Per rifarsi il seno meglio le protesi o l’innesto di grasso?

Pubblicato il primo studio scientifico sul confronto tra i due metodi

È il professor Pietro Gentile, Professore Associato di Chirurgia Plastica e Ricostruttiva presso l'Università Tor Vergata di Roma, chirurgo di fama internazionale per la Chirurgia Plastica Rigenerativa ad aver pubblicato sul prestigioso "Journal of Clinical Medicine" il primo studio scientifico sul confronto tra l'uso delle protesi e del proprio grasso nell'aumento di volume del seno.
Lo studio racconta come siano cambiate, negli ultimi 20 anni, le procedure chirurgiche di rimodellamento del seno con un graduale passaggio dall'uso di impianti protesici definitivi all'innesto di grasso autologo.
Il lavoro, uno studio scientifico caso-controllo, mira a confrontare i risultati del rimodellamento mammario ottenuti in un gruppo di donne trattate con protesi (55 pazienti) per la correzione dell'ipoplasia mammaria con quelli di un gruppo trattato con innesto di grasso - Lipofilling - (50 pazienti), analizzando anche l'influenza delle deformità mammarie e toraciche (mammella tuberosa, asimmetria di volume e forma tra le mammelle, asimmetria del complesso areola-capezzolo, pectus excavatum e carinatum) nell'esito estetico. L'analisi pre e post-operatoria è stata eseguita con un'accurata valutazione clinica, fotografica e strumentale, quest'ultima basata su risonanza magnetica, mammografia ed ecografia.
I risultati: l'89% delle pazienti trattate con protesi mammarie ha mostrato ottimi risultati estetici dopo 1 anno rispetto alle pazienti trattate con tessuto adiposo, che hanno mostrato gli stessi risultati nel 64% dei casi. D'altro canto, però, la naturalezza dei risultati nel gruppo trattato con il Lipofilling era superiore a quella nel gruppo trattato con protesi. In ogni caso, sia le protesi che il lipofilling si sono dimostrati sicuri ed efficaci nella serie di casi trattati. Il lipofilling ha determinato risultati più naturali rispetto alle protesi, consentendo anche in maniera più efficace ed agevole il trattamento di deformità mammarie come il pectus excavatum, mentre le pazienti trattate con protesi hanno mostrato un risultato più evidente e duraturo nel tempo.

26/10/2021 10:10:00 Andrea Sperelli

Notizie correlate

I filler naturali illuminano lo sguardo

  • Alternativa al bisturi per chi desidera una correzione immediata
    (Continua)




La chirurgia estetica è sempre più giovane

  • La maggior parte degli adolescenti ha già affrontato interventi estetici
    (Continua)




È il momento del body reshaping





Tumore al seno, il trapianto autologo ricostruttivo





Il minilifting composito ringiovanisce il viso

  • L’intervento riscuote successo anche fra gli uomini
    (Continua)




Per rifarsi il seno meglio le protesi o l’innesto di grasso?

  • Pubblicato il primo studio scientifico sul confronto tra i due metodi
    (Continua)




Mastoplastica additiva: le cinque regole per l’estate





Rich girl face, da persone a personaggi

  • Gli adolescenti chiedono al medico estetico di assomigliare ai ricchi e famosi
    (Continua)




Stop al seno bombastico





La nuova estetica del lato B





Protesi al seno e rischio di linfoma





Anche il sesso migliora con la chirurgia plastica

  • Piccoli interventi per migliorare relazioni sentimentali e intimità
    (Continua)




Voglia di rinascita attraverso la bellezza





Una blefaroplastica estrema può danneggiare l’occhio

  • Cosmetici e chirurgia estetica possono causare la sindrome dell’occhio secco
    (Continua)




Il ritocco estetico diventa XL per colpa del Covid





Gluteoplastica, risultati migliori e recupero più veloce





Rinofiller, rifarsi il naso senza bisturi





Chirurgia estetica, un gel naturale per ridurre il gonfiore





Bellezza sotto l'albero, i ritocchi più desiderati

  • Regali all'insegna del benessere per il viso e il corpo
    (Continua)