Il virus respiratorio sinciziale danneggia le cellule

L'infiammazione causata provoca danni alle cellule nervose

Una ricerca dell'Università di Tulane pubblicata sul Journal of Infectious Diseases mostra gli effetti del virus respiratorio sinciziale (RSV) sulle cellule nervose. Lo studio dimostra in che modo l'RSV infetta le cellule e scatena l'infiammazione che causa danni ai nervi.
Alcune ricerche in precedenza avevano scovato tracce di RSV nel liquido spinale di bambini affetti da crisi epilettiche. Il 40% dei bambini con meno di 2 anni risultati positivi all'RSV mostra segni di encefalopatia acuta, danno cerebrale che può causare confusione, perdita di memoria o difficoltà cognitive.
La ricerca ha utilizzato colture nervose periferiche 3D coltivate a partire da cellule staminali ed embrioni di ratto. I ricercatori hanno osservato come il virus induca il rilascio di chemochine, proteine che combattono le infezioni controllando le cellule immunitarie, e causi infiammazione.
Con bassi livelli di infezione i nervi diventano iperreattivi alla stimolazione, mentre con livelli più alti si manifesta una progressiva degenerazione del nervo e un aumento della neurotossicità.
Anche se non ha la capacità di penetrare nei neuroni spinali, l'RSV potrebbe entrare nel midollo spinale attraverso i nervi periferici. Secondo i ricercatori, il virus può eludere la barriera emato-encefalica ed entrare nel sistema nervoso centrale infettando il cervello. Un aspetto che, se confermato, può evidenziare un nesso fra l'RSV e altri disturbi neurologici e dello sviluppo.
"I risultati sottolineano gli impatti potenzialmente a lungo termine della malattia, cos├Č come l'importanza delle misure preventive quali i due vaccini RSV approvati dalla FDA nel 2023", afferma il Dr. Giovanni Piedimonte, professore di pediatria, biochimica e biologia molecolare alla Tulane University.
"Il nostro studio dimostra che non solo l'infiammazione indirettamente attiva i nervi, ma che il virus può penetrare direttamente in essi", spiega Piedimonte. L'iperattività dei nervi può spiegare il fatto che i bambini infettati dall'RSV siano più propensi a sviluppare sintomi asmatici.

19/01/2024 09:28:18 Andrea Sperelli


Notizie correlate