Fertilità, il doppio test genetico aumenta le nascite

Più probabilità di successo per la fecondazione in vitro

Adottando un duplice test - per le malattie genetiche e per i difetti cromosomici - con una singola biopsia, è possibile aumentare del doppio le possibilità di successo della fecondazione in vitro.
È il risultato di uno studio apparso su Human Reproduction a firma dei ricercatori dello European Hospital di Roma.
I medici romani hanno effettuato in maniera simultanea lo screening genetico (PGD) e il test preimpianto (PGS) su cellule prelevate da una sola biopsia.
Gli scienziati hanno prelevato fra le 5 e le 10 cellule dallo strato esterno composto da 1122 blastocisti, l'insieme di cellule che prende forma 5 giorni dopo la fecondazione dell'uovo e che nel tempo dà vita all'embrione. Dopo i due test, l'équipe ha trasferito in utero 218 blastocisti.
La procedura ha consentito la creazione di 99 gravidanze e la nascita di 70 bambini. Il tasso di gravidanza è stato così del 49%, molto superiore a quello fatto registrare normalmente dalle coppie sottoposte a fecondazione in vitro, che oscilla fra il 22 e il 32 per cento.
Una semplice modifica della procedura che si traduce quindi in un miglioramento significativo dei tassi di fecondazione.

14/06/2017 10:10:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate