Chi guida tanto rischia le infezioni urinarie

In pericolo soprattutto tassisti, autisti di bus e camionisti

Non c'├Ę niente di peggio che trascorrere tante ore di seguito al volante per il proprio apparato urinario. Lo ricordano gli esperti in urologia e andrologia riuniti a congresso a Roma, promosso dal prof. Francesco Sasso, specialista in Urologia e Andrologia presso l'Universit├á Cattolica Sacro Cuore di Roma - Fondazione Gemelli.
┬źL'utilizzo prolungato dell'autovettura - sostiene il prof. Sasso, membro dell'E.R.G.A.M. (European Research Group on Automotive Medicine) - pu├▓ generare l'insorgere di patologie del basso apparato urinario. In particolare, infezioni, cistiti e prostatiti. Alcune categorie di lavoratori sono pi├╣ a rischio di altri, anche in giovane et├á. Per questo motivo, ├Ę fondamentale privilegiare vetture con sedili ergonomici e un buon funzionamento dell'impianto di climatizzazione dell'auto che consente di ridurre la sudorazione e la conseguente concentrazione delle urine┬╗.
Allo scopo di ridurre i rischi delle infezioni urinarie, il prof. Sasso elenca una serie di piccoli accorgimenti: ┬źBere due litri di acqua al giorno, non aspettare di avere la vescica completamente piena prima di andare in bagno, fermarsi ogni 2-3 ore, climatizzare il veicolo, limitare l'assunzione di farmaci che favoriscono l'erezione, soprattutto in guidatori ipertesi. Infine, seguire una dieta povera di grassi ma ricca di proteine e vitamine┬╗.
Vanno evitati il pi├╣ possibile alcuni alimenti come il caff├Ę, il t├Ę, le spezie piccanti, gli insaccati, l'alcol, il burro, il lardo e le margarine vegetali. Promossi invece la frutta, la verdura, il pesce e i formaggi freschi.

06/05/2016 15:50:32 Andrea Sperelli


Notizie correlate