Tornare a vedere dopo la cecità

Il cervello mantiene la capacità di vedere per anni

Varie_13809C.jpg
Keywords | vista, cervello, retina,

Neanche la cecità è per sempre. Secondo uno studio italiano pubblicato sulla rivista Plos Biology, infatti, per anni il cervello mantiene la capacità di vedere riuscendo a riprogrammare le funzioni originarie perdute.
A dimostrarlo è lo studio dei ricercatori dell'Università di Pisa diretti da Maria Concetta Morrone. Uno degli autori, Guido Marco Cicchini dell’Istituto di Neuroscienze del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr), spiega: «Quando una persona perde la vista, le aree del cervello dedicate a elaborare le informazioni visive vengono riprogrammate per altre funzioni, ad esempio per il tatto o l’udito».
Anche senza aver subito danni a livello neurale o nei sistemi di trasmissione dei segnali, il paziente perde la capacità iniziale di decodificare il messaggio che arriva dal nervo ottico. Ciò faceva supporre l'impossibilità di riattivare il meccanismo e far riacquistare la vista perduta. Così non è, secondo i ricercatori italiani, che hanno monitorato l'attività cerebrale con la risonanza magnetica funzionale, dimostrando che i neuroni preposti alla visione sono in grado di ripristinare la loro funzione.
«Dopo aver impiantato delle speciali protesi, fatte da un chip posto sul fondo dell’occhio che invia i dati presi da una piccola telecamera, e grazie all’esercizio, le aree cerebrali abbandonate tornano alla loro funzione visiva. La stimolazione le porta a riorganizzarsi», ha spiegato Cicchini.
La scoperta apre la strada a nuove possibili protesi in grado di ridare la vista alla maggior parte dei pazienti, in particolare quelli che l'hanno perduta per una degenerazione progressiva della retina, come accade in caso di retinite pigmentosa.

Domanda al medico specialista gratis

Andrea Piccoli
26/10/2016



Condividi la notizia Invia ad un amico Condividi la notizia su Facebook Tieniti aggiornato tramite RSS Pubblica su Twitter Salva su OKNO

Notizie correlate


Più lette

I segni che indicano la morte imminente in oncologia  78566
Studio evidenzia la comparsa di segni fisici nei malati di cancro

Tecnologia spaziale contro la sclerosi multipla  76097
L'esperienza di Samantha Cristoforetti potrebbe rivelarsi utile alla causa

Sclerosi multipla, alterato il metabolismo cellulare  74779
Lo squilibrio energetico nelle cellule nervose è la chiave per nuove terapie

Sclerosi multipla, metabolismo e linfociti T umani  72331
Ricerca italiana rivela il meccanismo molecolare alla base del rapporto

Dagli States arriva il Woga  65378
Yoga in acqua per rilassarsi

Sclerosi, novità sulla sicurezza di fingolimod  61293
Intanto uno studio rivela i motivi della sua efficacia

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.