Tornare a vedere dopo la cecità

Il cervello mantiene la capacità di vedere per anni

Neanche la cecità è per sempre. Secondo uno studio italiano pubblicato sulla rivista Plos Biology, infatti, per anni il cervello mantiene la capacità di vedere riuscendo a riprogrammare le funzioni originarie perdute.
A dimostrarlo è lo studio dei ricercatori dell'Università di Pisa diretti da Maria Concetta Morrone. Uno degli autori, Guido Marco Cicchini dell’Istituto di Neuroscienze del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr), spiega: «Quando una persona perde la vista, le aree del cervello dedicate a elaborare le informazioni visive vengono riprogrammate per altre funzioni, ad esempio per il tatto o l’udito».
Anche senza aver subito danni a livello neurale o nei sistemi di trasmissione dei segnali, il paziente perde la capacità iniziale di decodificare il messaggio che arriva dal nervo ottico. Ciò faceva supporre l'impossibilità di riattivare il meccanismo e far riacquistare la vista perduta. Così non è, secondo i ricercatori italiani, che hanno monitorato l'attività cerebrale con la risonanza magnetica funzionale, dimostrando che i neuroni preposti alla visione sono in grado di ripristinare la loro funzione.
«Dopo aver impiantato delle speciali protesi, fatte da un chip posto sul fondo dell’occhio che invia i dati presi da una piccola telecamera, e grazie all’esercizio, le aree cerebrali abbandonate tornano alla loro funzione visiva. La stimolazione le porta a riorganizzarsi», ha spiegato Cicchini.
La scoperta apre la strada a nuove possibili protesi in grado di ridare la vista alla maggior parte dei pazienti, in particolare quelli che l'hanno perduta per una degenerazione progressiva della retina, come accade in caso di retinite pigmentosa.

26/10/2016 14:45:00 Andrea Piccoli

Notizie correlate

Impiantata la prima retina artificiale





Un farmaco per la cheratite da Acanthamoeba





La terapia genica guarisce 10 bambini ciechi

  • Affetti da distrofia retinica ereditaria, riacquistano la vista
    (Continua)




Glaucoma, le terapie a disposizione





Chirurgia refrattiva, arriva la FemtoSmile

  • Dalle lame meccaniche al laser, com’è cambiata la chirurgia refrattiva
    (Continua)




La pillola aumenta il rischio di glaucoma

  • Nesso fra contraccettivi ormonali e rischio di sviluppare il glaucoma
    (Continua)




La luce scopre gli effetti sul cervello del glaucoma

  • Nuova tecnica di indagine per monitorare i danni del disturbo
    (Continua)




Degenerazione Maculare legata all’età

  • Fondamentale una diagnosi accurata e un percorso terapeutico su misura
    (Continua)




Microbiota come spia di malattie oculari

  • La composizione della flora batterica intestinale può segnalare problemi
    (Continua)




Glaucoma infantile, patologia rara ma insidiosa

  • I primi segni della malattia visibili già dai genitori
    (Continua)




Nuova diagnosi per la retinopatia della prematurità

  • Uno screening prevede in maniera accurata la malattia
    (Continua)




Occhio secco, malattia complessa

  • Difficile da superare anche per colpa di abitudini errate
    (Continua)




Mai dormire con le lenti a contatto





Lo zafferano cura la malattia di Stargardt

  • Efficace la spezia contro la degenerazione della macula
    (Continua)




La lente a contatto che rilascia farmaci

  • Possibile alternativa a iniezioni e impianti oculari
    (Continua)




L'occhio bionico funziona





Il laser che ferma la maculopatia senile

  • Ha dimostrato di rallentare la progressione della malattia
    (Continua)




Prevenzione della cecità nei prematuri





Il termomagnetismo per la cura del cancro

  • L’effetto dei campi elettromagnetici a bassissima frequenza
    (Continua)