Colon, il test del sangue occulto salva molte vite

Efficace, economico e non invasivo

Una nuova ricerca conferma l'efficacia del test immunochimico fecale (Fit) per la diagnosi precoce del cancro del colon-retto. L'esame, cui si fa comunemente riferimento con il nome di test del sangue occulto, ha diversi vantaggi, primo fra tutti la non invasività, oltre all'economicità e alla semplicità.
«I nostri risultati sono entusiasmanti: abbiamo mostrato che questo test semplice ed economico si è comportato eccezionalmente bene in un gruppo di pazienti con sintomi a basso rischio, indicandoci in maniera veloce e accurata chi dovesse essere indirizzato a ulteriori indagini», spiega Sarah Bailey, della University of Exeter Medical School, che ha diretto lo studio pubblicato sul British Journal of Cancer.
Il cancro del colon-retto è uno dei cosiddetti big killer, uno dei tumori con il più alto tasso di mortalità.
«In un momento come questo, in cui i servizi ospedalieri hanno purtroppo un ritardo negli esami a seguito delle misure per Covid-19, prendere rapidamente la decisione di valutare un paziente può garantire che siano controllate le persone che ne hanno reale necessità e che si proceda al trattamento il più rapidamente possibile in caso di necessità», prosegue Bailey.
Per 6 mesi, i ricercatori hanno fornito un test Fit per l'individuazione del sangue occulto nelle feci agli operatori sanitari del sud-ovest dell'Inghilterra, che avevano il compito di somministrarlo a chiunque presentasse sintomi a basso rischio di cancro del colon-retto.
Da giugno a dicembre 2018, 3.890 pazienti hanno ricevuto questo test. 618 di loro sono risultati positivi al sangue occulto nelle feci e 43 hanno alla fine ricevuto una diagnosi di cancro nel giro di 12 mesi.
Nel gruppo dei pazienti risultati negativi, invece, solo 8 persone hanno ricevuto una diagnosi di cancro al colon nello stesso periodo. Secondo i ricercatori, il Fit va considerato non solo nelle cure primarie, ma anche in altri contesti, magari in combinazione con l'esame di marcatori clinici associati agli esami del sangue.

Fonte: British Journal of Cancer

19/03/2021 Andrea Piccoli


Notizie correlate