I pipistrelli non si ammalano di Covid-19

Analisi sulla capacità degli animali di tenere a bada il virus

Come possono i pipistrelli coesistere con i virus, compresi vari tipi di coronavirus, senza soffrire delle malattie? I ricercatori del Center for Complexity & Biosystems dell'Università di Milano hanno studiato questa interessante questione e hanno scoperto che il successo nel tenere a bada i virus deriva dalle variazioni di temperatura corporea caratteristiche dei pipistrelli.
I pipistrelli sono rappresentati da più di 1.400 specie, circa un quarto di tutte le specie di mammiferi, popolano ogni tipo di habitat e sono gli unici mammiferi capaci di combattere in modo prolungato. Alcune specie di pipistrelli sono capaci di andare in letargo durante la stagione invernale, quando la temperatura diminuisce, le prede sono scarse e il fabbisogno di cibo può facilmente superare le risorse disponibili. Durante il giorno, la maggior parte dei pipistrelli diminuisce la propria attività ed entra in torpore per cacciare all'alba quando la temperatura esterna è più bassa e il cibo è più abbondante.
In un articolo appena pubblicato sul Journal of Royal Society Interface, i ricercatori del CC&B guidati da Caterina La Porta, docente di patologia generale presso il Dipartimento di Scienze e Politiche Ambientali dell’Università degli Studi di Milano e Stefano Zapperi, docente di fisica teorica presso il dipartimento di Fisica della stessa università, hanno dimostrato che le peculiari variazioni della temperatura corporea dei pipistrelli sono al centro della loro non convenzionale coesistenza con i virus. Utilizzando un modello minimo di interazione virus-ospite e analizzando i dati sperimentali della letteratura, i ricercatori sono stati in grado di valutare il contributo del torpore quotidiano nel mantenimento delle infezioni virali croniche nei pipistrelli.
"Abbiamo dimostrato che il torpore quotidiano contribuisce anche a una riduzione della risposta immunitaria, prevenendo i rischi correlati a un’infiammazione cronica", spiega Caterina La Porta. "Il nostro modello di interazione tra virus e risposta immunitaria presenta interessanti caratteristiche matematiche che mostrano come un attrattore quasi periodico non caotico rende il sistema più robusto contro le perturbazioni del ciclo sonno/veglia", conclude Stefano Zapperi.

28/07/2021 11:05:00 Andrea Sperelli

Notizie correlate

AstraZeneca, fattori di rischio non individuabili

  • Non è stato possibile capire quali fattori ne rendono pericolosa l’assunzione
    (Continua)




21 mesi di pandemia: come è cambiato il virus?

  • Mutazioni causate dalle risposte antivirali delle cellule umane
    (Continua)




Covid, dolore muscolare in metà dei pazienti





Forma latente di Ebola all’origine di una nuova epidemia

  • Studio segnala l’origine del focolaio attivo in Guinea
    (Continua)




L’aerosol contro il Covid

  • Nanocorpi per bloccare l’azione della proteina Spike
    (Continua)




Covid, vaccino possibile anche durante l’allattamento

  • In rari casi può causarne l’interruzione, ma non ci sono effetti negativi
    (Continua)




Diagnosticare il Covid attraverso il suono

  • L’analisi dei colpi di tosse può stabilire la positività
    (Continua)




Anche l’impotenza fra i sintomi del Long Covid

  • Farmaci per la disfunzione erettile potrebbero avere un effetto positivo
    (Continua)




Vaccini contro l’antibiotico-resistenza

  • In sviluppo contro diversi tipi di batteri resistenti
    (Continua)




Parvulan, l’ultima sciocchezza no-vax

  • Il farmaco importato dal Brasile dovrebbe curare il Covid
    (Continua)




Covid, la variante Delta è anche più pericolosa

  • Studio la associa a maggiori probabilità di malattia grave
    (Continua)




Covid, altissima la protezione per i vaccinati

  • Rarissimi i ricoveri in terapia intensiva e i decessi
    (Continua)




Covid, ora a rischio i bambini

  • Senza vaccino, i bambini sono più suscettibili al virus
    (Continua)




Covid, l’immunità naturale acquisita non basta

  • Tanti i soggetti a rischio che ritardano la vaccinazione
    (Continua)




Covid, in arrivo la terza dose di vaccino





Un anno di test salivari a scuola, pochi i casi positivi

  • Studio su diffusione e monitoraggio di Sars-CoV-2 nelle scuole
    (Continua)




Covid, c’è anche la variante Mu





Allarme Nipah, un nuovo virus ci minaccia





Covid, perché alcuni non sviluppano anticorpi

  • Fenomeno associato a giovani con carica virale bassa
    (Continua)