Un farmaco per la miastenia gravis

Approvato negli Stati Uniti efgartigimod alfa-fcab

È stato approvato un nuovo farmaco per la cura della miastenia gravis. La Fda, l'agenzia del farmaco statunitense, ha concesso il beneplacito per efgartigimod alfa-fcab, un trattamento della miastenia gravis generalizzata (gMG) per gli adulti che risultano positivi all'anticorpo del recettore dell'acetilcolina (AChR). Sviluppato dalla biotech olandese argenx, sarà messo in commercio con il marchio Vyvgart.
Efgartigimod alfa-fcab, il primo di una nuova classe di farmaci, è un frammento di anticorpo che si lega al recettore neonatale Fc (FcRn), impedendo a FcRn di riciclare le immunoglobuline G (IgG) nel sangue. Il farmaco causa una riduzione dei livelli complessivi di IgG, compresi gli anticorpi anormali AChR che sono presenti nella miastenia gravis. Circa l'85% dei pazienti con gMG hanno anticorpi AChR confermati.
Efgartigimod viene somministrato attraverso cicli di infusione endovenosa, con ogni infusione che dura circa un'ora. Ma Argenx sta lavorando su una versione sottocutanea per una somministrazione più conveniente.
La MG è un disturbo causato da un sistema immunitario iperattivo che attacca le proteine delle giunzioni delle cellule nervose e muscolari, compromettendo così i segnali di comunicazione e indebolendo i muscoli. L'attacco avviene con anticorpi di immunoglobulina G (IgG) sovraprodotti che si riciclano attraverso i recettori Fc neonatali (FcRn). Efgartigimod (ARGX-113) è un anticorpo modificato che ha una maggiore affinità con il FcRn rispetto a un anticorpo IgG, bloccando così il riciclo di quest'ultimo e riducendone di conseguenza il numero.
"La comunità gMG ha atteso a lungo l'approvazione di Vyvgart da parte della FDA, specialmente per quei pazienti che lottano con i compiti personali di base come parlare, masticare e deglutire il cibo, lavarsi i denti e i capelli, e in alcuni casi molto gravi, respirare", ha commentato Samantha Masterson, presidente e amministratore delegato della Myasthenia Gravis Foundation of America. "Ringraziamo argenx per il suo continuo impegno nei confronti della comunità dei pazienti con gMG, che li ha portati a fornire questa nuova e necessaria opzione di trattamento con il potenziale di cambiare la vita di molti pazienti con gMG".
“Oggi è l'inizio di una nuova era per argenx e per la comunità della gMG, in quanto onoriamo il nostro impegno a portare avanti un'opzione di trattamento innovativo per le persone che vivono con questa malattia debilitante. L'approvazione di Vyvgart rappresenta il raggiungimento di molti risultati: il nostro primo prodotto approvato; il primo e unico bloccante del recettore Fc neonatale approvato dalla FDA; e la prima terapia approvata progettata per ridurre le IgG patogene, un fattore alla base della gMG", ha detto Tim Van Hauwermeiren, Chief Executive Officer di argenx. "Vogliamo ringraziare i pazienti, i caregiver di supporto, gli investigatori e i team di studio che hanno partecipato alla sperimentazione ADAPT, così come i nostri partner e i dipendenti dedicati per il loro duro lavoro e la collaborazione - tutti coloro che hanno reso possibile questa pietra miliare”.
Argenx sta sviluppando efgartigimod per altre sei malattie autoimmuni in cui sono coinvolti gli anticorpi IgG, tra cui la trombocitopenia immune e il pemphigus vulgaris. L'obiettivo è di avere 15 malattie sotto studio entro il 2025.

Lo studio registrativo
La sicurezza e l'efficacia di efgartigimod alfa-fcab sono state valutate nello studio globale di fase 3 ADAPT di 26 settimane su 167 pazienti con gMG che sono stati assegnati in modo casuale al gruppo efgartigimod alfa-fcab o al gruppo placebo.
Lo studio ADAPT ha raggiunto il suo endpoint primario, dimostrando che un numero significativamente maggiore di pazienti con gMG positivi agli anticorpi anti-AChR ha risposto alla scala delle attività della vita quotidiana della MG (MG-ADL) dopo il trattamento con efgartigimod alfa-fcab rispetto al placebo (68% contro 30%; P<0,0001).
I rispondenti sono stati definiti come aventi almeno una riduzione di 2 punti sulla scala MG-ADL sostenuta per quattro o più settimane consecutive durante il primo ciclo di trattamento.
Inoltre, ci sono stati significativamente più rispondenti sulla scala Quantitative Myasthenia Gravis (QMG) dopo il trattamento con efgartigimod alfa-fcab rispetto al placebo (63% vs 14%; P<0,0001). I rispondenti sono stati definiti come aventi almeno una riduzione di 3 punti sulla scala QMG sostenuta per quattro o più settimane consecutive durante il primo ciclo di trattamento.
Gli effetti collaterali più comuni associati all'uso di efgartigimod alfa-fcab includono infezioni del tratto respiratorio, mal di testa e infezioni del tratto urinario. Poiché efgartigimod alfa-fcab causa una riduzione dei livelli di IgG, il rischio di infezioni può aumentare. Si sono verificate reazioni di ipersensibilità come gonfiore delle palpebre, respiro corto ed eruzione cutanea. Se si verifica una reazione di ipersensibilità, interrompere l'infusione e istituire una terapia appropriata. I pazienti che usano efgartigimod alfa-fcab devono monitorare segni e sintomi di infezioni durante il trattamento. Gli operatori sanitari devono somministrare un trattamento appropriato e considerare di ritardare la somministrazione di efgartigimod alfa-fcab ai pazienti con un'infezione attiva fino a quando l'infezione non è risolta. Per ulteriori informazioni, vedere la divulgazione del prodotto.
Miastenia gravis
La miastenia gravis è una malattia cronica autoimmune, neuromuscolare che causa debolezza nei muscoli scheletrici che peggiora dopo periodi di attività e migliora dopo periodi di riposo. Colpisce i muscoli volontari, specialmente quelli che sono responsabili del controllo degli occhi, del viso, della bocca, della gola e degli arti. Nella MG, il sistema immunitario produce anticorpi AChR che interferiscono con la comunicazione tra nervi e muscoli, causando debolezza. Gravi attacchi di debolezza possono causare problemi di respirazione e deglutizione che possono essere pericolosi per la vita. Circa l'85% dei pazienti sviluppa la gMG entro due anni.
Efgartigimod alfa-fcab è un frammento di anticorpo IgG1 umano che si lega a FcRn, riducendo la circolazione delle IgG. L'azione degli autoanticorpi AChR alla giunzione neuromuscolare è un fattore chiave della gMG.
"Le persone che vivono con la gMG hanno bisogno di nuove opzioni di trattamento che siano mirate alla patogenesi di fondo della malattia e supportate da dati clinici", ha detto James F. Howard Jr., professore di malattie neuromuscolari, medicina e salute alleata, Dipartimento di Neurologia, la University of North Carolina a Chapel Hill School of Medicine, e un ricercatore principale per la sperimentazione ADAPT. "L'approvazione di oggi rappresenta un nuovo importante passo avanti per i pazienti con gMG e le famiglie colpite da questa malattia debilitante. Questa terapia ha il potenziale per ridurre il carico di malattia della gMG e trasformare il modo in cui trattiamo questa malattia".

29/12/2021 11:00:00 Andrea Sperelli


Notizie correlate