Il test delle lacrime per la dieta del bambino

Può scoprire eventuali carenze alimentari

Se un neonato ha carenze alimentari, una semplice analisi delle lacrime può rivelare la natura del deficit senza ricorrere a un test del sangue. Lo afferma un gruppo di scienziati della Michigan Technological University guidati dalla prof.ssa Maryam Khaksari.
Lo studio, pubblicato su Experimental Eye Research, ha analizzato un piccolo gruppo di 15 bambini di 4 mesi, tutti allattati al seno.
Il team americano ha messo a confronto la composizione delle lacrime dei neonati con quella dei genitori. I risultati hanno evidenziato gli stessi alti livelli di vitamine solubili in acqua (la C e quelle del gruppo B), mentre nei piccoli, al contrario dei genitori, sono bassi i livelli delle vitamine liposolubili (A, D, E, K).
Il piccolo studio pilota è la base di partenza per la realizzazione di un futuro test semplice e a basso costo sotto forma di strisce reattive.
In tal modo, i pediatri potrebbero individuare con facilità e in maniera non invasiva eventuali carenze alimentari, modificando di conseguenza l'alimentazione o agendo attraverso un'integrazione. Il test potrebbe pertanto incidere in maniera positiva sulla salute futura di tanti bambini.

18/01/2017 09:50:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate