Psoriasi, efficace deucravacitinib

I dati dimostrano efficacia duratura e sicurezza

Bristol Myers Squibb ha annunciato i nuovi risultati a tre anni dello studio di estensione a lungo termine (LTE) POETYK PSO che analizza il trattamento con deucravacitinib nei pazienti adulti con psoriasi a placche da moderata a grave.
Alla Settimana 148, i tassi di risposta clinica si sono mantenuti, con il trattamento continuo, con risposte modificate per imputazione dei non-responder (mNRI) del 73,2% per PASI 75 (Psoriasis Area and Severity Index) del 48,1% per PASI 90 e del 54,1% per sPGA 0/1 (static Physician's Global Assessment). Deucravacitinib nel tempo ha dimostrato un profilo di sicurezza costante senza aumento dei tassi di eventi avversi (AEs), eventi avversi gravi o nuovi segnali di sicurezza registrati.
Questi dati, e altri 49 abstracts che dimostrano l'impegno costante di Bristol Myers Squibb nella ricerca dermatologica, sono stati presentati al Congresso della European Academy of Dermatology and Venereology (EADV) a Berlino.
“Questi nuovi dati positivi a tre anni confermano l'efficacia a lungo termine e il profilo di sicurezza ben consolidato di deucravacitinib, somministrato una volta al giorno, il primo e unico inibitore di TYK2 disponibile, e rafforzano la nostra fiducia nel suo ruolo di trattamento orale di scelta per gli adulti con psoriasi a placche da moderata a grave,” afferma la Professoressa April Armstrong, MD, MPH, sperimentatrice del programma di studio clinico POETYK PSO e Direttrice di Dermatologia alla University of California di Los Angeles. “Per i miei pazienti, più giorni di sollievo da questa malattia cronica significano potersi concentrare su altri aspetti della propria vita e questi dati a lungo termine di POETYK PSO si aggiungono alle evidenze che avevamo circa la possibilità di offrire un nuovo standard di cura ai pazienti che richiedono un trattamento orale”.
L'analisi di sicurezza ha valutato 1.519 pazienti trattati con almeno una dose di deucravacitinib negli studi POETYK PSO-1, POETYK PSO-2 e POETYK PSO-LTE. L'analisi di efficacia ha valutato 513 pazienti trattati continuativamente con deucravacitinib dal Giorno 1 negli studi registrativi POETYK PSO-1 e POETYK PSO-2 e passati allo studio LTE. L'esposizione cumulativa dalla randomizzazione dello studio parentale è stata di 3.294 paziente-anni (PYs) per le analisi di sicurezza.
I risultati di efficacia clinica si sono mantenuti nei pazienti trattati in modo continuativo con deucravacitinib dal basale alla Settimana 148, con tassi di risposta sostenuti per PASI 75 (Settimana 16: 61,1%; Settimana 52: 72,6%; Settimana 148: 73,2%), PASI 90 (Settimana 16: 35,2%; Settimana 52: 45,6%; Settimana 148: 48,1%) e sPGA 0/1 (Settimana 16: 57,5%; Settimana 52: 58,1%; Settimana 148: 54,1%).
A tre anni, i tassi di incidenza cumulativi corretti per l'esposizione (EAIRs)/100 PYs erano simili o inferiori a quelli osservati a due anni, rispettivamente, per AEs (144,8; 154,4), AEs gravi (5,5; 6,1), interruzione per AEs (2,4; 2,8), herpes zoster (0,6; 0,7), tumori maligni (0,9; 0,9), eventi avversi cardiovascolari maggiori (0,3; 0,4), tromboembolismo venoso (0,1; 0,1) e morte (0,3; 0,4). Gli EAIRs/100 PYs sono stati calcolati come numero di pazienti con un AE durante tutto il tempo di esposizione per tutti i pazienti a rischio (tempo di insorgenza di un AE nei pazienti con un AE e tempo di esposizione totale per i pazienti senza un AE).
“Da leader dell'innovazione nel TYK2, Bristol Myers Squibb continua a far progredire la comprensione a lungo termine di deucravacitinib, nostro trattamento orale first in class per la psoriasi a placche ed esplora il suo pieno potenziale in malattie gravi immunomediate”, dichiara Roland Chen, MD, Vicepresidente senior e Direttore, Immunology, Cardiovascular and Neuroscience Development, Bristol Myers Squibb. “Questi nuovi dati convalidano il potenziale di deucravacitinib di offrire un miglioramento clinicamente rilevante a lungo termine per i pazienti con psoriasi a placche da moderata a severa”.

Il programma di studio clinico POETYK PSO

Gli studi POETYK (PrOgram to Evaluate the efficacy and safety of deucravacitinib, a selective TYK2 inhibitor) PSO-1 (NCT03624127) e POETYK PSO-2 (NCT03611751) sono studi globali di Fase 3 disegnati per valutare la sicurezza e l'efficacia di deucravacitinib, inibitore selettivo del TYK2, rispetto a placebo e apremilast nei pazienti con psoriasi a placche da moderata a severa. Sia il POETYK PSO-1, che ha arruolato 666 pazienti, che POETYK PSO-2, che ne ha arruolati 1.020, sono studi multicentrici, randomizzati, in doppio cieco per la valutazione di deucravacitinib (6 mg una volta al giorno) rispetto a placebo e apremilast (30 mg due volte al giorno). POETYK PSO-2 comprendeva una sospensione randomizzata e un periodo di ritrattamento dopo la settimana 24.
Gli endpoint co-primari di entrambi gli studi POETYK PSO-1 e POETYK PSO-2 erano la percentuale di pazienti che raggiungevano il Psoriasis Area and Severity Index (PASI) 75 e quella dei pazienti che raggiungevano uno static Physician's Global Assessment (sPGA) di 0 o 1 (chiaro/quasi chiaro) alla settimana 16 rispetto al placebo. I principali enpoint secondari degli studi comprendevano la percentuale di pazienti che raggiungevano PASI 75 e il punteggio sPGA 0/1 rispetto ad apremilast alla settimana 16 e altri parametri di valutazione di deucravacitinib rispetto a placebo e apremilast.
In entrambi gli studi clinici e per i timepoints, un numero significativamente maggiore di pazienti trattati con deucravacitinib ha raggiunto un punteggio sPGA 0/1, una risposta PASI 75 e una risposta PASI 90. Le risposte sono risultate persistenti fino alla Settimana 52, poiché l'81% (187/230) dei pazienti che ha raggiunto PASI 75 con deucravacitinib alla Settimana 24 ha mantenuto la risposta alla Settimana 52 nello studio POETYK PSO-1. Nello studio POETYK PSO-2, l'80% (119/148) dei pazienti che ha continuato deucravacitinib ha mantenuto la risposta PASI 75 rispetto al 31% (47/150) dei pazienti che hanno interrotto il trattamento con deucravacitinib.
Al termine delle 52 settimane degli studi POETYK PSO-1 e POETYK PSO-2, i pazienti potevano essere arruolati nello studio di estensione a lungo termine in corso POETYK PSO-LTE (NCT04036435) e ricevere in aperto deucravacitinib 6 mg una volta al giorno. Nello studio di estensione a lungo termine sono stati arruolati 1.221 pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di deucravacitinib. L'efficacia è stata analizzata utilizzando metodi di imputazione Treatment Failure Rules (TFR) insieme alle analisi sensitive modified non-responder imputation e as-observed, utilizzate in analisi simili con altri farmaci.
Oltre agli studi POETYK PSO-1, POETYK PSO-2 e POETYK PSO-LTE, Bristol Myers Squibb ha valutato deucravacitinib in due altri studi di Fase 3 nella psoriasi: POETYK PSO-3 (NCT04167462) e POETYK PSO-4 (NCT03924427).

La psoriasi

La psoriasi è una malattia sistemica cronica, immuno-mediata, ampiamente diffusa, che compromette sostanzialmente la salute dei pazienti, la qualità di vita e la produttività in ambito lavorativo. La psoriasi rappresenta un grave problema a livello globale, che vede almeno 100 milioni di persone in tutto il mondo colpite da qualche forma di questa malattia, di cui circa 14 milioni in Europa e 7,5 milioni negli Stati Uniti. Circa un quarto dei pazienti affetti da psoriasi presenta forme da moderate a severe. Fino al 90% dei pazienti con psoriasi presenta la forma volgare, o psoriasi a placche, caratterizzata da placche distinte ovali o rotonde tipicamente ricoperte da squame biancastre. Nonostante siano disponibili terapie sistemiche efficaci, molti pazienti con psoriasi da moderata a severa risultano trattati in modo non adeguato o addirittura non trattati e non sono soddisfatti delle attuali terapie. Le persone che soffrono di psoriasi riferiscono un impatto sul benessere emotivo, che condiziona le relazioni personali e professionali, causando un peggioramento della qualità di vita. La psoriasi è associata a diverse comorbidità che influiscono sul benessere dei pazienti, come l'artrite psoriasica, le malattie cardiovascolari, la sindrome metabolica, l'obesità, il diabete, le malattie infiammatorie intestinali e la depressione.

Deucravacitinib

Deucravacitinib è un inibitore orale allosterico selettivo della tirosin-chinasi 2 (TYK2) con un meccanismo d'azione unico, e rappresenta una nuova classe di piccole molecole. È il primo inibitore selettivo di TYK2 negli studi clinici in molteplici malattie immunomediate. Gli scienziati di Bristol Myers Squibb hanno disegnato deucravacitinib per agire selettivamente su TYK2 inibendo così la segnalazione dell'interleuchina (IL)-23, IL-12 e degli interferoni di tipo 1 (IFN), citochine chiave coinvolte nella patogenesi di molteplici malattie immunomediate. Deucravacitinib raggiunge un grado elevato di selettività legandosi al dominio regolatorio di TYK2, con conseguente inibizione allosterica di TYK2 e delle sue funzioni a valle. Deucravacitinib inibisce selettivamente TYK2 a concentrazioni fisiologicamente rilevanti. A dosi terapeutiche deucravacitinib non inibisce JAK1, JAK2 o JAK3.

27/10/2023 12:50:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate