Covid, il vaccino genera un’immunità mucosale molto forte

Più alta di quella riscontrata su soggetti guariti

Il vaccino m-RNA produce un’immunità umorale mucosale più alta rispetto a quella riscontrata nei soggetti guariti dopo l’infezione da Sars-Cov2. A dirlo è uno studio coordinato dal Dipartimento di Otorinolaringoiatria dell’Università di Tor Vergata, sul siero m-RNA BNT162b2 Pfizer/BioNTech Vaccine (Comirnaty), il primo a essere stato sviluppato e l’unico finora a essere stato approvato in via definitiva dalla Food and Drug Adminstration (Fda).
Il vaccino a m-RNA introduce nel sistema immunitario dell’ospite la sequenza specifica della regione RBD (Receptor binding domain) della subunità S1 in cui è suddivisa, insieme alla S2, la proteina Spike del virus. L’RBD viene quindi prodotto dalle cellule del soggetto vaccinato e contro di esso sviluppa un’immunità umorale e cellulo-mediata.
Lo studio ha comparato l’immunità umorale, specifica contro il Sars-CoV-2, riscontrabile nelle secrezioni nasali e nella saliva, in un campione di 80 persone diviso in più gruppi: i convalescenti da infezione accertata tramite tampone nasofaringeo (risultati negativi negli ultimi 60 giorni), i guariti dalla sintomatologia (fatta eccezione per l’anosmia, cioè l’assenza di olfatto), e i vaccinati che non avevano mai contratto l’infezione. Per questi ultimi, i campioni biologici sono stati prelevati prima dell’inoculo della prima dose e quindici giorni dopo la seconda.
I ricercatori del Tor Vergata sono andati quindi a indagare la presenza nel sangue, nella saliva e nelle secrezioni nasali le immunoglobuline IgG-RBD e IgA-S1, anticorpi che agiscono contro il virus. I risultati dimostrano che entrambe le classi anticorpali sono espresse in maniera maggiore nel gruppo dei vaccinati rispetto ai guariti in tutte e tre le modalità di prelievo.
“L’immunità umorale mucosale ha un’importanza fondamentale perché il naso è una delle principali porte da cui entra l’infezione nell’organismo ed è qui che si attiva la prima difesa immunitaria tramite la produzione di immunoglobuline secretorie di tipo A”, spiega il professor Stefano Di Girolamo, ordinario e responsabile di Otorinolaringoiatria del Policlinico Tor Vergata, che ha diretto lo studio.
“Siamo andati a vedere – continua - come il vaccino m-RNA produca l’anticorpo contro la proteina Spike del virus determinando l’immunità umorale e cellulo-mediata. Abbiamo osservato come la vaccinazione determini un aumento della produzione di immunoglobuline secretorie specifiche IgG-RBD e IgA, dosabili sia a livello salivare sia a livello del muco nasale, vedendo inoltre come i pazienti paucisintomatici, con pregressa infezione da Sars-cov-2, sviluppino minori livelli di immunoglobuline sia secretorie sia sieriche rispetto ai pazienti vaccinati. Nei pazienti con pregressa infezione che sono andati incontro ad ospedalizzazione, vale a dire individui con una forma grave, i valori di immunoglobuline sono paragonabili ai pazienti vaccinati”.
“Il dosaggio delle IgA nelle secrezioni salivari e nasali dei pazienti vaccinati è un dato nuovo e di grande rilevanza poiché permette di ipotizzare come il vaccino, inducendo una immunità mucosale oltre che sierica, fornisca una prima protezione contro l’infezione anche come barriera a carico dei siti di ingresso al virus. Lo studio infine ci lascia supporre che, in futuro, sulla necessità di un terzo o quarto richiamo, sia opportuno valutare l’ipotesi di indagare l’immunità mucosale dal momento che l’individuazione degli anticorpi nel sangue non è un fedele monitor dell’immunità”.

12/10/2021 09:18:16

Notizie correlate

L’eugenolo, potenziale antivirale contro COVID-19

  • La molecola inibisce la proteina 3CLpro del virus SARS-CoV-2
    (Continua)




Covid, i bambini si contagiano di più a casa

  • Studio italiano mostra la minore pericolosità della scuola
    (Continua)




Vaccini Covid, negli immunodepressi efficacia minore

  • Nuovi dati suggeriscono la necessità di una terza dose
    (Continua)




Covid, un mix di anticorpi per prevenirlo

  • Efficaci i risultati della profilassi pre-esposizione di AstraZeneca
    (Continua)




Covid, bene l’eterologa dopo il vaccino J&J

  • Al monodose di Janssen può seguire una seconda dose diversa
    (Continua)




Influenza e Covid insieme raddoppiano il rischio di morte





Covid, pochissime le reazioni gravi al vaccino

  • Il sistema di vigilanza dell’Aifa segnala la sicurezza dei vaccini
    (Continua)




Covid, il vaccino protegge anche i bambini

  • Probabilità di contagio abbattute se i familiari si vaccinano
    (Continua)




Covid, il vaccino genera un’immunità mucosale molto forte





Covid, contagio indoor quasi azzerato dalle norme

  • Studio segnala l’impatto positivo di norme anticontagio negli ambienti interni
    (Continua)




Nuovo farmaco contro la Dengue





Covid e influenza, efficace la vaccinazione contemporanea

  • Non c’è bisogno di distanziare le due somministrazioni
    (Continua)




L-Arginina contro Covid-19

  • Riduzione precoce del supporto respiratorio e decorso più rapido
    (Continua)




Malaria, finalmente il primo vaccino

  • Approvato dall’Oms il vaccino sviluppato da GlaxoSmithKline
    (Continua)




Operatori sanitari vaccinati ancora protetti dopo 7 mesi

  • Studio conferma il protrarsi dell’attività protettiva del vaccino
    (Continua)




Covid, due dosi di Pfizer efficaci contro tutte le varianti

  • L’efficacia si attesta al 90 per cento anche dopo 6 mesi
    (Continua)




Covid, i vaccinati contagiano di meno

  • Anche con la stessa carica virale sono meno contagiosi dei non vaccinati
    (Continua)




7 passi per promuovere i vaccini





Coronavirus, l'antivirale molnupiravir funziona