Rinofiller, rifarsi il naso senza bisturi

Con i filler il ritocco è naturale e immediato

Un trattamento soft per correggere i difetti estetici del naso senza ricorrere alla chirurgia, quindi senza bisturi, senza complicazioni post operatorie e senza pesare sul portafoglio. Stiamo parlando del rinofiller, una delle tante applicazioni dei filler riassorbibili, sempre più richiesti in medicina estetica per intervenire sulle imperfezioni in modo rapido e indolore, con risultati naturali.
«Il successo del rinofiller e dei filler in generale, si inquadra nell’ascesa dei trattamenti che puntano a donare un aspetto fresco e armonioso senza stravolgere le linee del volto», afferma Giulia Lo Russo, chirurgo estetico di Firenze. «Con microiniezioni di materiali volumizzanti in punti strategici, possiamo intervenire su piccole imperfezioni, come la “gobbetta”, i vuoti da riempire o la punta all’ingiù. Il risultato è subito visibile ed estremamente naturale. I segni post intervento sono minimi: come dico spesso ai miei pazienti, nessuno noterà che ci si è sottoposti al trattamento», spiega ancora Lo Russo.
Durante la seduta il medico, con dei micro aghi, inietta appunto i filler, materiali biocompatibili e riassorbibili, come l’acido ialuronico, che hanno la funzione di riempire i vuoti e correggere le irregolarità del naso. «Il tutto – spiega la dottoressa Lo Russo – richiede circa 10 minuti in ambulatorio e non comporta dolore, perché i filler sono arricchiti di anestetico locale». Il risultato non è permanente: dura circa un anno e può essere ripetuto. I segni dell’intervento (gonfiore, piccoli lividi) sono minimi e scompaiono in poco tempo. Non c’è convalescenza e si può tornare subito a tutte le normali attività quotidiane. Però, precisa sempre Giulia Lo Russo, «pur essendo un trattamento rapido e con bassissimo rischio di complicazioni, il rinofiller dev’essere eseguito da un medico qualificato. Solo con una profonda conoscenza dell’anatomia è possibile individuare i punti giusti dove intervenire con delicatezza e sensibilità, per ottenere un aspetto più bello e non artificiale».
Senza dimenticare che il rinofiller, proprio perché si basa sull’azione di sostanze volumizzanti, non serve a ridurre un naso troppo grande, a intervenire su deviazioni del setto nasale e tantomeno a risolvere problemi funzionali. «Anche per questo è importante affidarsi a un professionista esperto – conclude Giulia Lo Russo – in grado di valutare le caratteristiche e le aspettative del paziente, in modo da proporre la soluzione giusta per ciascuno».

03/06/2020 Andrea Sperelli

Notizie correlate

I nuovi filler per un viso giovane e luminoso





Mastoplastica additiva: le cinque regole per l’estate





Rich girl face, da persone a personaggi

  • Gli adolescenti chiedono al medico estetico di assomigliare ai ricchi e famosi
    (Continua)




Dire addio alle braccia da pipistrello





Stop al seno bombastico





La nuova estetica del lato B





Protesi al seno e rischio di linfoma





Anche il sesso migliora con la chirurgia plastica

  • Piccoli interventi per migliorare relazioni sentimentali e intimità
    (Continua)




Voglia di rinascita attraverso la bellezza





Una blefaroplastica estrema può danneggiare l’occhio

  • Cosmetici e chirurgia estetica possono causare la sindrome dell’occhio secco
    (Continua)




Il ritocco estetico diventa XL per colpa del Covid





Gluteoplastica, risultati migliori e recupero più veloce





Rinofiller, rifarsi il naso senza bisturi





Chirurgia estetica, un gel naturale per ridurre il gonfiore





Bellezza sotto l'albero, i ritocchi più desiderati

  • Regali all'insegna del benessere per il viso e il corpo
    (Continua)




La chirurgia plastica vaginale





Md Codes, chirurgia estetica senza bisturi





2019, l’anno del seno ibrido

  • Grazie a una combinazione di silicone e innesti di grasso
    (Continua)




Come eliminare le labbra "a canotto"