Covid e bambini, il decalogo

I suggerimenti del pediatra per stare alla larga dal virus

Un'estate all'aperto, magari lontano dal turismo di massa. Evitare i concerti e i bagni di folla. Sono in sintesi i consigli del pediatra Gian Vincenzo Zuccotti, preside della Facoltà di Medicina dell'Università Statale di Milano e direttore Pediatria e Pronto soccorso pediatrico dell'Asst Fatebenefratelli Sacco, ospedale dei bimbi Vittore Buzzi, che intervistato dall'Adnkronos spiega: "Penso che sarà una buona estate, un'estate che consentirà a tutti, bambini e genitori, di godere le meritate vacanze. Detto questo, i nostri comportamenti saranno ancora una volta fondamentali per far sì che tutto questo non subisca modifiche", avverte lo specialista.
Ma quali sono le mosse giuste per evitare il Covid?

1) Evitare luoghi affollati. Se proprio non è possibile evitarli, "mantenere le distanze e possibilmente usare la mascherina". Si può andare a mangiare fuori, ma prediligendo ristoranti o luoghi di ritrovo all'aperto, se possibile.
2) Fare attività all'aperto. Nuotare e praticare altri sport en plein air è la modalità giusta per divertirsi in sicurezza.
3) Attenzione all'igiene. “Pulire spesso le mani, anche utilizzando gel disinfettanti" è la raccomandazione da portare anche in vacanza.
4) Portare con sé un kit medico. "Portare in vacanza antipiretici come paracetamolo o ibuprofene", suggerisce Zuccotti.
5) Quando fare il tampone. In caso di febbre iniziare a somministrare paracetamolo o ibuprofene. Se la febbre persiste, "è utile programmare il tampone nasofaringeo secondo le possibilità delle aziende sanitarie locali".
6) Mantenere il naso pulito. Per farlo sono utili anche i lavaggi nasali con soluzione fisiologica frequente.
7) Quando rivolgersi al medico. Quando la situazione non migliora, è bene rivolgersi alla guardia medica o al pediatra di zona per una terapia sintomatica. "Non è consigliato somministrare antibiotici senza aver consultato il medico".
8) In caso di test positivo, il bambino va tenuto ovviamente in isolamento fino alla negativizzazione, quindi di norma 7-10 giorni.
9) Antivirali. "Al momento - puntualizza il pediatra - non ci sono farmaci specifici antivirali registrati per i minori".
10) Teenager fragili. "In caso di adolescente, et√† maggiore di 12 anni, con fattori rischio, occorre considerare la possibilit√† di utilizzare anticorpi monoclonali. Per tale procedura - indica Zuccotti - rivolgersi all'ospedale pi√Ļ vicino nella localit√† di vacanza".

20/07/2022 12:10:00 Andrea Piccoli


Notizie correlate