Parkinson, la caffeina aiuta a capirne il decorso

Indicatore della progressione della malattia

I pazienti affetti da malattia di Parkinson, nelle forme moderata e avanzata, presentano nella loro saliva un livello di caffeina inferiore rispetto alle persone sane. Questi risultati, ottenuti da una ricerca condotta dal gruppo guidato dal professor Alfredo Berardelli, I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli (IS) e Università Sapienza di Roma, potrebbero aprire la strada ad un metodo rapido e non invasivo per monitorare la progressione della malattia.
Lo studio, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, si addentra in un campo ancora poco esplorato ma oggetto di una crescente attenzione negli ultimi anni. “È noto che l’assunzione di caffeina riduce il rischio di sviluppare la malattia di Parkinson. Nella nostra ricerca – spiega Giorgio Leodori, I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli (IS) e Università Sapienza di Roma, primo autore del lavoro scientifico - abbiamo studiato 86 pazienti che si trovavano a diversi stadi della patologia e li abbiamo messi a confronto con un gruppo di controllo costituto da 83 soggetti sani della stessa fascia di età. Nei pazienti con Malattia di Parkinson e nei soggetti di controllo è stato
valutato il livello di assorbimento della caffeina, il relativo metabolismo e infine la quantità di caffeina presente nella saliva”.
I risultati hanno dimostrato che l’assorbimento e il metabolismo della caffeina erano simili nei pazienti e nei soggetti di controllo. Al contrario, il livello di caffeina nella saliva era inferiore nei pazienti con malattia di Parkinson in fase moderata o avanzata rispetto al gruppo di controllo. “Non sappiamo ancora con chiarezza – dice ancora Leodori – quali possano essere le cause della differente concentrazione di caffeina tra pazienti e controlli, dato, che non abbiamo osservato alterazioni nell’assorbimento o nel metabolismo nei pazienti studiati. Ulteriori studi saranno necessari per chiarire questo aspetto. Ciò che però emerge dal nostro lavoro è che la misurazione della caffeina nella saliva può costituire un valido strumento per definire con maggiore precisione lo stadio a cui si trova la malattia di Parkinson e seguire la sua progressione. Ci troviamo quindi davanti a un potenziale ‘biomarker’, utile per i clinici che seguono i pazienti. Ma, oltre a questo, i nostri risultati suggeriscono che la caffeina potrebbe svolgere un ruolo nella progressione della
malattia di Parkinson. Approfondire i meccanismi che legano caffeina e malattia di Parkinson potrebbe portare a nuove conoscenze sulla genesi e sullo sviluppo di una patologia così rilevante, sia per la qualità di vita delle persone colpite sia per il peso sul Servizio Sanitario Nazionale”.

21/07/2021 10:32:00 Andrea Sperelli

Notizie correlate

Parkinson, svelato il meccanismo delle difficoltà motorie

  • Aspetto legato al malfunzionamento dei gangli della base
    (Continua)




Parkinson, le varianti che aumentano il rischio

  • La presenza contemporanea di alterazioni rare aumenta il rischio di malattia
    (Continua)




Due nuove terapie per il Parkinson

  • Cellule staminali e terapia genica per combattere la malattia
    (Continua)




Un tampone nasale per diagnosticare il Parkinson

  • Accumuli anomali di alfa-sinucleina possono predire la malattia
    (Continua)




Essere nevrotici aumenta il rischio di Parkinson

  • La malattia neurodegenerativa influenzata anche dai tratti di personalità
    (Continua)




Scoperto nuovo meccanismo alla base del Parkinson

  • Grazie allo studio di una rara forma ereditaria della malattia
    (Continua)




L’arteterapia aiuta i pazienti con il Parkinson





Una base comune per le malattie neurodegenerative





Parkinson, speranze dalla fotobiomodulazione

  • La tecnica consente un miglioramento di tutti i sintomi
    (Continua)




Parkinson, diagnosi precoce con un prelievo di sangue

  • L’innovativa prospettiva da uno studio dell’Irccs “Don Gnocchi”
    (Continua)




Nuovo approccio per la cura del Parkinson

  • Individuato un segnale neurale specifico del cammino
    (Continua)




Parkinson e Alzheimer, legame pericoloso

  • Una persona su 4 affetta da Parkinson rischia anche la demenza
    (Continua)




Parkinson, dimostrati gli effetti della levodopa

  • Studio dimostra i miglioramenti della disabilità motoria
    (Continua)




Il Parkinson può insorgere anche da giovani





Parkinson sporadico, una nuova molecola per la sua cura

  • L’oligosaccaride del GM1 è un potenziale agente terapeutico
    (Continua)




Nuovo biomarcatore per il Morbo di Parkinson

  • La malattia sembra esordire nella periferia del sistema nervoso
    (Continua)




Parkinson, un farmaco per la prostata può aiutare

  • La terazosina sembra rallentare la progressione della malattia
    (Continua)




Parkinson, nuova possibile terapia

  • Scoperta nuova interazione tra recettori delle cellule nervose
    (Continua)




Parkinson, le «resolvine» rallentano la malattia