiano, grazie all'acquisizione di uno dei più moderni e sofisticati laser, si possono correggere, eliminare o ridurre per dare un aspetto gradevole a quello che è il viso di una donna in menopausa».
«La menopausa è un fattore di rischio cardiovascolare in quanto trascina con sé una serie di modificazioni metaboliche e vascolari che espongono la donna a un rischio aumentato di patologie come l'infarto o l'ictus», commenta Chiara Montano, Specialista Cardiologia al Cdi. «È importantissimo che la donna all'epoca della menopausa venga seguita da un cardiologo di fiducia in quanto è fondamentale avere una personalizzazione del proprio profilo di rischio cardiovascolare per stabilire quali possano essere gli interventi per cercare di vivere a pieno, con la miglior prevenzione possibile, questa fase così delicata».
«La menopausa non è una malattia», conclude la dottoressa Agnello, «è un momento particolare della vita di una donna, caratterizzata dal calo degli estrogeni, cioè la cessazione dell'attività ovarica. Va affrontata serenamente, ma la donna necessita di un team di specialisti che ruotino attorno a lei, a 360 gradi, per garantire un'ottima qualità di vita».

16/10/2017 15:51:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate