Come combattere il caldo estivo

Consigli per sopravvivere alle ondate di calore

Le ondate di calore estivo non rappresentano soltanto un fastidio, ma anche un potenziale rischio per la salute. Quando la temperatura esterna sale oltre i 32-35 gradi, è necessario cercare di compensare i rischi attraverso l'alimentazione, l'idratazione e l'eventuale assunzione di integratori.
Prima regola fondamentale: bere almeno 1,5-2 litri di acqua al giorno. I sali minerali giocano un ruolo fondamentale per la regolazione della contrattilità muscolare, compresa quella cardiaca. In molti casi, i malesseri dovuti al caldo sono associati a una miscela di disidratazione e ipopotassiemia. Si deve perciò agire arricchendo la propria alimentazione con alimenti ricchi di potassio e magnesio, soprattutto frutta e verdura, e integrare eventuali deficit con prodotti ad hoc.
Un problema comune è rappresentato anche dalla circolazione delle gambe. Frequente è la sensazione di pesantezza agli arti inferiori, i formicolii, il gonfiore a piedi e caviglie.
Oltre all'alimentazione, si può intervenire con la giusta dose di attività fisica, evitando di indossare abiti troppo stretti, stare troppo tempo seduti o in piedi.
Vanno privilegiati in genere quegli alimenti ricchi di antiossidanti che agiscono sul tono e sull'elasticità dei vasi e dei capillari. Fondamentale la vitamina C, contenuta in kiwi, pomodori, limoni e fragole. Importante anche la vitamina A, che migliora la circolazione sanguigna e si trova soprattutto in carote, pesche, albicocche e peperoni. Gli omega 3 - presenti in sgombri e alici - prevengono eventuali problemi alle vene.
Possono essere utili anche alcune piante: la Centella migliora l'elasticità e la robustezza della parete vasale, l'Ippocastano favorisce i fenomeni di vasocostrizione e migliora il tono venoso, oltre ad essere un antinfiammatorio e decongestionante indicato per il trattamento degli stati edematosi. Il Mirtillo nero riduce i danni ai capillari artero-venosi, la loro permeabilità, e ne aumenta l'elasticità e la robustezza.
Favorisce inoltre il benessere delle cellule endoteliali, cioè lo strato più interno dei vasi sanguigni e aumenta il flusso sanguigno nei capillari interessati. La Vite da vino ha infine un'azione venoprotettiva e venotonica sui capillari. Migliora inoltre la velocità di scorrimento del flusso di sangue comportando una più forte ossigenazione dei tessuti.
Da tenere a mente le misure di prevenzione diffuse dal Ministero della Salute per ridurre le conseguenze negative delle ondate di calore:
non uscire nelle ore più calde (tra le 11.00 e le 18.00); migliorare l'ambiente domestico e di lavoro schermando le finestre esposte a sud e a sud-ovest con tende e oscuranti regolabili; l'aria condizionata e/o ventilatori meccanici vanno usati con
attenzione, perché quando la temperatura interna supera i 32 gradi, l'uso dei ventilatori è sconsigliato perché non efficace a combattere gli effetti del caldo; Bere molti liquidi è fondamentale; Moderare l'assunzione di bevande contenenti caffeina ed evitare bevande alcoliche; Fare pasti leggeri; Vestire comodi e leggeri, con indumenti di cotone, lino o fibre naturali (evitare le fibre sintetiche); in auto, ricordarsi di ventilare l'abitacolo prima di iniziare un viaggio, se la vettura è dotata di un impianto di ventilazione. In questo caso, regolare la temperatura su valori di circa 5 gradi inferiori alla temperatura esterna evitando di orientare le bocchette della
climatizzazione direttamente sui passeggeri. Se ci si deve mettere in viaggio, evitare le ore più calde della giornata (specie se l'auto non è climatizzata) e tenere sempre in macchina una scorta d'acqua. Non lasciare mai neonati, bambini o animali in macchina, neanche per brevi periodi; evitare l'esercizio fisico nelle ore più calde della giornata; offrire assistenza a persone a maggiore rischio (come gli anziani che
vivono da soli, i lattanti etc.) e segnalare ai servizi socio-sanitari eventuali situazioni che necessitano di un intervento; dare molta acqua fresca agli animali domestici e lasciarli in una zona ombreggiata.

13/07/2022 Andrea Sperelli


Notizie correlate