I cibi che battono l'insonnia

Alcune scelte possibili per dormire meglio

Mangiare bene è la precondizione fondamentale per riuscire a dormire serenamente. Per questo, la scelta su cosa mettere a tavola la sera deve essere fatta con estrema cautela. Di seguito proponiamo 7 alimenti che sembrano in grado di migliorare il riposo notturno.

1) I kiwi. Sono frutti che vantano una grande concentrazione di vitamina C e proprietà antiossidanti non indifferenti grazie alle fibre e al potassio. Oltre a rappresentare un ausilio per il sistema immunitario soprattutto nel corso dell'inverno, i kiwi si rivelano anche alleati del sonno, secondo quanto afferma una ricerca dell'Università di Taipei. Lo studio, effettuato su 22 donne e 4 uomini fra i 20 e i 50 anni, dimostra che il consumo quotidiano di kiwi aumenta sia la quantità che la qualità del sonno. La “dose” necessaria è di 2 kiwi un'ora prima di andare a letto.
2) Le noci. Una ricerca dell'Università del Texas segnala l'aumento dei livelli di melatonina grazie al consumo delle noci. Come noto, la melatonina è l'ormone chiave per la regolazione del sonno, quello preposto al corretto meccanismo del ciclo sonno-veglia.
3) Le mandorle. Un altro frutto secco particolarmente ricco di magnesio, vitamine e Omega 3. Oltre a far bene a cuore, ossa e arterie, le mandorle manifestano effetti positivi per il riposo notturno. Ciò sarebbe legato al magnesio, il cui deficit è correlato con difficoltà di addormentamento.
4) Le alghe marine. Si tratta di un alimento senz'altro poco comune sulle nostre tavole, ma il cui utilizzo andrebbe preso in considerazione. Secondo una ricerca dell'Università di Oxford, infatti, un piccolo supplemento di estratti di alghe ha l'effetto di alleviare i disturbi del sonno, come dimostra una sperimentazione effettuata su un campione di 360 bambini.
5) Il succo di amarene. Due tazze di succo hanno aumentato di un'ora il riposo complessivo delle persone che si sono sottoposte a una sperimentazione condotta dall'Università di Stato della Louisiana. Anche in questo caso ad essere coinvolta è la melatonina, la cui attivazione pare particolarmente sensibile al consumo delle amarene.
6) Pane e burro di arachidi. Il burro di arachidi contiene quei grassi in grado di attivare la produzione di insulina, da sempre collegata alla sonnolenza. Inoltre, i carboidrati del pane aiutano a prendere sonno con più facilità. Ovviamente si tratta di ingredienti con i quali è bene andarci piano perché altamente calorici.
7) La camomilla. Un classico, la tipica proposta delle mamme di fronte alle crisi di insonnia dei figli. In effetti, molti studi scientifici hanno confermato l'efficacia della bevanda specie se preparata con i fiori secchi della pianta, che avrà senz'altro un sapore più intenso rispetto alle bustine già pronte.

05/10/2016 14:30:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate