Cancro alla tiroide, efficace Vemurafenib

Nei soggetti colpiti da tumore con mutazione Braf-V600E

Il farmaco Vemurafenib si ├Ę rivelato efficace nel trattamento di pazienti colpiti da carcinoma tiroideo metastatico e mutazione Braf-V600E. Lo rivela uno studio apparso su Lancet Oncology e firmato da Marcia Brose, docente di Otorinolaringoiatria presso l'Universit├á della Pennsylvania.
51 pazienti colpiti da questa forma di cancro hanno assunto il medicinale già sperimentato in passato per la cura del melanoma. In tal modo hanno scoperto una promettente azione antitumorale in un terzo dei casi.
┬źBraf ├Ę una serin-treonin protein-chinasi della famiglia delle RAF chinasi di cui fanno parte anche Araf e Craf, coinvolte nella cascata di trasduzione del segnale MAPK, mitogen-activated protein-kinase┬╗, scrivono gli autori.
La somministrazione ha prodotto un aumento significativo della sopravvivenza nei pazienti affetti da carcinoma papillare della tiroide refrattario allo iodio radioattivo e non responsivo alle precedenti terapie.
┬źDopo 15 mesi di follow-up una risposta al trattamento ├Ę stata osservata nel 27-38% dei casi, un risultato significativo in un tumore con opzioni terapeutiche scarse o addirittura assenti┬╗, osserva Brose. ┬źLe mutazioni Braf sono presenti in circa il 40-50% dei casi, specie nelle forme pi├╣ aggressive con scarsa risposta allo iodio radioattivo┬╗.
Gli effetti collaterali del farmaco sono simili a quelli riscontrati nei pazienti affetti da melanoma che lo hanno assunto: perdita di peso, anemia, disturbi della funzione epatica e renale.
┬źVemurafenib ├Ę il primo inibitore non-Vegfr attivo in questa sottopopolazione di pazienti e come tale ├Ę un'importante aggiunta ai pochi trattamenti disponibili┬╗, conclude tuttavia la ricercatrice.

Fonte: Lancet Oncology

08/09/2016 16:44:18 Andrea Sperelli


Notizie correlate