Come ti risveglio lo sguardo

Le nuove tecniche per correggere la regione perioculare

Gli occhi sono lo specchio dell'anima, ma anche una delle sedi predilette dai segni del tempo. Qualunque intervento anti-aging non può dunque prescindere dal prendere in considerazione quest'area alla quale sono dedicate molte terapie, da quelle già collaudate come quelle che hanno come target il solco lacrimale (o tear-through), ad altre emergenti come l'hydrostretching perioculare.
Tra le varie alternative non chirurgiche (blefaroplastica inferiore o superiore) per il trattamento di quest'area ci sono i filler, i fili (dopo i 40 anni, la combinazione correzione del solco lacrimale - lifting del sopracciglio risulta molto efficace), i peeling chimici, le radiofrequenze frazionate (V-FR), la luce pulsata, la terapia a luce LED, il microneedling. Rughe profonde, borse, occhiaie e occhi infossati sono tutti problemi affrontati dal trattamento del solco lacrimale mediante filler, uno dei pi√Ļ utilizzati per il ringiovanimento non chirurgico dello sguardo che consiste nell'iniettare acido ialuronico (reticolato e non reticolato) al di sotto del muscolo orbicolare. Distendere pieghe cutanee e rughe, aprire lo sguardo e migliorare l'aspetto dell'area perioculare sono gli obiettivi principali di un trattamento anti-aging per gli occhi. In questa zona del viso, estremamente mobile, le rughe perioculari sono sia statiche che dinamiche. Un aiuto pu√≤ venire dall'impiego dell'acido ialuronico in gel, che realizza un vero e proprio hydrostretching perioculare.
Interessante anche il matrimonio botulino-fili che realizza una neurostabilizzazione del volto grazie alla sinergia tra neuromodulazione chimica e biostabilizzazione meccanica. In una prima fase la tossina distende i muscoli che contraendosi formano le rughe e interviene sulle linee dello sguardo; la successiva fase di biostabilizzazione (a distanza di 40-60 giorni dalla prima) invece prevede il posizionamento di fili in polidiossanone (PDO) in punti strategici della zona perioculare per stimolare la produzione di collagene in situ e ritardare la ricomparsa delle rughe, una volta esaurito l'effetto del botox. √ą una strategia per prolungare gli effetti distensivi della tossina botulinica anche in fase di recupero motorio e ripresa dell'attivit√† muscolare, in attesa delle formulazioni botulino long acting.
E per la palpebra superiore, per chi non vuole sentir parlare di blefaroplastica (che nel 2020 √® stata comunque la seconda procedura di chirurgia estetica negli Stati Uniti secondo l'ASPS American Society of Plastic Surgeons), ci sono i vari trattamenti di termalizzazione che sfruttano l'effetto del calore per ottenere una retrazione dei tessuti che a distanza di qualche settimana determina una maggior apertura dell'occhio e un sollevamento dell'arcata sopracciliare e della palpebra superiore. Tra le varie tecnologie in uso c'√® il laser Pixel CO2 che determina una retrazione del tessuto palpebrale, secondaria alla denaturazione del collagene e alla conseguente produzione di protocollagene di tipo I fibrotico, ma ha il limite di ridurre progressivamente l'elasticit√† del tessuto, limitando cos√¨ il numero di terapie alle quali poter sottoporre il paziente. Una new entry, che supera questo limite, √® rappresentata dalla blefaroterapia con campi elettromagnetici, un trattamento sinergico con campi elettromagnetici e vacuum che stimola la produzione di collagene di tipo III e di fibre elastiche; solleva la palpebra e l'arcata sopraccigliare e va ad aprire l'occhio. Pu√≤ essere ripetuta pi√Ļ volte senza modificare la qualit√† del tessuto.
Per cancellare le aree di iperpigmentazione (o melanosi) intorno agli occhi, accanto ai trattamenti classici come i peeling chimici, il laser o l'impiego di idrochinone, acido azelaico, tretinoina, una nuova proposta è rappresentata dall'impiego di PRP (plasma ricco di piastrine) iniettato a livello intradermico nella cute periorbitaria. Infine, tra le nuove proposte per il trattamento della zona occhi, spunta anche il veleno di vipera. Una nuova formulazione cosmetica si basa infatti su un peptide estratto dal veleno di questo rettile ad azione tossina botulinica-mimetica, associato ad un estratto di un'alga (la Nannochloropsis oculata che inibisce le metalloproteasi determinando un rassodamento della pelle) e al palmitoil pentapeptide-4, che stimola la produzione di glicosaminoglicani, collagene e acido ialuronico, ristrutturando la matrice dermica. Associata alla terapia con tossina botulinica, questa formulazione cosmetica ne migliora in maniera significativa l'efficacia, riduce le rughe superficiali del viso e ripristina la matrice cutanea.
‚ÄúLa regione perioculare deve essere sempre trattata con molta delicatezza e con terapie mediche poco invasive - commenta il presidente della SIME Emanuele Bartoletti - Il medico estetico preparato, che deve essere un laureato in medicina e chirurgia con un percorso formativo dedicato alla medicina estetica, conosce bene l'anatomia molto particolare di quest'area e sa di dover ottenere il massimo risultato con la terapia meno aggressiva possibile. Molto si pu√≤ fare con i filler anche a livello del sopracciglio e della regione temporale, ma sempre con una giusta e adeguata prudenza‚ÄĚ.

24/05/2023 09:58:52 Andrea Sperelli


Notizie correlate