Nuovo approccio contro l’infezione da coronavirus

Bloccare ACE2 per impedire al virus di entrare nell’organismo

Arriverà dalla ricerca scientifica italiana una nuova strategia di precisione per ostacolare l’infezione del coronavirus e la sua rapida diffusione tra le cellule, destinata a essere la base di un nuovo farmaco, per il quale è già stato depositato un brevetto. La strada che condurrà al farmaco ha preso avvio dallo studio promosso da Istituto Italiano di Tecnologia, Scuola Superiore Sant’Anna, Università degli Studi di Milano, ora pubblicato sulla rivista Pharmacological Research, organo della International Union of Basic and Clinical Pharmacology.
Gli scienziati Paolo Ciana (Università degli Studi di Milano, docente di Farmacologia), Vincenzo Lionetti (Scuola Superiore Sant'Anna, docente di Anestesiologia), Angelo Reggiani (Istituto Italiano di Tecnologia, ricercatore senior and principal investigator in farmacologia) si sono interrogati sulla possibilità di prevenire il progressivo avanzamento dell’infezione da parte di qualsiasi variante di Sars-CoV-2, bloccando il recettore ACE2, ovvero la “porta” che il coronavirus usa per entrare nelle cellule umane. Per questo scopo, gli scienziati hanno brevettato un nuovo approccio, il primo tassello di quello che diventerà un farmaco, basato sull’uso di un aptamero di DNA, ovvero un breve filamento oligonucleotidico, capace di legarsi in modo specifico al residuo K353 di ACE2 rendendolo inaccessibile alla proteina spike di qualsiasi coronavirus. I tre inventori, insieme a collaboratrici e collaboratori, hanno già identificato due aptameri anti K353, quelli capaci di inibire in modo dose-dipendente il legame della proteina virale spike all’ACE2 umana e così prevenire in modo efficace l’infezione delle cellule.
“Grazie a questo studio – commentano gli scienziati - sarà adesso possibile sviluppare un nuovo approccio terapeutico di precisione per prevenire contrarre l’infezione da Covid-19 in forma grave, senza stimolare il sistema immunitario o avere effetti collaterali importanti correlati ai più famosi farmaci costituiti da anticorpi monoclonali o altre proteine terapeutiche. In questo senso, infatti, le potenziali tossicità degli acidi nucleici come farmaci sono di gran lunga inferiori rispetto ad altri farmaci innovativi come gli anticorpi monoclonali o altre proteine terapeutiche”.

23/11/2021 12:00:00 Andrea Sperelli

Notizie correlate

Covid-19 toglie anche il sonno

  • Per contrastare i disturbi del sonno necessaria l’attività fisica
    (Continua)




Omicron, Sputnik sembra efficace sulla variante

  • Secondo i dati ha una capacità neutralizzante superiore a Pfizer
    (Continua)




Vaccini, la maggior parte degli effetti avversi non esiste

  • Sono indotti dalla suggestione dovuta all’effetto nocebo
    (Continua)




Covid, il primo anticorpo che previene la malattia

  • Sta per essere approvato un nuovo farmaco per gli adulti fragili
    (Continua)




Covid, genetica la causa della perdita di gusto e olfatto

  • Anosmia e ageusia potrebbero essere correlate a precise caratteristiche geniche
    (Continua)




1200 morti in meno con la vaccinazione obbligatoria

  • Il calcolo riguarda solo l’ultimo mese. Si sarebbero evitati anche 8000 ricoveri
    (Continua)




La variante genetica che protegge da Covid-19

  • I portatori di una mutazione specifica rischiano molto di meno
    (Continua)




Le staminali contro il coronavirus





Covid, i tamponi fai da te sono affidabili?





Covid, rischio di contagio trascurabile con le Ffp2

  • È difficile però stabilire una distanza di sicurezza univoca
    (Continua)




Il test della voce rivela Covid-19





Covid, Omicron meno rischiosa di Delta

  • Studio sostiene la minore pericolosità della nuova variante
    (Continua)




Covid, Omicron viene dai topi?





Covid, per i vaccinati è come l’influenza

  • Il rischio di forme gravi viene abbattuto dall’immunizzazione
    (Continua)




Quanto dura il coronavirus espulso da un colpo di tosse

  • Entro 5 minuti perde il 90 per cento della sua infettività
    (Continua)




Covid, forse Deltacron non esiste

  • Probabile un errore nel sequenziamento realizzato in laboratorio
    (Continua)




Covid, vaccini anche ai bambini colpiti da cancro

  • Fondamentale per prevenire il rischio di contrarre forme severe della malattia
    (Continua)




Covid, le misure per la scuola

  • Le raccomandazioni della Società italiana di igiene
    (Continua)




Guillain-Barré più probabile nei non vaccinati

  • Il rischio è 5 volte superiore rispetto a chi è vaccinato
    (Continua)